La tua generosità sta tornando?

Intervista a Reb Rebele.

istock

Fonte: istock

Aiutare gli altri al lavoro a logorarti? Sfortunatamente, alcuni giorni può essere abbastanza difficile superare quello che devi fare da solo, figuriamoci trovare il tempo per aiutare gli altri. Quindi, c’è un modo per essere generoso e utile senza essere bruciato nel processo?

“Sebbene sia di aiuto, in genere genera molto valore, sia per chi stai aiutando, sia per le persone che ti circondano, essere generosi può diventare controproducente quando le tue risposte alle richieste di aiuto di tutti ti lasciano impoverito”, ha spiegato Reb Rebele, il direttore della ricerca di Wharton People Analytics quando l’ho intervistato di recente.

Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che quando le persone investono in connessioni efficaci di alta qualità e si comportano come “donatori”, che sono disposti ad aiutare gli altri senza aspettarsi nulla in cambio, piuttosto che “prendere”, che sono interessati solo a ottenere ciò che vogliono -Sono più efficienti nella risoluzione dei problemi, nell’affrontare le cose e nel bilanciare le richieste per garantire prestazioni costanti. Costruiscono inoltre team più coesi e coordinati e stabiliscono ambienti in cui gli altri ritengono che le loro esigenze siano una priorità assoluta, il che spesso aiuta le organizzazioni che hanno più cultura a sovraperformare gli altri luoghi di lavoro.

Reb ed i suoi colleghi hanno anche scoperto che esiste il rischio di un burnout della collaborazione in organizzazioni che fanno molto affidamento sul dare. Ad esempio, uno studio condotto su oltre trecento organizzazioni ha rilevato che la distribuzione del lavoro collaborativo è spesso estremamente sbilanciata, con il 20-30% delle collaborazioni a valore aggiunto provenienti solo dal 3-5% delle persone che diventano note per essere entrambe capaci e disponibili aiutare. Pertanto, le crescenti richieste poste ai “donatori” possono trasformare un circolo virtuoso in un circolo vizioso che crea strozzature e mina l’efficacia e la capacità di prosperare delle persone.

Il problema, spiega Reb, è che mentre i “donatori disinteressati” hanno una grande preoccupazione per gli altri, soffrono di una scarsa preoccupazione per se stessi e di conseguenza i loro atti di generosità li lasciano esausti e paradossalmente aiutano meno gli altri. Al contrario, i “donatori autoprotettivi” sono generosi, ma conoscono i loro limiti. Quindi, invece di dire “sì” ad ogni richiesta di aiuto, cercano modi di donare a basso impatto e ad alto impatto per garantire che possano sostenere la loro generosità e prosperare mentre sostengono gli altri.

Di conseguenza, gli studi suggeriscono che i donatori autoprotettivi offrono il supporto più diretto, prendono la maggior parte dell’iniziativa, formulano i suggerimenti migliori, si assumono la responsabilità di realizzare i propri obiettivi e apportano i contributi più sostenibili in un sistema. Raggiungono questo risultato meditando su come aiutano gli altri (cioè allineando proattivamente il loro dare con le loro forze e passioni in modo che donando rinnova la loro energia e forniscano maggior valore), quando aiutano (cioè dividono il loro dare in blocchi dedicati di tempo per mantenere i loro focus), e chi aiutano (ad esempio, dare priorità alle richieste e dire sì quando è più importante e inviare richieste agli altri quando non hanno tempo o competenze).

Reb ha suggerito di poter essere un donatore più protettivo da parte di:

  • Pezzetti il ​​tuo dare- puoi essere più riflessivo su chi, come e quando aiuti gli altri mettendo da parte una finestra temporale specifica per il tuo dare. Questo può aiutarti a essere più produttivo e meno drenato dalle richieste degli altri. E come manager, puoi promuovere una donazione efficace consentendo alle tue persone di avere più autonomia quando sono collaborative quando aiutano e quando lavorano ai loro compiti essenziali.
  • Proteggi la tua maschera di ossigeno – proprio come i consigli dati nei video sulla sicurezza delle compagnie aeree, assistendo in primo luogo alle tue esigenze – in questo caso, come tempo e motivazione – sarai più efficace nell’aiutare gli altri. Ristabilisci le tue energie per tutto il giorno facendo regolarmente pause o trovando altri modi per ricaricare.
  • Investire in favori di cinque minuti: trovare modi per fare qualcosa ogni giorno che aiuti qualcuno in meno di cinque minuti. È facile sentire la necessità di rispondere alle richieste di aiuto, anche se non sei la persona giusta poiché è al di fuori dell’area di competenza. Un modo per farlo è attraverso un triage pro-sociale. Considera chi altro nella tua rete potrebbe essere più adatto e sarebbe in grado di dare una risposta più rapidamente. Puoi quindi fare un’introduzione o chiedere loro di raccomandare una risorsa da condividere. In alternativa, crea o cerca risorse della conoscenza: articoli, video o collegamenti che forniscono informazioni utili. In questo modo, puoi spingere le persone nella direzione di ciò che vogliono sapere, o aumentare la loro scelta nel trovare le informazioni per se stesse.
  • Creare donazioni culturali – il più delle volte accade nelle nostre organizzazioni perché qualcuno era disposto a chiedere aiuto. Come leader, puoi rendere facile e accettabile per il tuo popolo chiedere aiuto alle persone giuste in un modo che non ponga troppe richieste agli altri. Ciò può incoraggiare più donazioni da parte di tutti e impedire ai donatori altruisti di esaurire il potenziale, poiché possono essere più propensi a identificarsi quando assumono troppo e quando hanno bisogno di aiuto da soli.

Cosa puoi fare per essere un donatore auto-protettivo?

Solutions Collecting From Web of "La tua generosità sta tornando?"