La transizione di genere nell'occhio di chi guarda?

Il notiziario di questa settimana è animato dall'orchestrato "coming out" di Caitlyn Jenner, emergente pubblicamente formato e di Hollywood bello dal corpo e dalla psiche di Bruce Jenner. Tutti gli esperti di talk show e talk show dovranno fare i conti con questo problema, ma lo sarà anche per qualsiasi esperto di genere. Non voglio deludere, ma voglio considerare un punto trascurato, che discuterò in modo più dettagliato nel mio nuovo libro, Sight Unseen: Gender and Race through Blind Eyes e questa è la centralità della visione nel definire il genere e, quindi, transgender.

Noi che siamo avvistati spesso non ci rendiamo conto che giudichiamo il genere principalmente da segnali visivi. Ricorda per un momento l'imbarazzo di incontrare qualcuno il cui genere non è evidente ai tuoi occhi. Siamo creature visive in una cultura sempre più iper-visiva e l'identità di genere non sfugge allo "sguardo culturale maschile", ma ne è ampiamente formata.

Ci sono molte sottili variazioni sul genere che hanno dovuto essere crollate nelle due scelte disponibili. Questa dicotomia non è scientifica, ma culturale, e coloro che non si adattano sono stati tipicamente "assegnati" all'uno o all'altro genere dall'ostetrico presente alla nascita e quindi costretti a farlo. Intere industrie si occupano anche di creare prodotti che contribuiscono a creare la falsa illusione della dicotomia perché la maggior parte di noi non si adatta. La maggior parte di questi prodotti sono progettati per le donne per cambiare la forma delle caratteristiche del viso, rimuovere i capelli, applicare il trucco, cambiare la forma del corpo e le dimensioni, ecc. Ecc. In particolare Jenner si è seduto nella posizione "maschile" quando si presentava come Bruce e nel Uno "femminile" come Caitlin.

Questo caso di transizione evidenzia certamente la centralità della visione e, inoltre, l'impatto dei media visivi. È una transizione focalizzata sullo specchio e sull'aspetto. Questa definizione di genere può rimanere nascosta agli occhi, ma, se sei cieco, il transgender non è affatto una transizione. Per un cieco, tutti i segnali del genere rimangono gli stessi. Solo le qualità disponibili per gli occhi sono cambiate, sebbene l'inflessione vocale possa a volte essere cambiata un po 'attraverso la pratica.

Più di un individuo cieco mi ha detto che la transizione non aveva significato nel loro mondo senza segnali visivi. Non solo la transizione di genere è in gran parte o interamente un fenomeno focalizzato visivamente, ma si è anche sviluppata per privilegiare la mente rispetto alla materia. L'identità psicologica è considerata "reale", mentre il materiale o il fisico sono considerati "sbagliati", come in "Sono nato nel corpo sbagliato". Il corpo viene quindi alterato per conformarsi alle idee della mente. Ciò solleva le domande molto più profonde: "Che cos'è una donna?" E "Cos'è un uomo?" Sono psicologici o fisici o qualcos'altro? E questo è un problema che merita una discussione più seria e riflessiva di quella che abbiamo avuto.

Se fossimo creature diverse con occhi leggermente diversi, come sarebbe il genere? Sarebbe sicuramente diverso, a seconda di quello che hanno visto quegli occhi. Solo i nostri occhi umani vedono ciò che vediamo. Caitlin si adatta perfettamente alle idee di genere della metà del 20 ° secolo e si è fatta finta di apparire come una stellina di quell'epoca. Forse è tempo, nel XXI secolo, di aprire nuove categorie piuttosto che rafforzare quelle di un altro secolo. Non vogliamo pensare più profondamente a questioni così importanti, piuttosto che limitarci a rispondere alla superficialità della vista e al (dis) conforto delle dicotomie tradizionali?

Solutions Collecting From Web of "La transizione di genere nell'occhio di chi guarda?"