La trance dei terroristi

Una delle poche cose che merita di ripetersi all'infinito è che l'isteria può essere tanto ingannevole quanto eccitante.

La televisione ha coperto il terrorismo di Parigi come ha fatto con gli attacchi dell'11 settembre, ripetendo le stesse foto e clip ancora e ancora. La ripetizione può essere un modo ritualistico di trasformare il volo in lotta e l'ansia in risoluta decisione. Ma la fisiologia di emergenza è infida. Come ha detto FDR, se hai paura di sentirti spaventato e fuori controllo, la paura può trasformarsi in panico.

Poiché siamo animali che risolvono problemi, guardiamo lo schermo televisivo cercando di capire la minaccia mortale che i terroristi hanno creato. Eppure, dopo un disastro, il mix di speculazione e banalità non è utile, e viene fornito con ricordi a livello di distruzione dell'annientamento. Il contenuto invita alla fissazione in trance che è ansiosamente vuota. Il bagno di sangue è finito. Ora l'aldilà brilla di minaccia e una rabbia da punire. Un politico, sparando dal labbro, voleva bombardare il Medio Oriente e "tollerare" le morti civili. Puoi diventare ciò che odi.

Come l'uccisione dilagante, il terrorismo prospera sulla pubblicità. Gli estranei cercano di infrangere i record per infliggere danni impensabili agli insider per dominare la loro attenzione. Entrambi i tipi di assassini giocano ruoli paramilitari – nel gergo psichiatrico sono pseudocommandos. La violenza spettacolare promette di renderli dei grandi colpi, superando la paura personale di non essere nessuno, condannato come gli altri miliardi di bipedi all'insignificanza e alla morte. La competizione per ottenere un impatto sovrumano sul mondo richiede che gli assassini siano dei copioni per superare i precedenti. I jihadisti non fanno più chiacchiere su 72 o più vergini in paradiso, perché l'omicidio di routine ha reso quell'obiettivo magica banale.

Non sono solo jihadisti. È come siamo costruiti. Con il fascino ipnotico, la TV ha fatto crollare l'aereo di linea nel World Trade Center ripetutamente. Lo spettacolo della morte ha contribuito a innescare i riflessi che hanno sostenuto l'invasione illegale e tragicamente destabilizzante dell'Iraq – che a sua volta ha sconvolto la coesistenza religiosa e tribale attraverso il Medio Oriente. È alla base della storica crisi dei rifugiati di oggi e probabilmente del massacro di Parigi.

Inizialmente l'intervento di trauma di emergenza si è concentrato sull'incoraggiare i malati dell'11 settembre a rielaborare e integrare il terrore. Alla fine si è dimostrato più efficace per calmare le vittime e reintegrarle nella vita di tutti i giorni, lasciando che il terrore dell'annientamento si placasse.

Ogni guerra aumenta la vittimismo e l'autocommiserazione per giustificare l'omicidio. Ci viene detto che circa la metà delle truppe statunitensi in Iraq ha incolpato erroneamente Saddam per l'11 settembre. I singoli soldati erano adulti razionali, ma i fantasmi della vendetta, della giustizia, dell'autostima e dello scopo eroico cementavano l'illusione. Una volta in pericolo, le truppe non potevano permettersi di correggere le loro false informazioni.

La vittima indossa molte maschere nella cultura americana oggi. Come manifestante, una vittima può essere eroica, come nelle epiche marce dei diritti civili. Ma quando campus e media sono bloccati in un ciclo di feedback, ogni gesto è amplificato e il gioco di ruolo complica i conflitti sulla razza e sul genere. Lo stupro ora è disponibile in programmi TV e pubblicità sensazionali. In un'atmosfera a gomito, le provocazioni razziali diventano più audaci. Il riconoscimento delle molestie sessuali negli anni '80 viene ora spesso considerato un'evidente cultura dell'assalto. Le statistiche volano come pallettoni e la burocrazia del Titolo IX cerca di controllare relazioni complesse. Quando i sentimenti sono intensi ma non c'è assalto, emergono concetti come microaggressività, impossibile da provare o smentire.

La calma aiuta a pensare attraverso le minacce. Rende anche più facile sentire le istruzioni intuitive che il corpo usa per avvertirci del pericolo. Non solo la calma aiuta le persone particolari a ottenere giustizia, ma protegge anche la fiducia inconscia da cui dipende la civiltà. È penoso che anche i terroristi di Parigi abbiano ferito i profughi che sono fuggiti dai campi di sterminio della Siria. In effetti, le teste calde puniscono coloro che hanno raccolto la famiglia e se ne sono andati, rifiutando di essere trascinati nel turbine di rabbia e atrocità.

*******************

used with permission
Fonte: Helena Farrell per Tacit Muse: usata con permesso

Come stile culturale, l'abbandono pazzesco è terrificante ma anche allettante. Promette l'accesso a risorse straordinarie rovesciando le inibizioni. Lo stile Berserk ha plasmato molte aree della cultura americana contemporanea, dalla guerra e dagli affari alla politica, allo sport e alla vita intima. Concentrandosi sull'America del dopo-Vietnam e utilizzando le prospettive della psicologia, dell'antropologia e della fisiologia, Farrell dimostra la necessità di disfare le confusioni nella lingua e nella fantasia culturale che guidano il fascino della nazione verso uno stile bizzarro.

<< Questo libro mi stupisce con la sua audacia, la sua chiarezza e la sua portata. Di solito pensiamo ai comportamenti "berserk" – dagli omicidi apocalittici di furia alle esecuzioni estatiche come Burning Man – come estremi di esperienza, al di fuori delle vite ordinarie. in termini affascinanti, Farrell mostra come la cultura contemporanea abbia riformulato molte varietà di abbandoni in strategie autocoscienti di controllo e senso.

L'abbandono è diventato un obiettivo comune per organizzare l'esperienza moderna e una risorsa spesso problematica per mobilitare e razionalizzare l'azione culturale e politica. Questa analisi storica ci illumina e ci dà potere. >>

-Les Gasser, professore di informatica e informatica, U. dell'Illinois, Urbana-Champaigne.

Solutions Collecting From Web of "La trance dei terroristi"