La tesi delle feci dell'obesità

L'obesità non "appartiene" più all'endocrinologo, né occupa l'alto reame libero dal paziente dei funzionari della sanità pubblica. Ora il sudore gocciola di sudore, rendendo la corsa sulla metropolitana molto più scomoda mentre si appoggia contro il mio corpo, un fornitore di frottage con glassa di cioccolato sulle sue labbra. L'obesità è un'infiammazione e le sue pieghe cadono su di me.

E forse non sarebbe così male – tranne che l'infiammazione può significare il dolore cronico.

Studi su animali hanno dimostrato che il knock-out dei geni per il fattore di necrosi tumorale-alfa, oi recettori per il fattore di necrosi tumorale-alfa, protegge i topi dall'insulino-resistenza. Le grandi cellule adipose sono in grado di attivare il sistema immunitario, producendo sostanze biochimiche infiammatorie come l'interleuchina-6 e il fattore di necrosi tumorale alfa. Troppi acidi grassi saturi possono innescare una varietà di vie infiammatorie e causare la deposizione di grasso in organi diversi. Naturalmente, ci sono componenti "buoni" lipidici, il primo esempio sono gli acidi grassi omega-3, che hanno proprietà antinfiammatorie e antidiabete. Ma ci sono troppi lipidi "cattivi".

Quindi, se l'obesità ha un certo grado di responsabilità per l'infiammazione, ne consegue che l'inedia può essere usata come antinfiammatoria? Come sintetizzato bene in un articolo del 2005 su "Nature Reviews Molecular Cell Biology", la restrizione calorica è in effetti l'unico intervento dietetico dimostrato per estendere la durata di una varietà di forme di vita, dal lievito ai vermi alle mosche ai roditori e probabilmente agli umani. È interessante notare che, prima dello sviluppo dei corticosteroidi alla fine degli anni '40, la fame era prescritta come trattamento per alcune malattie autoimmuni; e tre quarti di un secolo dopo, in un articolo del "Journal of Immunology" nel 2012, apprendiamo che le cellule T regolatorie, benefiche nel lupus, vengono espanse a causa del digiuno.

Come fermare la crescente ondata di obesità? Ci arrabbiamo quando ci viene detto che non dovremmo bere quelle bibite da 32 once. Sembriamo persino diffondere l'obesità tra quelli con cui siamo più amichevoli, una specie di malattia trasmessa socialmente per la nostra epoca: utilizzando i dati del Framingham Heart Study, i ricercatori di Harvard hanno scoperto che l'obesità sembra diffondersi nei social network, in un modello dipendente dalla natura di quei legami sociali. Nel loro articolo del "New England Journal of Medicine" del 2007, gli autori hanno scoperto che gli amici sembrano avere un peso maggiore rispetto ai coniugi; coppie di amici dello stesso sesso hanno avuto maggiore influenza sull'aumento di peso reciproco rispetto alle coppie di amici dell'altro sesso. Abbiamo maggiori probabilità di essere influenzati da quelli che ci assomigliano. Le piattaforme di social networking e i siti Web non fanno altro che rinforzare questa pericolosa simbiosi.

Eppure, forse, solo forse, il nostro microbioma potrebbe venire in soccorso. In una ricerca pubblicata lo scorso anno su "Science", è stato dimostrato che le comunità microbiche dell'intestino possono trasmettere tratti magri o obesi. Alcuni batteri, per esempio, sono stati osservati ad alti livelli nel microbiota di individui magri, e sono stati a loro volta considerati un ruolo protettivo contro l'aumento dell'accumulo di grasso negli animali da laboratorio.

Forse invece di addominali arrocheremo un giorno al dottore per trapianti fecali.

Solutions Collecting From Web of "La tesi delle feci dell'obesità"