La terapia cognitiva può aiutare le persone con schizofrenia?

Immagina che, dopo esserti sentito male per un po ', visiti il ​​tuo medico. "Ah," dice il medico con decisione, "quello di cui hai bisogno è il farmaco X." "È grandioso", dici. "Sì," risponde il dottore, "è spesso piuttosto efficace, anche se possono esserci effetti collaterali. Potresti aumentare di peso. O senti sonnolenza. E potresti sviluppare tremori che ricordano il morbo di Parkinson … "Con diffidenza, lanci un'occhiata alla prescrizione sulla scrivania del dottore, ma lei non ha ancora finito. "Alcuni pazienti scoprono che il sesso diventa un problema. Diabete e problemi cardiaci sono un rischio. E a lungo termine il farmaco potrebbe effettivamente ridurre il tuo cervello"

Se questo scenario sembra inverosimile, è in effetti proprio ciò che affronta le persone con diagnosi di schizofrenia. Dagli anni '50, la malattia è stata generalmente trattata con i cosiddetti farmaci neurolettici o antipsicotici, che, come con molti farmaci, sono stati scoperti per caso. Un trattamento di chirurgo francese per lo shock chirurgico ha scoperto che uno dei farmaci che ha provato – la clorpromazina antistaminica – ha prodotto potenti effetti psicologici. Ciò spinse lo psichiatra Pierre Deniker a somministrare il farmaco ad alcuni dei suoi pazienti più problematici. I loro sintomi migliorarono drammaticamente, e un importante passo avanti nel trattamento della psicosi sembrava essere arrivato.

Molti altri farmaci antipsicotici hanno seguito la scia della clorpromazina e oggi questi farmaci rappresentano quasi il 5% della spesa totale per droga negli Stati Uniti e fino al 10% delle prescrizioni psichiatriche nel servizio sanitario nazionale del Regno Unito. Sono articoli costosi: negli Stati Uniti si stima che ogni anno vengano spesi oltre $ 13 miliardi di neurolettici. Il Regno Unito spende di più su questi farmaci di quanto faccia per qualsiasi altro farmaco psichiatrico, inclusi gli antidepressivi.

Dagli anni '50 la strategia di troppe squadre di salute mentale è stata in genere semplice. Supponendo che la psicosi sia principalmente un problema di cervello biologico, i medici prescrivono un farmaco neurolettico e tutti fanno del loro meglio per convincere il paziente a prenderlo, spesso per lunghi periodi. Non c'è dubbio che questi farmaci possono fare una differenza positiva, riducendo le delusioni e le allucinazioni e rendendo meno probabile la recidiva, a condizione che l'individuo si attacchi alle medicine.

Eppure qui sta un problema molto considerevole, perché i tassi di abbandono sono alti. In parte questo perché gli individui a volte non accettano di essere malati. Ma una delle ragioni principali sono gli effetti collaterali: questi variano da farmaco a farmaco, ma sono comuni e per molti individui peggiori dei sintomi che sono progettati per trattare. Inoltre, gli anti-psicotici non funzionano per tutti. Tutto sommato, si stima che dopo sei mesi circa il 50% dei pazienti non segua più la loro prescrizione, sia che assumano farmaci a casaccio o per niente.

Il trattamento convenzionale per questo più grave di malattie psichiatriche, quindi, è costoso, spesso spiacevole per i pazienti, e non sempre efficace anche per coloro che effettivamente continuano a prendere i farmaci. Ma è quello su cui ci siamo basati, il che aiuta a spiegare perché i risultati di una sperimentazione clinica, pubblicati su The Lancet , hanno generato così tanto interesse e dibattito tra i professionisti della salute mentale. Un gruppo guidato dal professor Anthony Morrison dell'Università di Manchester ha assegnato a caso un gruppo di pazienti, ognuno dei quali aveva optato contro i farmaci antipsicotici, al trattamento come al solito (coprendo una gamma di cure non farmaceutiche) o al trattamento come al solito più un corso di terapia cognitiva (comprendente una media di 13 sessioni per nove mesi, più quattro sessioni di richiamo nei prossimi nove mesi). I tassi di abbandono per la terapia cognitiva erano bassi, mentre la sua efficacia nel ridurre i sintomi della psicosi era chiara e apparentemente paragonabile a ciò che i farmaci possono ottenere.

Qual è la terapia cognitiva per la schizofrenia? Al centro è l'idea che il paziente dovrebbe essere incoraggiato a parlare delle proprie esperienze, proprio come farebbero per ogni altra condizione psicologica. La psicosi non è vista come una malattia biologica che uno ha o non ha. Invece, proprio come ogni altro disturbo mentale, le esperienze psicotiche rappresentano le più gravi istanze di pensieri e sentimenti (in particolare delusioni e allucinazioni) che molti di noi subiscono di volta in volta.

Lavorando insieme, il paziente e il terapeuta cognitivo sviluppano un modello di ciò che sta causando le esperienze psicotiche e il motivo per cui si ripetono. Questi fattori variano da persona a persona, quindi ciò che viene prodotto è un resoconto su misura dell'esperienza individuale, che viene poi utilizzato per guidare il trattamento. Per esempio, una persona così preoccupata dalle paure paranoiche che non metteranno piede fuori potrebbe essere aiutata a tracciare le radici della loro ansia nelle esperienze passate; per testare gradualmente i loro pensieri spaventosi; e imparare a gestire la loro ansia mentre proseguono con le attività di cui godono. Un individuo turbato sentendo le voci sarà aiutato a capire che cosa sta innescando queste voci e a sviluppare una relazione più fiduciosa e autorevole con loro.

Questi sono relativamente primi giorni. Ciononostante, la maggior parte delle numerose meta-analisi sull'efficacia della CT per la psicosi, aggiunte al trattamento standard, hanno indicato benefici definiti (anche se modesti) per i pazienti, con la più recente dimostrazione che la TC è migliore di altri trattamenti psicologici per ridurre deliri e allucinazioni . Le ultime linee guida pubblicate dal National Institute for Health and Care Excellence del Regno Unito lo raccomandano a chi è a rischio di psicosi e, se combinato con farmaci, per persone con problemi in corso, ma non tutti sono convinti (il critico più importante l'ha paragonato a la moda negli anni '40 e '50 per il trattamento della schizofrenia attraverso il coma insulino-indotto. E sebbene la ricerca trattata in The Lancet sia incoraggiante, è stata su piccola scala. La TC per la psicosi è ancora in continua evoluzione e riteniamo che l'evoluzione dovrebbe dare la priorità a tre aree chiave.

Innanzitutto, dobbiamo concentrarci sulla comprensione e sul trattamento delle esperienze psicotiche individuali. Come abbiamo già riportato in Know Your Mind ("Cosa c'è di sbagliato nel concetto di schizofrenia?"), C'è una ragione in più per dubitare dell'utilità della diagnosi "schizofrenia": il termine è stato usato come un punto di riferimento per un assortimento di pensieri e sentimenti insoliti che spesso non hanno connessioni intrinseche e che non sono qualitativamente diversi da quelli sperimentati dalla popolazione generale. Ogni esperienza psicotica può richiedere un trattamento personalizzato.

In secondo luogo, dobbiamo basarci sulla recente trasformazione nella comprensione delle cause delle esperienze psicotiche, prendendo un fattore alla volta (insonnia, diciamo o preoccupati), sviluppando un intervento per cambiarlo, e quindi osservando gli effetti di quell'intervento su un individuo le difficoltà.

Infine, dobbiamo ascoltare ciò che i pazienti desiderano dal loro trattamento, ad esempio concentrandosi sul miglioramento dei livelli di benessere (che tendono ad essere molto bassi tra le persone con schizofrenia).

Per troppe persone diagnosticate con schizofrenia, i farmaci non funzionano – o, almeno, non in un modo che li renda un'opzione tollerabile. Come ha commentato lo psichiatra Robin Murray: "Che cosa fare per i pazienti con sintomi psicotici continui che non vogliono assumere antipsicotici? Fino ad ora non si faceva granché, tranne che insegnare loro come fosse sciocco questo, con il solito risultato che i pazienti avrebbero semplicemente smesso di frequentare. "Se la vera promessa della terapia cognitiva può essere soddisfatta, potremmo finalmente avere un effettivo genuino, relativamente economico, e alternativa gratuita per effetti collaterali. Guarda questo spazio.

Daniel e Jason Freeman sono gli autori di Paranoia: la paura del 21 ° secolo . Su Twitter sono @ProfDFreeman e @ JasonFreeman100. Una versione di questo blog è apparsa per la prima volta su The Guardian : http: //www.theguardian.com/science/blog/2014/mar/07/treat-schizophrenia -…

  • Inside Inside Out (No Spoiler!)
  • Un ritratto clinico di un uso pornografico online eccessivo (parte 2)
  • The Great National Opioid Mess
  • Uso della marijuana da parte di bambini e adolescenti: i genitori, attenzione!
  • 6 modi più intelligenti per affrontare un bullo
  • Abbracciando l'ambivalenza
  • Perché una frase semplice può salvare la tua relazione
  • La tua memoria non è ciò che pensi che sia
  • Cosa puoi aspettarti davvero dalla terapia di coppia
  • Afroamericani e stereotipi patologici
  • Pronto! Fuoco! Scopo!
  • Antidepressivi da esecutore-umano di irrelazione
  • Sei elementi di tutte le "cure parlanti"
  • Ascolto profondo nelle relazioni personali
  • Come avere conversazioni migliori con i tuoi figli
  • La tua salute mentale è più importante dei tuoi voti
  • Cosa fare con i tuoi genitori una volta che sei un adulto
  • Capire l'accesso dei genitori ai record
  • Marraige aperto sessualmente
  • I miei migliori nuovi pensieri sul lavoro
  • Neurofeedback: uno strumento di consulenza notevole
  • "Tu vuoi cosa?!" Come chiedere nuove mosse sessuali
  • Autismo - È una cosa familiare
  • Trillin v. Twitter: hanno già finito l'artiglieria?
  • Trattare William Shakespeare
  • Studio CDC sugli interventi comuni di trauma per i bambini
  • I cani non possono curare il cancro
  • 5 modi per dare consigli - dare libri che feriscono le donne
  • Famiglia e depressione durante le vacanze
  • Amore, Volontà e Essere Nudi
  • La via naturale alla guarigione della psoriasi
  • Inaugurazioni, Marche femminili e ruolo sociale della musica
  • Miss Serious, due problemi gravi
  • Salvaguardia contro l'infedeltà
  • Dovresti dire "Grazie per il tuo servizio"?
  • Riflessioni sull'anima di Washington, DC