La tecnologia rende stupidi i giovani?

Circa un mese fa, un amico mi ha inviato un articolo di Sandy Hingston, della rivista di Filadelfia, dal titolo "Is It Just Us, o Are Kids Getting Really Stupid?" Il punto principale dell'articolo sarà familiare a chiunque sia abbastanza vecchio da ricordare non -la discoteca ironica e per non sapere, o cura, chi è Lady Gaga: Kids in questi giorni!

Ma Hingston non si sta solo lamentando; è preoccupata per ciò che queste technocreatures mancano nel piacere vecchio stile. Come il piacere di leggere The Great Gatsby , piuttosto che guardare il film (aggiornando il proprio account Twitter ogni venti secondi, senza dubbio). Vi raccomando di leggere l'intero articolo, ma questo paragrafo finale vi darà un'idea di dove proviene:

Nella nostra fretta di rispondere al rintocco, al cinguettio, all'icona che rimbalza, nel nostro desiderio di dimostrarci multitasker per eccellenza, nella nostra disponibilità a stare da soli a casa e contare i nostri "amici", ironicamente, stiamo trascurando il vero solitudine Vantaggio: l'opportunità che offre di sviluppare quel saggista che Sven Birkerts descrive nelle Elegie di Gutenberg come "la nostra interiorità, la nostra auto-riflessione, il nostro orientamento verso l'ignoto". In altre parole: un'anima.

E, naturalmente, per portare quell'anima coltivata dalla solitudine in gioco con altre persone.

Ho inoltrato l'articolo a un gruppo di amici, tra cui Thomas Finsterbusch, un ragazzo giovane che ho incontrato di recente, che sembra essere un evidente contro-esempio a tutto ciò che Hingston annota nel suo articolo. È molto intelligente, premuroso, legge libri (tra cui Sex at Dawn – un tipo intelligente!), Sa come interagire con altri esseri umani e, quando ci siamo incontrati per una birra qualche settimana fa, non ha guardato il suo cellulare neanche una volta . Ma Thomas non è un luddista hippie. È completamente inserito nel mondo tecnologico. Le paure di Hingston stanno corrodendo il cervello della gioventù americana. Sta lavorando al suo dottorato di ricerca in informatica, infatti.

Ecco la risposta di Thomas all'articolo e la mia risposta a lui (pubblicata con il suo permesso). Se il nostro dialogo continua, pubblicherò altre rate qui. Nel frattempo, facci sapere cosa pensi di questo. C'è qualcosa di cui preoccuparsi, o i giovani non sono solo giovani?

——————

Chris,

Ho sentito di cosa si preoccupa e condivido molte delle stesse preoccupazioni. Tuttavia, uno dei presupposti fondamentali che sta facendo è che una connessione o attività "reale" è intrinsecamente più utile di una "virtuale". A prima vista, sono d'accordo: certo che avere birre con un amico in un bar è più ricco che inviare un SMS ad un amico. Ma scavando più a fondo, faccio fatica a difendere davvero questa intuizione. Alcuni pensieri:

* se osservi il cervello umano come un puro meccanismo di input / output, allora c'è una vera distinzione tra le onde luminose che rimbalzano su un uccello in volo e le onde luminose emesse da un TV LED che ritraggono quella stessa scena? Uno è migliore o più reale dell'altro?

* Ho alcuni problemi con gli scritti di Kurzweil, ma a mio parere la sua descrizione di mescolare il cervello umano con la tecnologia informatica avverrà sicuramente. Stiamo già utilizzando la tecnologia per migliorare la visione (occhiali) e l'udito (apparecchi acustici), e non è tanto un tratto che saremo in grado di migliorare la nostra cognizione. Eppure sono sicuro che vedremo i soliti Ludditi che denunciano la capacità di caricare istantaneamente nuove conoscenze (per esempio, la lingua spagnola o la cronologia completa della Seconda Guerra Mondiale) e invece insistono sul fatto che è molto più "naturale", quindi meglio fare è un modo vecchio stile: ripetere le cose più e più volte fino a quando finalmente ti conficca nel cervello. Non importa che questo sia orribilmente inefficiente.

* le persone sembrano confondere la genuinità con la quantità di sforzo spesa. La mia e-mail è meno preziosa di una lettera scritta a mano, solo perché non è scritta con inchiostro sulla polpa dell'albero e arriva in meno di un secondo? Con questa logica, la forma più sincera e utile di esprimere te stesso è di cesellare il tuo messaggio in una tavoletta di roccia.

* per quanto riguarda la scarsa attenzione: non sono mai stato più concentrato su una singola attività che durante le intense sessioni di gioco al computer di 10 ore quando ero un adolescente.

Ma l'atmosfera "la nostra prossima generazione è un casino, siamo tutti condannati", l'atmosfera mi ricorda anche questa citazione:

"La nostra giovinezza   ora ama il lusso. Hanno cattive maniere, disprezzo per l'autorità, mostrano mancanza di rispetto per i loro anziani e chiacchiere d'amore al posto di esercizio; non si alzano più quando gli anziani entrano nella stanza; contraddicono i loro genitori, chiacchierano davanti alla compagnia, mangiano il loro cibo e tiranneggiano i loro insegnanti ".

– Socrate, 400 aC

Tommaso

————

Tommaso,

Quindi, nel difendere la corruzione della gioventù di oggi, cita Socrate, condannato a morte per aver corrotto la gioventù dei suoi tempi? Parla di un testimone simpatico!

Seriamente, sollevi alcuni problemi affascinanti qui (è per questo che lo sto mungendo per un post sul blog). In realtà, sospetto che Socrate tornerà a morderti su questo, poiché la parabola della caverna di Platone (in cui Socrate gioca un ruolo importante) è probabilmente la migliore espressione del ruolo della tecnologia nella vita di molti giovani oggi. Citando Wikipedia:

Socrate descrive un gruppo di persone che hanno vissuto incatenate al muro di una grotta per tutta la vita, di fronte a un muro bianco. Le persone guardano le ombre proiettate sul muro dalle cose che passano davanti a un fuoco dietro di loro e iniziano ad attribuire forme a queste ombre. Secondo Socrate, le ombre sono così vicine come i prigionieri arrivano a vedere la realtà. Poi spiega come il filosofo è come un prigioniero che viene liberato dalla caverna e arriva a capire che le ombre sul muro non sono affatto costitutive della realtà, dal momento che può percepire la vera forma della realtà piuttosto che le semplici ombre viste da i prigionieri.

La distinzione tra "onde luminose emesse da una TV a LED" raffigurante un uccello in volo e un vero uccello in volo sembra essere quella tra le ombre su un muro e la realtà. Uno è una rappresentazione della realtà mentre l'altro è "reale" ed esiste indipendentemente dal fatto che sia percepito dal meccanismo di input / output del cervello.

Certo, questo mi obbliga a dire cosa intendo per "realtà".

Penso che sia stato William Gibson a dire: "La realtà è ciò che, quando smetti di crederci, non scompare". Per parafrasare, la realtà è ciò che non cessa di esistere se le luci si spengono. In altre parole, un uccello nella boscaglia vale un intero gregge in TV.

Mentre ammiro l'audacia che ti porta a chiedermi se c'è davvero qualche differenza qualitativa tra una rappresentazione di qualcosa e la cosa stessa, dovrò andare con la realtà su questo. Dopotutto, in teoria, almeno, potresti lanciare una pietra a un uccello in volo e finire con la cena. Se fai lo stesso con il tuo "uccello", ti ritroverai con una TV rotta. Anche quando il placebo funziona, è ancora un placebo.

* Sono con te per il caricamento delle lingue. Prima è meglio è. Come dici tu, stiamo già utilizzando la tecnologia per migliorare il nostro corpo in molti modi, che vanno dagli apparecchi acustici alle protesi mammarie alle protesi di ginocchio. Perché non impiantare una lingua? Proprio la settimana scorsa, ho visto che c'è già qualcosa in questo senso per l'iPhone: il Word Lens.

* Chiedete: "La mia e-mail è meno preziosa di una lettera scritta a mano, solo perché non è scritta con inchiostro sulla polpa degli alberi e arriva in meno di un secondo? Secondo questa logica, la forma più sincera e utile di esprimere te stesso è cesellare il tuo messaggio in una tavoletta di roccia. "

Sì, penso che le email siano intrinsecamente meno preziose che lo stesso messaggio scritto su carta, anche se non posso fare a meno di sentirmi su un terreno meno solido qui. (E c'è una ragione per cui le pietre tombali sono fatte di granito.) Per me, è in parte una funzione del tempo richiesto. Posso dirti, quando mi ci è voluta un'ora per scrivere una lettera e poi andare all'ufficio postale per spedirla, ho scritto molte meno lettere di quelle che faccio oggi. Non sto dicendo che la vita sia andata meglio, necessariamente, ma che ho prestato più attenzione ad ogni lettera ed ero più selettivo su chi ho scritto. Per me sarebbe privo di senso tornare a scrivere lettere in carta e busta perché il mondo è cambiato e il mio rifiuto di accogliere tali cambiamenti non avrebbe avuto alcun effetto.

Allo stesso modo, penso spesso alla prima volta che sono andato in India alla fine degli anni '80. Ho portato con me una radio portatile a onde corte, così ho potuto sintonizzarmi di notte nella BBC o nella Voice of America e ascoltare notizie dalla mia parte del mondo. Una volta al mese andavo in un call center all'ufficio postale di una grande città e provavo a prenotare una linea per chiamare i miei genitori in America. Ci sono volute ore e la connessione era orribile, ma nel bene o nel male, mi ha fatto sentire molto lontano. Ora, vado in India e prendo il mio laptop e / o iPhone e sono in costante contatto con chiunque, ovunque, ogni volta … qualunque cosa.

Il mio punto non è solo che la mia esperienza è cambiata. Dopotutto, potrei prendere una nave a vapore in India (in teoria) e lasciare il mio computer a casa. Ma l'India è cambiata radicalmente nei venti anni trascorsi dalla mia prima visita, quindi la mia scelta di impegnarmi in modo antiquato non cambierà la mia esperienza del luogo.

* A 48 anni, ho sentito l'erosione della mia capacità di attenzione mentre sono diventato sempre più collegato all'ombra sulla parete della caverna. Se non sto attento, trascorro così tanto tempo a curare i miei piccoli giardini su Facebook e Twitter, tenere il passo con i miei feed RSS e provare a rispondere alle e-mail, che non "faccio" nulla! A volte mi trovo semi-coscientemente desideroso di poter avanzare velocemente attraverso le parti meno affascinanti della vita, il modo in cui automaticamente cerco il replay istantaneo quando guardo gli eventi sportivi dal vivo allo stadio, solo per essere ricordato, deluso, che la vita reale non offre riproduzione istantanea.

Nicholas Carr l'ha messo bene nel suo recente pezzo in The Atlantic, Google ci sta rendendo stupidi ?:

[I media] forniscono la materia del pensiero, ma modellano anche il processo del pensiero. E ciò che la Rete sembra stia facendo sta frammentando la mia capacità di concentrazione e contemplazione. La mia mente ora si aspetta di raccogliere informazioni nel modo in cui la Rete la distribuisce: in un flusso di particelle in rapido movimento. Una volta ero un subacqueo nel mare di parole. Ora sfrido lungo la superficie come un ragazzo su una Jet Ski.

Non posso fare a meno di sentire che più mi inoltro velocemente nella mia vita, più diventa breve. Ho attraversato questa accelerazione nei miei anni '30 e '40. Mi chiedo quanto debba essere breve la vita per le persone nate in questo torrente impetuoso. Mi chiedo perché la depressione è la malattia della nostra età, perché i tassi di suicidio continuano a salire, perché la vita stessa sembra essere troppo disturbo per sempre più giovani. Le ombre sul muro possono sembrare vere, ma non nutrono e lasciano troppi di noi vuoti e senza speranza.

CPR

———-

Notizie dai libri: Siamo entusiasti del fatto che Sex at Dawn sia stato nominato uno dei libri preferiti di NPR del 2010. Il nostro libro è stato anche nominato per il Goodreads Choice Award (con alcuni libri davvero incredibili che saremo onorato di perdere!). Per gli aggiornamenti quotidiani relativi ai libri, basta "come" la nostra pagina Facebook o l'account Twitter.

Solutions Collecting From Web of "La tecnologia rende stupidi i giovani?"