La tecnologia rende il bullismo più facile?

L'ascesa delle nuove tecnologie di comunicazione ha reso più facile che mai per i giovani rimanere in contatto con amici, familiari e persino estranei provenienti da tutto il mondo. Ma c'è anche un lato oscuro in questo essere connesso. Non solo il cyberbullismo è diventato più comune, soprattutto per gli adolescenti, ma le storie sulle campagne di molestie anonime e l'impatto devastante che possono avere sulle vittime mettono in evidenza alcuni dei pericoli di questo nostro nuovo mondo coraggioso.

Quindi, quanto è comune il cyberbullismo? Le molestie online possono assumere forme diverse e la definizione legale di cyberbullismo varia spesso a seconda di dove vive la vittima. Tuttavia, le indagini sulle vittime di giovani che riferiscono di aver subito qualche forma di molestie online vanno dal 10 al 35 percento. Ciò che rende i pettegolezzi online e le molestie viziose così efficaci è che può essere pubblicato in modo anonimo. Ciò consente a questi post di essere letti da numerosi altri giovani in qualsiasi altra parte del mondo e rende anche molto più facile per gli altri "aderire" e diventare parte del bullismo.

Casi come "Gamergate" e altri casi di "trolling" di Internet mostrano quanto possa essere devastante questo tipo di attacco. Le vittime di questo cyberbullismo, in particolare donne o membri di gruppi di minoranza sessuale, hanno spesso poche protezioni legali anche quando i cyberbulli sono facilmente identificabili. Il bullismo online può includere: la diffusione di pettegolezzi maligni, la pubblicazione di immagini compromettenti o persino il cyberstalking. Le storie dell'orrore sul cyberbullismo continuano a essere riportate nei media popolari e non è raro che i giovani commettano un suicidio a causa dell'impossibilità di far fronte all'abuso.

Nonostante la facile disponibilità di piattaforme di social media come Facebook e Twitter, il bullismo di persona è ancora molto più comune del cyberbullismo. Inoltre, questo tipo di molestie può spesso includere il cyberbullismo insieme all'intimidazione di persona. Gli studi di ricerca di giovani che riferiscono di aver subito molestie verbali, fisiche o emotive hanno dimostrato che il 18 percento ha anche riferito di essere vittima di bullismo informatico. Questo stesso studio ha anche dimostrato che il 95 percento delle vittime di cybernotizie vive offline e molestie online. Non sorprende che i giovani che incontrano molteplici forme di bullismo, compreso il cyberbullismo, hanno spesso maggiori probabilità di segnalare problemi emotivi rispetto alle vittime del bullismo tradizionale. Sono anche a maggior rischio di suicidio e / o problemi medici legati allo stress.

Eppure, nonostante il profilo pubblico che il cyberbullismo ha in questi giorni, ci sono stati pochissimi studi di ricerca direttamente confrontandolo con forme più tradizionali di molestie. Le vittime del cyberbullismo subiscono un trauma emotivo maggiore rispetto alle vittime di altre forme di bullismo? Mentre gli esperti suggeriscono che il trauma emotivo delle molestie online può essere molto più dannoso di altre forme di bullismo, dimostrando che può essere difficile da dimostrare. Un nuovo studio di ricerca pubblicato sulla rivista Psychology of Violence esamina diverse forme di molestie, sia online che offline, e l'impatto che può avere sui giovani. Condotto da un team di ricercatori presso l'Università del New Hampshire, lo studio è stato parte di un sondaggio telefonico nazionale che ha coinvolto 791 giovani di età compresa tra i 10 ei 20 anni.

Come parte del sondaggio telefonico, gli intervistatori hanno fornito un preambolo che descrive diversi modi in cui potrebbero verificarsi molestie. Ai partecipanti è stato quindi chiesto quanto segue:

"Quando i bambini chiamano qualcuno significa nomi, prendili in giro o prendili in giro in modo offensivo; quando i bambini escludono o ignorano qualcuno o inducono gli altri a rivoltarsi contro di loro; quando i bambini diffondono false voci su qualcuno o condividono qualcosa che doveva essere privato (come qualcosa che hanno scritto o un'immagine di loro) come un modo per creare problemi per loro; o quando i bambini colpiscono, calciano, spingono, spingono o minacciano di ferire qualcuno. Pensa all'anno passato e solo agli incidenti che coinvolgono Internet o un telefono cellulare in qualche modo. Qualcun altro a parte un membro della famiglia ti ha fatto qualcosa di simile? "

Per i partecipanti che hanno riferito di essere stati molestati, gli intervistatori avrebbero quindi richiesto ulteriori dettagli, tra cui se si fosse verificato l'anno precedente e se si fosse verificato online o offline. Sono stati anche chiesti dettagli specifici su chi stava facendo il molesto, cioè il numero di autori, età, sesso, relazione con il rispondente, così come il tipo di molestie e qualsiasi caratteristica aggravante come l'uso di un'arma. Ai partecipanti è stato anche chiesto l'impatto emotivo del bullismo che hanno vissuto incluso se l'incidente li ha fatti sentire sconvolti, impauriti, imbarazzati, preoccupati, arrabbiati, tristi, "come se non potessi fidarti delle persone" o non sicuri. Tutti i partecipanti che hanno riferito di aver subito molestie in corso o di aver sentito di essere a rischio in qualche modo sono stati in seguito contattati da un consulente di crisi per ricevere assistenza.

Su 791 intervistati, 230 hanno registrato un totale di 311 incidenti nell'anno precedente. Questo rappresenta il 34% di tutti i giovani nello studio. Rompendo questi incidenti in merito al coinvolgimento o meno della tecnologia, sono stati identificati tre gruppi: solo molestie off-line (54 percento), solo molestie online (15 percento) o una combinazione di online e offline (31 percento). Solo il dieci per cento degli episodi di molestie sono avvenuti tra i giovani di età compresa tra i 18 ei 20 anni, mentre il gruppo più numeroso che riportava molestie era il gruppo di età tra i 10 e i 12 anni (45 per cento). Il sessantuno percento delle vittime erano maschi mentre il 60 percento erano bianchi e non ispanici.

Tra gli esempi di episodi di molestie: "Qualcuno ha detto qualcosa che non era vero e lo ha diffuso nella scuola, e poi la gente ha cominciato a guardarmi in modo divertente. "(Da una ragazza di undici anni); "Ero seduto in mensa con i miei amici e alcuni bambini mi prendevano in giro perché dicevano che ho i capelli ebrei." (Di un ragazzo di 15 anni), e "Ho fatto un commento su uno stato che mi diceva ottenuto il permesso del mio studente, qualcuno ha commentato dicendo "grande, un altro finocchio sulla strada" e circa una settimana dopo l'ha cancellato; mi ha anche detto di uccidermi. "da un uomo di 17 anni.

In generale, le molestie online solo tendevano ad essere meno dolorose del bullismo che si verifica di persona. Ciò non significa che le molestie online siano innocue, ma che spesso è più minaccioso se combinato con il bullismo di persona. Anche se le molestie online sono diventate più comuni, i giovani che ne fanno esperienza di solito hanno più controllo. Tuttavia, quando il bullismo diventa personale, ad esempio quando le molestie provengono da qualcuno che conosce intimamente la vittima, può verificarsi un danno reale. Ciò include molestare i messaggi di testo, spesso con immagini rivelatrici che possono ricevere solo persone vicine alla vittima, nonché minacce di violenza fisica o sessuale da parte di qualcuno che sembra in grado di eseguirle. Il tipo di emozioni che queste molestie miste possono generare, tra cui la rabbia, la tristezza e il tradimento, hanno anche la maggiore probabilità di durare più a lungo.

Mentre le preoccupazioni sul cyberbullismo hanno portato a richieste di maggiore controllo sui siti di social media e una repressione dei post anonimi, questo non farà andare via il problema del bullismo. Le molestie online sono solo uno degli strumenti che un bullo può usare per attaccare le vittime, quindi concentrarsi solo sul cyberbullismo non è la risposta.

Dal momento che la maggior parte del bullismo si verifica tra i giovani che si conoscono, è necessario utilizzare anche campagne anti-bullismo volte a migliorare le abilità sociali e i problemi di relazione che si estinguono. Una maggiore consapevolezza del bullismo in generale e l'incoraggiamento dei giovani a parlare delle molestie che stanno affrontando è probabilmente il modo migliore per mantenere i giovani al sicuro.

Solutions Collecting From Web of "La tecnologia rende il bullismo più facile?"