La tecnologia in classe aiuta o danneggia gli studenti?

Una nuova ricerca rivela gli svantaggi dei dispositivi elettronici per l’apprendimento.

Delle innumerevoli e-mail che ho ricevuto dai miei studenti quando insegnavo corsi universitari, uno spicca nella mia memoria. Lo studente stava seguendo un punto che era stato fatto in classe e mi aveva inviato uno studio di ricerca correlato. Non ricordo il punto o lo studio, ma ricordo di averlo notato nel mezzo della nostra discussione di classe.

Gorodenkoff/Adobe Stock

Fonte: Gorodenkoff / Adobe Stock

Quando stavo insegnando per la prima volta, ho permesso agli studenti di usare i loro computer portatili per prendere appunti. All’inizio di ogni semestre mi sono preoccupato di spiegare che i computer dovevano essere usati solo per prendere appunti, non per e-mail, messaggi, solitari e così via. Volevo proteggere l’aula dalla costante distrazione dei nostri dispositivi elettronici e volevo che gli studenti fossero il più presenti possibile.

Ma inevitabilmente trovavo gli studenti che facevano altre cose sui loro computer, ridacchiando nell’ultima fila mentre scrivevano messaggi a un amico, controllando la posta elettronica, guardando i social media. Alla fine ho stabilito che gli studenti non potevano usare i computer durante le lezioni a meno che non avessero presentato una richiesta di eccezione (e naturalmente se avessero avuto una sistemazione documentata). Mi aspettavo che gli studenti avrebbero ottenuto di più dalla classe e la classe ne avrebbe ricavato di più, se avessimo ridotto al minimo le distrazioni elettroniche.

Sono stato contento di vedere la ricerca in quel momento che mostrava i benefici di prendere appunti a mano piuttosto che su un computer (” La penna è più potente della tastiera “). Gli investigatori hanno scoperto che la presa di appunti su carta e penna ha portato a una migliore comprensione del materiale; gli autori hanno suggerito che, poiché la scrittura a mano è più lenta, costringe gli studenti a elaborare le informazioni in modo più approfondito in modo da poter distillare le informazioni più importanti da scrivere.

Sono tornato di recente al tema della tecnologia in classe nella mia intervista con il dott. Raymond J. Pasi, un istruttore alla George Washington University e un preside della scuola superiore recentemente in pensione di 29 anni. A suo avviso, strumenti come PowerPoint sono stati abusati e non necessariamente promuovono l’impegno. (Full disclosure: mi sono fidato eccessivamente delle diapositive di PowerPoint mentre insegnavo).

So di aver preso corsi con lui che il dott. Pasi è stato magistrale nel coinvolgere gli studenti. Nella nostra discussione ha sottolineato quanto sia importante catturare la curiosità degli studenti e trascinarli in esplorazione collaborativa di un problema. Come ha notato, le diapositive elettroniche non sono incompatibili con questo tipo di impegno, ma possono rendere più semplice l’esclusione e copiare semplicemente i punti elenco.

Un nuovo studio in psicologia dell’educazione ha rivelato effetti sorprendenti dei dispositivi elettronici in classe. Gli sperimentatori hanno permesso agli studenti di usare i loro telefoni cellulari per alcune sessioni di classe ma non per altri; le analisi hanno mostrato che gli studenti che hanno usato l’elettronica in classe hanno fatto peggio agli esami di metà e di fine degli studenti che non lo hanno fatto.

La scoperta più sorprendente è stata che per le sessioni in classe in cui era consentita l’elettronica, gli studenti hanno fatto di peggio gli esami successivi anche se non avevano controllato i dispositivi in ​​classe . Avere semplicemente più schermi in uso ha avuto un effetto negativo su tutti. Nello spiegare questo risultato, gli autori osservano che l’apprendimento tende ad essere più efficace quando coinvolge l’interazione sociale (l’esplorazione congiunta che il dott. Pasi ha incoraggiato). Suggeriscono che l’uso di dispositivi elettronici “ha cambiato il carattere sociale della classe da un’occasione di attenzione congiunta a qualcosa di più simile a un gruppo di individui in una sala d’attesa che occasionalmente guardava verso l’alto”.

Quanto è stato grande l’effetto? I punteggi erano in media inferiori del 5% circa, con l’effetto maggiore per gli esami finali. Una riduzione del cinque percento nella media dei voti si tradurrebbe, per esempio, in 3,3 contro 3,5. Gli autori osservano che le specifiche del design dello studio molto probabilmente hanno minimizzato l’effetto dell’attenzione divisa sulle prestazioni, così che l’effetto reale è probabilmente ancora maggiore.

Lo studio completo può essere trovato qui: Dividere l’attenzione in classe riduce le prestazioni degli esami .

Puoi trovare la mia intervista con il dott. Pasi qui: Istruzione secondaria nel ventunesimo secolo .

Riferimenti

Glass, AL, & Kang, M. (2018). Dividere l’attenzione in classe riduce le prestazioni degli esami. Psicologia dell’educazione . Pubblicazione online avanzata doi: 10,1080 / 01443410.2018.1489046

Mueller, PA, & Oppenheimer, DM (2014). La penna è più potente della tastiera: i vantaggi della longhand rispetto alla presa del portatile. Scienze psicologiche, 25 , 1159-1168.

Solutions Collecting From Web of "La tecnologia in classe aiuta o danneggia gli studenti?"