La strada verso la pensione (prima parte)

Il pensionamento è un problema che tutti si preoccupano quando invecchiano.

Siamo regolarmente bombardati da consigli sulla sicurezza finanziaria e sulla necessità di un portafoglio diversificato di titoli per far fronte ai costi sanitari che si presenteranno in futuro. Con la prospettiva di una vita più lunga e più sana, non sorprende che il sopravvivere ai nostri soldi sia diventato una seria preoccupazione per molte persone. Nella Conferenza della Casa Bianca sull'invecchiamento del 2015, la sicurezza della pensione è stato uno dei temi più comuni sollevati tra le preoccupazioni degli americani più anziani.

Ma c'è di più nella pianificazione della pensione che costruire un gruzzolo. Del resto, ci sono altri tipi di sicurezza rispetto a ciò che i pianificatori finanziari ti dicono. Secondo la gerarchia dei bisogni di Maslow, tutti gli umani hanno un bisogno innato di appartenere e di rimanere membri della società. Questo senso di appartenenza può rimanere anche dopo che abbiamo smesso di funzionare? E quanto sono ben preparati molti anziani alla prospettiva di tornare a casa dall'ufficio per l'ultima volta?

Un nuovo articolo di recensione pubblicato sulla rivista American Psychologist esplora cosa significa veramente il pensionamento per molte persone e perché i pianificatori non dovrebbero concentrarsi solo sul denaro. Scritto da Jacquelyn Boone James e Christa Matz-Costa al Boston College e Michael A. Smyer alla Bucknell University in Pennsylvania, l'articolo esamina molte delle barriere affrontate dagli adulti più anziani, in particolare quando si tratta di avere la vita "importante" come ha fatto quando erano più giovani.

Secondo Boone James, Matz-Costa e Michael A. Smyer, la sicurezza psicologica, definita come la necessità di "rimanere impegnati, contribuire alla società e sentire un senso di appartenenza nella vita futura" è qualcosa che viene frequentemente trascurato nei frequenti discussioni pubbliche e preoccupazioni sollevate sulla pianificazione della pensione. Ma può essere altrettanto essenziale quanto la sicurezza finanziaria quando si tratta di prevenire l'isolamento e la depressione che i pensionati spesso sperimentano.

Parte del problema è che viviamo più a lungo che mai. Secondo recenti statistiche, le persone che raggiungono l'età di 65 anni possono aspettarsi di vivere ulteriori 19,3 anni (20,5 per le femmine, 17,9 per i maschi). Il tasso di mortalità per gli adulti più anziani è diminuito drasticamente negli ultimi vent'anni, poiché una migliore assistenza sanitaria è diventata più accessibile e disponibile. Ciò ha dato origine a ciò che Peter Laslett definiva la "terza età della vita" (le prime due età sono il postchildhood e l'era del lavoro e dei genitori). Questa nuova era significa che la vita post-pensionamento offre anche maggiori opportunità e sfide rispetto a prima, dal momento che gli anziani cercano di capire cosa fare con i decenni di vita lasciati a loro.

Certamente la preoccupazione economica di avere abbastanza per andare in pensione spesso porta le persone a continuare a lavorare molto più a lungo di quanto avrebbero potuto desiderare. Infatti, un numero piccolo ma crescente di anziani sceglie di non andare affatto in pensione, specialmente quelli che semplicemente non possono permettersi di smettere di lavorare (un cliente con cui ho lavorato si riferiva a questo come il "piano Freedom 85").

Altri scelgono di continuare a lavorare, ma prevedono un programma di lavoro meno frenetico con meno ore di lavoro e più tempo per attività ricreative e familiari. Per evitare una brusca transizione dalla piena occupazione alla pensione, molti lavoratori anziani organizzano un graduale cambiamento del programma di lavoro e delle responsabilità per prepararsi a lasciare il lavoro completamente.

Tuttavia, la transizione è gestita, l'uscita dalla forza lavoro può essere estremamente stressante. Dal momento che ricaviamo gran parte del nostro senso di identità e autostima dal lavoro che facciamo, vedendo che la fine del lavoro può significare un grande cambiamento nel modo in cui viviamo. Insieme alla ricompensa finanziaria del lavoro, avere un lavoro a tempo pieno di solito significa un contatto regolare con colleghi, datori di lavoro e clienti, che possono terminare dopo il pensionamento. Poi c'è il senso dello scopo che deriva dal lavoro e la sensazione che la pensione non significhi più "importare" alla società il modo in cui una volta facevamo da lavoratori. È questa apparente perdita di scopo che può essere particolarmente difficile per molti pensionati.

Anche per le persone che desiderano continuare a lavorare, tale decisione può essere portata via da loro per diversi motivi. Sia a causa di ristrutturazioni aziendali, problemi di salute o responsabilità familiari, molti anziani possono trovarsi costretti a lasciare il proprio posto di lavoro, spesso con un preavviso minimo o nullo.

Con le persone che vivono più a lungo che mai, rimanere attivi e vitali durante gli anni della pensione significa in genere trovare nuove attività per sostituire la loro precedente occupazione. Che si tratti di coltivare nuovi hobby, di viaggiare, di tornare a scuola, di un maggiore coinvolgimento della famiglia o di un lavoro volontario, rimanere mentalmente attivi e in salute il più a lungo possibile significa rimanere impegnati nella società.

Per aiutare gli anziani a rimanere attivi, il governo degli Stati Uniti ha sviluppato una serie di programmi innovativi. Il programma Foster Nonni è stato fondato nel 1965 per consentire agli anziani di agire come "genitori adottivi" per i bambini bisognosi. Questi includono bambini con disabilità, vittime di abusi o giovani bisognosi di mentori più anziani per interessarsi al loro benessere. Aperto a tutti gli adulti di età superiore ai 55 anni, il programma si è dimostrato estremamente popolare. I volontari con reddito inferiore possono anche beneficiare di un piccolo stipendio e di un'assicurazione complementare contro gli infortuni e la responsabilità civile.

Un programma simile, RSVP, è diventato uno dei più grandi network di volontari per adulti di età superiore ai 55 anni. Permettendo ai volontari di selezionare quando e come funzionano, RSVP offre opportunità di partecipare ad attività come rinnovare case, insegnare inglese agli immigrati, tutoraggio e tutoraggio di bambini svantaggiati e organizzazione di programmi di sorveglianza del vicinato. RSVP mantiene anche un programma di rassicurazione telefonica per telefonare agli anziani isolati per verificare il loro benessere e fornire un contatto sociale amichevole.

C'è anche il programma Senior Companions volto ad aiutare gli anziani a vivere in modo indipendente fornendo un'assistenza aggiuntiva per gli anziani bisognosi e i loro operatori sanitari. Attraverso semplici faccende domestiche oltre a fornire supporto emotivo e trasporto, questi volontari possono diventare un'ancora di salvezza per molti anziani isolati che potrebbero essere altrimenti costretti in strutture di assistenza assistita.

Questi diversi programmi furono alla fine riuniti in un'unica agenzia, il Senior Corps, che operava sotto la Corporation For National and Community Service. Con oltre 270.000 volontari, il Senior Corps è stato collegato a organizzazioni e programmi in tutti gli Stati Uniti.

E ci sono numerose altre iniziative incentrate sull'aiutare gli anziani a diventare più coinvolti nelle loro comunità. Organizzazioni come Encore.org, AARP Experience Corp e ReServe sono attivamente coinvolte nel reclutamento di adulti di età pari o superiore a 50 anni.

Sfortunatamente, come Boone James, Matz-Costa e Michael A. Smyer sottolineano nel loro articolo, ci sono ancora barriere attive che impediscono a molti anziani di fare volontariato. Nonostante l'aumento delle opportunità di volontariato, solo il 25,9% degli adulti di età compresa tra 55 e 64 anni e il 23,6% di quelli over 65 sono volontari attivi e la maggior parte di questi si trovano in città più grandi. La prossima settimana discuterò di alcuni di questi ostacoli.

Solutions Collecting From Web of "La strada verso la pensione (prima parte)"