La stimolazione del nervo vago aiuta la depressione resistente al trattamento

Sebastian Kaulitzki/Shutterstock
Il nervo vago "errante" in giallo.
Fonte: Sebastian Kaulitzki / Shutterstock

Uno studio fondamentale ha rilevato che la stimolazione del nervo vago (VNS) aggiuntivo migliora significativamente i risultati della depressione resistenti al trattamento per un periodo di 5 anni. Questi risultati sono stati pubblicati il ​​1 ° luglio nell'American Journal of Psychiatry .

Questo studio fornisce prove empiriche che il VNS, che fornisce leggeri impulsi elettrici al nervo vago attraverso un dispositivo impiantato, ha solidi benefici antidepressivi rispetto ad un approccio "come al solito" di terapia farmacologica, psicoterapeutica e / o elettroconvulsiva. I pazienti resistenti al trattamento in trattamento con VNS aggiuntivo hanno sperimentato tassi più elevati di remissione della depressione e miglioramento dei sintomi rispetto ai pazienti che ricevono solo cure tradizionali.

Perché la stimolazione del nervo vago aiuta la depressione resistente ai trattamenti?

Vagus significa "errante" in latino. Il nervo vago è noto come "nervo errante" perché ha rami multipli che divergono dal tronco cerebrale e vagano verso i visceri più bassi del tuo intestino toccando il tuo cuore e gli organi più importanti lungo la strada. Come parte di un asse dell'intestino cervello, il nervo vago mantiene un anello di feedback bidirezionale tra il tuo stato mentale e quello che Claude Bernard chiamerebbe il tuo milieu intérieur (l'ambiente dentro).

Il tuo nervo vago agisce come un centro di comando centrale per il tuo sistema nervoso parasimpatico (PNS) che regola le risposte psicofisiologiche "rest-and-digest" o "tendi-e-sii" segnate da emozioni positive e sentirsi sano e salvo. Il rovescio della medaglia, per mantenere l'omeostasi, il sistema nervoso simpatico (SNS) guida il meccanismo "combatti o fuggi" e alimenta le risposte allo stress segnate dalla produzione di adrenalina e cortisolo in risposta a emozioni negative basate sulla paura, pericolo reale, catastrofico, o un senso di incertezza.

Sulla base degli eventi attuali di oggi, vale la pena notare che l'aumento dell'ansia di fluttuazione libera generata da shenanigans politici nazionali e incertezza globale (innescata da test missilistici balistici intercontinentali della Corea del Nord) può facilmente causare la risposta al combattimento o al volo iperattivo e selvaggio. Anche se non soffri di depressione clinica, fare uno sforzo per mantenere il tuo nervo vago impegnato con "manovre vagali" olistiche – come respirazione diaframmatica e livelli tonici dell'attività fisica quotidiana – è più importante che mai. (Per leggere di più su questo argomento, controlla la mia serie di psicologia in nove parti oggi "Una guida di sopravvivenza del nervo vago per combattere gli urti di lotta o di volo").

Wellcome Library/Public Domain
Disegno anatomico precoce del nervo vago.
Fonte: Wellcome Library / Public Domain

Nel 1921, un fisiologo tedesco vincitore del Nobel, Otto Loewi, fece una scoperta fortuita nel suo laboratorio che alla fine portò alla rivelazione che ogni volta che qualcuno fa un respiro profondo ed espira lentamente – il suo nervo vago schizza fuori un potente "Xanax" -come "sostanza che rallenta immediatamente la frequenza cardiaca e inibisce le risposte del sistema nervoso di combattimento o fuga. (Questo è il motivo per cui la respirazione addominale lenta ti fa sentire calmo.) A quel tempo, Loewi coniò questo vagabondo vagabondo prodotto dal vago (Tedesco per "sostanza vagamente"). Vagusstuff ha dimostrato di essere il primo neurotrasmettitore mai scoperto e oggi si chiama "acetilcolina". All'inizio del XXI secolo, l'acetilcolina è stata identificata come un elemento chiave per un complesso riflesso anti-infiammatorio che è potenziato dalla stimolazione del nervo vago.

Tono vagale più elevato (VT) è legato a una minore infiammazione, a una minore ansia, a una migliore regolazione delle emozioni ea una vasta gamma di comportamenti prosociali. Al contrario, il tono vagale inferiore è associato a infiammazione sistemica, disturbi d'ansia, depressione clinica e una vasta gamma di altre malattie. Pertanto, ha senso che stimolare il nervo vago ha il potere di creare una spirale ascendente di benessere psicologico e fisico.

Nel 1997, Mark George, della Medical University of South Carolina (MUSC) di Charleston, fu uno dei primi medici ad impiantare un dispositivo VNS per il trattamento della depressione. Da allora, ha osservato gli effetti positivi a lungo termine di VNS in modo informale rimanendo in contatto con dozzine di pazienti. Ad esempio, ha recentemente dichiarato a News psichiatrica: "I pazienti sembrano molto più socievoli e attivi di prima. Quando ricevi domande del tipo, 'Va bene se mi immergo con il mio impianto VNS?' suggerisce che il paziente stia bene ".

Nel 2006, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha approvato VNS per il trattamento della depressione, ma ha richiesto uno studio di sorveglianza in corso. Ciò ha portato alla creazione del "Registro di depressione resistente al trattamento" che ha monitorato continuamente i risultati dei pazienti che utilizzavano la stimolazione del nervo vago rispetto agli esiti di salute dei pazienti che ricevevano cure tradizionali per la loro depressione.

Come parte di questo registro, il recente studio quinquennale sui benefici di VNS è stato condotto in 61 diversi siti negli Stati Uniti e comprendeva un totale di 795 pazienti che stavano vivendo un episodio depressivo maggiore (depressione unipolare o bipolare) che era durato continuamente per almeno due anni; o pazienti che hanno avuto tre o più episodi depressivi maggiori (incluso l'episodio corrente) e che non hanno risposto a quattro o più trattamenti depressivi (inclusa la terapia elettroconvulsiva).

Dei 705 partecipanti allo studio, 494 hanno ricevuto un impianto VNS in aggiunta ai loro trattamenti abituali, mentre 301 hanno continuato con il trattamento come al solito, che comprendeva psicofarmaci, psicoterapia e / o ECT. Nel loro ultimo lavoro, gli autori descrivono i risultati del loro studio in corso, "Il gruppo VNS aggiuntivo ha avuto esiti clinici migliori rispetto al gruppo trattato come al solito, compreso un tasso di risposta cumulativa a 5 anni significativamente più alto (67,6% rispetto al 40,9% ) e un tasso di remissione significativamente più alto (remitters cumulativi per la prima volta, 43,3% rispetto al 25,7%). "

Alila Medical Media/Shutterstock
Fonte: Alila Medical Media / Shutterstock

Sebbene questo studio a 5 anni identifichi una correlazione tra VNS e risultati di depressione resistenti al trattamento significativamente migliori, i ricercatori sono ancora incerti sulla causalità. La domanda da un milione di dollari rimane: "Perché la stimolazione del nervo vago aiuta la depressione?"

Un'ipotesi è che la depressione clinica possa essere collegata all'attivazione cronica dei meccanismi di "lotta o fuga" del sistema nervoso simpatico che perpetua una complessa reazione a catena alimentata dall'infiammazione sistemica e rende difficile per le cellule cerebrali riparare e recuperare in modo coerente. Sebbene siano necessarie molte più ricerche prima di trarre conclusioni sulla correlazione tra infiammazione sistemica e depressione clinica, vale la pena notare che la stimolazione del nervo vago riduce drasticamente l'infiammazione.

Nel luglio 2016, un team internazionale di ricercatori ha riportato negli Atti della National Academy of Sciences che la stimolazione del nervo vago riduce l'infiammazione sistemica e migliora i risultati per i pazienti con artrite reumatoide inibendo la produzione di citochine. I neuroscienziati e gli esperti di immunologia coinvolti in questo studio hanno mappato i circuiti neurali che regolano l'infiammazione e hanno scoperto che i potenziali d'azione trasmessi nel Vago hanno inibito la produzione di citochine pro-infiammatorie.

I ricercatori ritengono che VNS potrebbe fornire un'alternativa potente e altamente efficace senza farmaci per il trattamento dell'infiammazione debilitante. Co-autore di questo studio, Kevin J. Tracey, è presidente e CEO del Feinstein Institute for Medical Research. Ha anche scoperto e coniato il termine "Il riflesso infiammatorio". In una dichiarazione, Tracey ha detto:

"Questa è una vera svolta nella nostra capacità di aiutare le persone che soffrono di malattie infiammatorie. Mentre in precedenza abbiamo studiato modelli animali di infiammazione, fino ad ora non avevamo prove che la stimolazione elettrica del nervo vago potesse effettivamente inibire la produzione di citochine e ridurre la gravità della malattia negli esseri umani. Credo che questo studio cambierà il nostro modo di vedere la medicina moderna, aiutandoci a capire che i nostri nervi possono, con un piccolo aiuto, produrre i farmaci di cui abbiamo bisogno per aiutare il nostro corpo a guarire se stesso ".

Il crescente corpo di ricerca sull'uso della stimolazione del nervo vago per aiutare chi soffre di depressione resistente al trattamento e per ridurre l'espressione molecolare delle citochine infiammatorie offre una promessa enorme. Detto questo, sono necessarie ulteriori ricerche e studi clinici randomizzati, in cieco, controllati prima che la popolazione generale debba prendere in considerazione l'utilizzo di vari tipi di impianti VNS come parte di routine della gestione della depressione. Ma ci sono buone notizie: i risultati degli studi in corso che forniranno best practice più finemente sintonizzate e altri metodi di VNS sono all'orizzonte. Rimanete sintonizzati!

Solutions Collecting From Web of "La stimolazione del nervo vago aiuta la depressione resistente al trattamento"