La stereotipizzazione delle minacce è eccessiva, eccessiva e eccessiva?

La vendita di minacce stereotipate

La minaccia stereotipata è uno dei fenomeni più famosi e influenti in tutta la psicologia. Il famoso articolo (Steele & Aronson, 1995) che svela il fenomeno è stato citato più di 5000 volte, secondo Google Scholar. E per una buona ragione.

Gli studi originali sembravano rivelare una scoperta straordinariamente sorprendente. La differenza media tipicamente molto grande nei punteggi dei test standardizzati tra afroamericani e bianchi era, presumibilmente, una differenza superficiale e superficiale, facilmente eliminata da uno dei due piccoli aggiustamenti alle condizioni in cui venivano somministrati tali test. Dato che, per oltre 50 anni, educatori e scienziati sociali avevano trovato essenzialmente impossibile realizzare programmi che eliminassero le differenze di rendimento razziale, questa era una scoperta "che cambiava il mondo".

Qual era quel piccolo aggiustamento situazionale? Inquadrare il test come una valutazione dei "fattori psicologici nella risoluzione dei problemi" piuttosto che come una prova di "fattori personali nelle prestazioni". "È così?", Dici. Questo è davvero. Questo avrebbe dovuto funzionare perché, secondo la teoria della minaccia stereotipata, gli studenti afro-americani spesso si preoccupano di confermare gli stereotipi razziali e questo danneggia le loro prestazioni. Secondo le interpretazioni diffuse delle scoperte di Steele & Aronson (1995), se si rimuove questa minaccia, voilà! Le differenze di razza sono scomparse.

Based on Steele & Aronson, 1995
Fonte: basato su Steele & Aronson, 1995

Le barre nere sono per gli studenti afroamericani; Le barre a strisce sono per gli studenti bianchi. Questa cifra si basa sui risultati presentati in Steele & Aronson, 1995, Studio 2. Poiché hanno riportato solo test di significatività della differenza e non hanno riportato i valori, i valori qui sono approssimazioni basate su una figura che hanno presentato.

Guarda quelle barre! Sono sorprendenti. Quando il test è stato inquadrato come una "sfida", l'intero gap di rendimento razziale è completamente scomparso! Non c'è da stupirsi che questa carta sia stata citata 5000 volte. Eureka! Finalmente qualcuno ha risolto il problema del divario tra i razziali!

The Overselling of Stereotype Threat 1.0: Overcooking the Findings

Tranne che no. La minaccia stereotipata è stata sopravvalutata, eccessivamente promossa e ipervenduta.

Come può essere? Puoi vedere con i tuoi occhi, non è vero, che la differenza razziale è completamente svanita quando il test è stato inquadrato come un problem solving? Cosa posso dirti che potrebbe suggerire il contrario?

I risultati non sono quello che sembrano. È certamente vero che se i risultati fossero punteggi medi delle prestazioni del test, ovvero il modo in cui sono etichettati sull'asse X, sarebbero in realtà un World Changing Result che mostra che un semplice aggiustamento situazionale può eliminare le differenze di rendimento razziale.

Ma guarda l'etichetta dell'asse Y. Vedi quel brutto piccolo, quasi nascosto in bella vista da parentesi "(aggiustato dai punteggi SAT)"? Questa cifra non mostra i punteggi medi dei test. Perché non mostra mezzi, non può (e non) mostrare che i mezzi fossero uguali.

Mostra i punteggi dei test medi corretti, controllando i punteggi SAT precedenti. Questo cambia in modo cruciale il significato dei risultati; e cambia questo World Changing Result a qualcosa di un po 'più banale. In particolare, questo risultato non fornisce alcuna prova del fatto che la differenza di rendimento razziale sia stata persino ridotta, per non parlare dell'eliminazione, un punto prima fatto in un articolo che è stato pubblicato più di dieci anni fa (Sackett et al, 2004).

Come può essere? Questo equivoco equazione dei mezzi è fatto attraverso una tecnica statistica chiamata Analisi della Covarianza (ANCOVA). Se le ipotesi per un ANCOVA sono soddisfatte, e se gli studenti sono stati assegnati in modo casuale alle condizioni, gli stessi mezzi corretti non indicano mezzi uguali; indicano che le precedenti differenze erano semplicemente mantenute. Se le ipotesi statistiche non sono state soddisfatte, il risultato non è interpretabile. Se l'assegnazione casuale fallisce, l'intero risultato riflette uno studio non esperienziale quasi impossibile da interpretare.

ANCOVA "controlla" per i punteggi SAT precedenti. Ci possono essere buoni motivi per usare ANCOVA, ma non si dovrebbe mai confondere una media vera con una "media aggiustata della covariata". Se "controlliamo" le differenze precedenti (cioè li eliminiamo) e non otteniamo alcuna differenza, non è perché qualsiasi intervento abbiamo condotto "elimina" questa differenza; è perché abbiamo statisticamente rimosso la differenza. Possiamo farlo, ovviamente, ma "l'uguaglianza" diventa una finzione statistica risultante dalla nostra rimozione delle differenze e la differenza è ancora lì. I mezzi adeguati in ANCOVA possono essere molto simili a dire "Ad eccezione della differenza di altezza media di quattro pollici tra uomini e donne, le loro altezze medie sono identiche."

Si può, forse, vederlo più facilmente in una piccola analisi che abbiamo recentemente condotto sull'argomento molto meno controverso delle differenze di temperatura tra Tampa e Anchorage. Abbiamo selezionato 20 giorni sparsi per tutto l'anno e, che scioccante, ho scoperto che Tampa era in media di circa 40 gradi più caldo di Anchorage.

Tuttavia, attraverso la magia di ANCOVA, possiamo fare in modo che la differenza "statisticamente" scompaia. Abbiamo identificato semplicemente le temperature a Tampa e Anchorage il giorno prima e ora abbiamo condotto un ANCOVA, "controllando le temperature precedenti". La figura 2A mostra l'enorme differenza di 40 gradi nella temperatura effettiva. La Figura 2B mostra come, controllando le temperature precedenti, non vi sia differenza nella temperatura di Tampa e Anchorage.

Ma ovviamente non c'è. Dire "non ci sono differenze, controllare le differenze precedenti" è una cosa sciocca e vacua da dire. È come dire: "Non c'è differenza, dopo aver rimosso la differenza".

Detto in modo diverso, dichiarando che "Nelle condizioni non minacciose, gli studenti afroamericani e bianchi si comportano allo stesso modo (controllando le prestazioni precedenti)" significa essenzialmente la stessa cosa di "Tampa e Nome hanno le stesse temperature (controllo delle temperature precedenti)."

Figura 2A

Lee Jussim
Fonte: Lee Jussim

Figura 2B

Lee Jussim
Fonte: Lee Jussim

Temperature medie regolate da covariata, a Nome e Tampa in 20 giorni nel 2014

Figure basate su quelle che appaiono in Jussim et al (in corso di stampa). Statisticamente "controllando" la differenza di temperatura tra Tampa nei giorni precedenti, "elimina" la differenza tra Tampa e Nome nei giorni successivi. Tranne, ovviamente, questa è una finzione statistica.

Sorvolo di Stereotype Threat 2.0

Per i primi 10 anni dopo la pubblicazione degli studi sulle minacce stereotipiche originali, sono stati abitualmente venduti come dimostranti che "rimuovere la minaccia ed eliminare le differenze di rendimento razziale" (Jussim, Crawford, Anglin, Stevens e Duarte, in stampa; Sackett et al, 2004, vedi anche riferimenti alla fine).

In risposta alla critica di Sackett et al, anche Steele & Aronson (2004, 48) hanno riconosciuto che questo non era semplicemente vero:

"In secondo luogo, l'attenzione ristretta di Sackett e altri (2004) potrebbe aver portato anche loro a preoccuparsi troppo dell'uso dell'analisi della covarianza nello studio di Steele e Aronson (1995). Temevano che questa analisi portasse i lettori a credere che gli afroamericani si comportassero bene come i bianchi nella condizione non diagnostica (nessuna minaccia stereotipata) di quell'esperimento, quando, in effetti, senza questo aggiustamento, avrebbero dimostrato di esibirsi ancora peggio dei bianchi, come previsto dalla differenza di gruppo nei loro SAT. Noi, tanto quanto Sackett e altri, rimpiangiamo ogni confusione che questa analisi comune possa aver causato ".

Devi leggere attentamente questo passaggio sopra. Ciò che inizia come una critica del punto di Sackett ed altri nasconde il riconoscimento che Sackett ed altri avevano ragione! Il riconoscimento critico merita di essere ripetuto: "… senza questo aggiustamento, si dimostrerebbe che si comportano ancora peggio dei Bianchi ". Eppure, l'affermazione "Steele & Aronson ha scoperto che, rimuovere la minaccia, e Black = White test scores" appare sopra e più e più volte (vedi esempi alla fine di questo post).

Ma peggiora, o, almeno, non molto meglio. Gli psicologi sociali reagiscono spesso in modo abbastanza difensivo quando siamo accusati di non essere una scienza "vera". Alcune di queste accuse sono probabilmente livellate da persone a cui non piacciono le nostre scoperte, ma preferirei non essere nel business di dare molta credibilità a tali critiche. E le scienze "vere" si auto-correggono, quando sono state scoperte a promuovere conclusioni non valide.

Quindi, come stiamo facendo auto-correzione-saggio? Spesso si trovano spesso affermazioni come le seguenti:

Schmader, Johns e Forbes (2008, pagina 336) hanno affermato che gli studi originali (Steele & Aronson, 1995) hanno mostrato che: "… Gli studenti universitari afroamericani hanno fatto peggio dei loro coetanei bianchi su domande di test standardizzate quando questo compito è stato descritto come erano diagnostici delle loro capacità verbali, ma le loro prestazioni erano equivalenti a quelle dei loro colleghi bianchi, quando le stesse domande venivano semplicemente inquadrate come un esercizio di risoluzione dei problemi (e dopo aver tenuto conto dei precedenti punteggi SAT). "

Allo stesso modo, Walton, Spencer ed Erman (2013, 5) scrissero: "In una serie classica di studi, gli studenti neri si comportarono peggio degli studenti bianchi su un test GRE descritto come valutativo dell'abilità verbale, un'arena in cui i neri sono negativamente stereotipato. Ma quando lo stesso test è stato descritto come non valutativo – il rendering dello stereotipo irrilevante – i Black si sono comportati bene come i bianchi (controllando i punteggi SAT, Steele & Aronson, 1995). "

Queste affermazioni sono tecnicamente vere, molto contorte e non uniche per queste carte. Il linguaggio deve essere contorto, perché le affermazioni sono tecnicamente vere, la dichiarazione che i punteggi afroamericani e bianchi sono "equivalenti" in condizioni non minacciose deve essere calpestata aggiungendo la parentesi relativa al "controllo per i precedenti punteggi SAT". Questo "tornare indietro" rende la conclusione statisticamente vera ma significativa come dichiarare che Tampa e Anchorage hanno temperature uguali (controllo per temperatura precedente). Il risultato reale – le differenze preesistenti continuate anche in assenza di condizioni di minaccia – non è mai esplicitamente affermato in queste descrizioni di Steele & Aronson (1995).

Ora, in tutta onestà, non tutti i ricercatori di minacce stereotipate si impegnano in questa sovraesposizione dei risultati, e anche molti altri riconoscono, quando discutono di ricerche diverse da Steele e Aronson (1995) che la minaccia stereotipata non fornisce una spiegazione completa del successo razziale differenze. Inoltre, i risultati sotto le condizioni "minacciose" (test di abilità verbale) indicano che qualcosa di interessante è successo negli studi originali – perché quelli sono strumenti adeguati, indicano che le differenze di rendimento razziale aumentavano quando gli studenti afroamericani credevano di essere testati su la loro abilità verbale. Gli studenti afroamericani minacciosi in questo modo sembravano peggiorare la loro realizzazione, almeno in questi studi.

Probabilmente la minaccia stereotipata non è così male come comprare un ponte per un deserto dell'Arizona. Tuttavia, molte "recensioni" e anche meta-analisi di minacce stereotipiche sono condotte da "sostenitori" – coloro che hanno abbracciato con entusiasmo l'idea, hanno pubblicato molte ricerche "dimostrando" l'importanza della minaccia stereotipata e che raramente, se mai, sottopongono il lavorare a test scettici di falsificazione.

Analisi scettiche sollevano dubbi sulla potenza della minaccia stereotipata

Una "analisi eterodossa" è quella che sfida un'ortodossia trincerata (la lettera "h" si riferisce all'idea di sfidare le ortodossie, userò la maiuscola "H" per riferirmi ai membri e alla borsa di studio di HeterodoxAcademy). I test di advocacy sono quelli progettati per "dimostrare" quanto grande o importante sia un fenomeno (o quanto poco e poco importante sia, a seconda che sia grande o piccolo avanzare l'agenda di advocacy). Sono "dimostrativi" e alcuni di noi credono di essere tanto più teatro quanto la scienza. La mia opinione è che la vera scienza implichi test scettici per falsificare teorie e credenze care, ala Karl Popper. La falsificazione assente, le persone intelligenti possono "provare" quasi tutto. Di solito possono farlo anche con forti falsificazioni, ma è almeno più difficile.

Sydney Festival
Fonte: Festival di Sydney

Il semplice tentativo di falsificare una cara credenza, tuttavia, crea spesso dei rischi per il falsificatore, qualcosa ben noto da Copernico attraverso Galileo e Darwin. Oggi è altrettanto vero, ma, invece, coloro che amano le sacre credenze, almeno nelle scienze sociali, spesso implicano una certa variazione sull '"egualitarismo". La minaccia stereotipata, ovviamente, è un grande strumento retorico nella ricerca dell'egualitarismo (" oh, guarda le fragili basi situazionali per le differenze razziali nella realizzazione "). Pertanto, è professionalmente rischioso sfidare idee che servono retorica egualitaria.

Tuttavia, c'è stata una piccola manciata di analisi scettiche condotte da estranei, da persone che non hanno imputato una parte significativa della loro carriera all'importanza reale o immaginaria della minaccia stereotipata. Ad esempio, Flore & Wicherts (2015) ha eseguito l'unica meta-analisi di cui sono a conoscenza che ha sottoposto i risultati delle minacce stereotipiche a un'intera famiglia di test scettici, come le curve P, i grafici a imbuto e forestale e i test per eccesso di risultati significativi. I risultati non sono carini e mostrano che gli effetti appaiono principalmente negli studi su scala ridotta, sottodimensionati, e che scompaiono o si invertono del tutto negli studi su larga scala di grande potenza. Uli Schimmack ha anche dimostrato che gli studi sulle minacce stereotipate possono avere notevoli difficoltà a replicarsi.

Inoltre, come Amy Wax (2009) della Heterodox Academy ha giustamente sottolineato, gli effetti stereotipati delle minacce tra gli afroamericani sono stati per lo più ottenuti in campioni molto selezionati e non rappresentativi. È stato proposto un gran numero di condizioni al contorno, che è un altro modo di dire, "potrebbe valere solo per selezionare persone in determinate circostanze." Questo non significa che la minaccia stereotipata non esiste. Significa, tuttavia, che la generalizzabilità dei risultati e la probabile misura in cui spiegano gran parte delle grandi differenze razziali nel rendimento scolastico sono, nella migliore delle ipotesi, discutibili, sconosciute e certamente non "sciolte nella scienza".

Cosa accadrà dopo?

Molto probabilmente, i ricercatori sulle minacce stereotipate continueranno a marciare come se nulla fosse accaduto. Probabilmente difenderanno il loro territorio e ignoreranno le critiche convincenti delle loro scoperte (o negheranno che siano avvincenti). Se rispondono, probabilmente produrranno, non scuse per ingannare così tante persone, ma apologia – difese delle loro posizioni e rivendicazioni. Fintanto che i critici eterodossi sono pochi e lontani tra loro, i sostenitori delle minacce stereotipate possono probabilmente continuare su questa strada, perché il loro lavoro sarà probabilmente soggetto solo a un controllo scettico e intermittente, se non addirittura inesistente. Riguardo all'avanzamento della propria carriera, alla pubblicazione, all'assegnazione di borse di studio, ecc., Questa è probabilmente una strategia molto efficace. Le narrative egualitarie, non importa quanto ingiustificate o fragili siano le loro basi scientifiche, tendono a giocare molto bene tra le agenzie di sovvenzione e i revisori di riviste. Il che ci riporta a una delle principali ispirazioni per l'Accademia eterodossa: le disfunzioni accademiche che derivano dalla mancanza di diversità intellettuale e politica nell'accademia

Come potrebbe essere diverso?

Spero che questa visione pessimistica sia sbagliata. Invito qualsiasi difensore della minaccia stereotipata a farsi avanti e riconoscere come l'area è andata male e come può fare meglio. Sarebbe fantastico, non solo per come la gente capisce la minaccia stereotipata, e non solo per fare qualcosa per elevare lo status scientifico e la credibilità del mio campo di psicologia sociale (anche se farebbe entrambe le cose). Trattare la giusta malattia sociale (disuguaglianza accademica) con una "medicina" debole o inefficace è altrettanto probabile che sia efficace nel trattare la polmonite con l'aspirina. La minaccia stereotipata di overselling fa un cattivo servizio a coloro che la ricerca dovrebbe effettivamente aiutare. Ciò è particolarmente commovente quando si considerano i "costi di opportunità" – i milioni di fondi in denaro spesi per la ricerca di minacce stereotipate che potrebbero essere andati ad altri tipi di ricerca non finanziati, e lo spazio del giornale dedicato alla minaccia stereotipata che avrebbe potuto andare a una ricerca più solida che avrebbe potuto dare un maggiore contributo alla comprensione di base della psicologia umana e / o agli interventi accademici mirati a fenomeni che potrebbero produrre differenze maggiori, come migliorare effettivamente la qualità degli studenti appartenenti alle minoranze scolastiche.

Riferimenti

Flore, PC e Wicherts, JM (2014). Lo stereotipo della minaccia influenza le prestazioni delle ragazze nei domini stereotipati? Una meta-analisi. Journal of School Psychology, 53 , 25-44.

Jussim, L., Crawford, JT, Anglin, SM, Stevens, ST, e Duarte, JL (in corso di stampa). Interpretazioni e metodi: verso una psicologia sociale di auto-correzione più efficace. Journal of Experimental Social Psychology.

Sackett, PR, Hardison, CM e Cullen, MJ (2004). Interpretando la minaccia dello stereotipo come contabilità per le differenze afroamericano-bianco sui test cognitivi. Psicologo americano, 59 , 7-13.

Schmader, T., Johns, M., & Forbes, C. (2008). Un modello di processo integrato di effetti di minacce stereotipate sulle prestazioni. Rassegna psicologica, 115, 336-356.

Steele, CM, & Aronson, JA (2004). La minaccia stereotipata non vive solo da Steele e Aronson (1995). Psicologo americano, 59 , 47-48.

Walton, GM, Spencer, SJ, e Erman, S. (2013). Meritocrazia affermativa. Questioni sociali e revisione delle politiche, 7 , 1-35.

Wax, A. (2009). Minaccia stereotipata: un caso di sindrome da eccesso di voti? In CH Sommers (a cura di), La scienza sulle donne e la scienza (pp. 132-169). Washington DC: AIE Press.

Altri esempi di come i risultati di Steele & Aronson vengano erroneamente rappresentati in modo errato o interpretati erroneamente come "mostrare" che "rimuovi la minaccia e Black = White scores":

http://www.reducingstereotypethreat.org/definition.html (recuperato il 29/12/15):

"Quando la razza non è stata enfatizzata, tuttavia, gli studenti neri hanno ottenuto risultati migliori e equivalenti con gli studenti bianchi".

http://www.apa.org/research/action/stereotype.aspx (recuperato il 29/12/15):

"Nello stereotipo no – condizione di minaccia – in cui lo stesso identico test è stato descritto come un'attività di laboratorio che non indicava l'abilità – le prestazioni dei neri sono aumentate per corrispondere a quelle di bianchi altrettanto qualificati. “

Pigliucci, M. (2013). Cosa dobbiamo fare del concetto di razza? Pensieri di un filosofo-scienziato. Studi in Storia e Filosofia delle scienze biologiche e biomediche, 44 , 272-277. Pagina 276:

"Steele and Aronson (1995), tra gli altri, hanno esaminato i test del QI e ai test ETS (ad esempio SATs, GREs, ecc.) Per vedere se le prestazioni intellettuali umane possono essere manipolate con semplici trucchi psicologici che innescano stereotipi negativi su un gruppo che i soggetti autoidentificarsi con. Notoriamente, il trucco ha funzionato, e come risultato possiamo spiegare quasi tutto il divario tra bianchi e neri sui test di intelligenza come un artefatto di una minaccia stereotipata, un pregiudizio della situazione di test precedentemente sconosciuto. "

Solutions Collecting From Web of "La stereotipizzazione delle minacce è eccessiva, eccessiva e eccessiva?"