La solitudine per alimentare lo spirito

Siamo un popolo in fuga. Nella nostra cultura in continua crescita, occupata, impegnata, impegnata, ci sentiamo costantemente sotto pressione per completare le attività in modo rapido, multi-compito e rendere produttivo ogni momento della nostra giornata di veglia. Ma quale impatto ha su di noi questa cultura go-go-go e come possiamo sprecare opportunità di solitudine?

Pensa a come trascorri il tuo tempo da solo. Tutti noi abbiamo momenti nel corso delle nostre ore di veglia quando siamo da soli, ma essere soli non è la stessa esperienza della solitudine. Soprattutto nella nostra cultura digitale, il nostro tempo solitario non è spesso effettivamente speso da noi stessi – abbiamo a portata di mano i social media o altre forme di distrazione così che anche il tempo da solo non è più interamente da noi stessi.

Gli scienziati sociali che hanno studiato l'impatto dei social media sulla nostra psicologia hanno riflettuto sul suo impedimento alla solitudine da qualche tempo a questa parte. Per esempio, la famosa studiosa del MIT Sherry Turkle ha pubblicato Reclaiming Conversation (2015), che identifica il debilitare della solitudine come una delle molte insidie ​​non volute della nostra cultura sempre più basata sulla tecnologia. Identifica la solitudine come una caratteristica essenziale dello sviluppo della personalità, perché consente a un individuo di sentirsi a proprio agio nella propria pelle, coltivare creatività, riflessione e prepararsi meglio quando ha opportunità di connettersi con gli altri.

Essenzialmente, dobbiamo connetterci meglio con noi stessi per poi consentirci di estendere tale connessione alle persone e al mondo che ci circonda. Questi processi, essenziali per lo sviluppo umano di base, sono spesso indeboliti quando il tempo che trascorremmo da soli in solitudine è usurpato dal fascino seduttivo dei nostri dispositivi digitali. Infatti, come identificato in un articolo di Mindful , "quando perdiamo la capacità di essere soli con noi stessi, i nostri sistemi nervosi sovrastimolati non soffrono di alcun posto dove riposare e ricaricare" (Sevilla, 2017, para 3).

Uno dei più grandi percorsi per la solitudine benefica è attraverso pratiche di consapevolezza, come la meditazione. Attraverso la coltivazione di una pratica in cui ci concentriamo sul momento presente, oltre a diventare più in sintonia con la nostra connessione mente-corpo, diventiamo anche più consapevoli di ciò che ci circonda. In tali condizioni, essere soli diventa meno scoraggiante e più appagante, poiché la solitudine diventa una porta per la riflessione e il rifugio.

Anche se molti di noi potrebbero trascorrere del tempo da soli, potremmo anche sviluppare una colonna sonora per quel tempo: il rombo della televisione, il segnale acustico dei nostri telefoni, nuovi avvisi o messaggi di testo a cui ci occupiamo. Infatti, per molte persone non abituate alla solitudine, essere soli e ancora in un ambiente silenzioso può provocare ansia o paura. Ma ahimè, è attraverso quella calma e quiete che possiamo attingere a una parte più profonda del nostro senso di sé ed esplorare le nostre vite interiori. Infatti, "mentre impari a stare da solo, puoi imparare come essere coraggioso e onesto su come stanno le cose adesso. Se riesci a coltivare la tua capacità di essere a posto con la solitudine, potresti arrivare ad apprezzare che puoi creare tutte le condizioni di cui hai bisogno per accontentarti di te stesso e della vita "(Sevilla, 2017, para 4).

Quindi, forse, tutti noi possiamo trarre vantaggio da una connessione digitale scollegata la prossima volta che ci troviamo in un ascensore da soli, o camminando per strada, aspettando nel traffico o a casa da soli. Come faresti a conoscere te stesso se hai dato alla tua coscienza il tempo e l'attenzione che dedichi ad altre persone quando socializzi? A volte le pratiche più semplici possono essere le più trasformative nel migliorare il nostro senso di sé. Presentati a te la prossima volta che hai l'opportunità di stare in solitudine e guarda cosa ne deriva.

Pixabay/winner01
Fonte: Pixabay / vincitore01

Copyright 2017 Azadeh Aalai

  • Perché hai mentito ai tuoi genitori (e cosa hanno veramente saputo)
  • Quando i turni di lavoro funzionano contro di te
  • In che modo l'oppressione (microaggressioni) influisce sui perpetratori?
  • 7 passaggi per prendere decisioni sane
  • Segreti, paura e molestie sessuali
  • Brain Training può essere Drenaggio del Cervello?
  • Ritiro di uomini pazzi
  • Qualcuno sta sabotando i tuoi obiettivi di perdita di peso?
  • Come le religioni ci motivano
  • Le famiglie felici non sono tutte uguali
  • Come giocare a baseball in prigione può aiutarti ad affrontare le tue paure
  • Cinquanta sfumature di gay
  • Mantenere strette amicizie richiede il contatto faccia a faccia
  • Il vocabolario delle parti della personalità
  • Bliss Molecole e Love Hormones propel i nostri social network
  • Quale futuro per la famiglia?
  • Può il lavaggio delle mani prevenire la malattia mentale?
  • Perché le origini contano
  • 13 lezioni per invecchiare bene: lezione 6
  • Essentials per il linguaggio del corpo per i tuoi figli, per i genitori
  • 5 ipotesi errate riguardo al cronico malato
  • Costruire relazioni per l'isolamento da combattimento
  • Chi sono i più solitari?
  • Non sognare in grande
  • 7 passaggi per prendere decisioni sane
  • Segni di eccessiva dipendenza su Internet e social media
  • Quando i turni di lavoro funzionano contro di te
  • Pokémon Go può ridurre la solitudine?
  • 6 modi naturali per de-stress
  • Stile genitoriale autoritario vs autoritario
  • Quali sono le cause del morbo di Alzheimer?
  • Cyberstalking: il crimine in crescita più veloce
  • Come le religioni ci motivano
  • Essentials per il linguaggio del corpo per i tuoi figli, per i genitori
  • Sentirsi soli? Potresti essere dannoso per la tua salute
  • Curing vs. Accepting: un bambino deve essere "normale" per essere felice o avere successo?