La sfida centrale della gestione

Una volta ho lavorato per un Chief Marketing Officer che soprattutto amava assumere major in psicologia.

Era convinto che di solito sarebbero diventati dei marketer migliori di quelli che, per esempio, erano laureati in Marketing, Pubblicità, Management o in una qualsiasi delle discipline aziendali. Perché? Perché sentiva che erano più inclini a comprendere le persone, e il marketing dopo tutto era in gran parte dedicato alla comprensione dei consumatori, del comportamento e delle esigenze.

Mi è stato ricordato il mio vecchio CMO l'altro giorno durante una conversazione di gestione su Twitter.

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

Una delle tante cose che mi piacciono di Twitter è la saggezza che lo attraversa da luoghi inaspettati in tempi inaspettati. Stavamo discutendo uno studio che dimostrava come metà dei manager non fissasse obiettivi effettivi per i dipendenti quando da @BahanaOZ, un professionista delle risorse umane a Istanbul, in Turchia, è arrivato il tweet: "Il problema principale dei Manager è pensare a come gestire il lavoro mentre il loro lavoro è come gestire la squadra. "

Un po 'di sintassi a parte (e il suo inglese è mille volte migliore del mio turco), questa è una grande sintesi della sfida centrale, spesso trascurata, della gestione. Al suo centro è molto meno un gioco tecnico che un gioco umano.

Sta anche dicendo la stessa cosa del mio vecchio CMO, solo in una forma leggermente diversa: se vuoi assumere persone che hanno buone probabilità di avere successo nella gestione, trova prima le persone che hanno informazioni su altre persone. Comprensione del modo in cui pensano, in ciò che li motiva, nelle loro speranze e paure.

Detto in altro modo, dato che la gestione consiste nel realizzare il lavoro attraverso gli altri, spesso dicevo che il management è al 49% a capire il business e il 51% a capire le persone.

I manager si lasciano facilmente ingarbugliare in "pensare strategicamente" e "missioni" e "visioni" e un centinaio di altre parole d'ordine del mondo – quando ciò di cui hanno più bisogno di essere strategici è il loro popolo.

Per amplificare su questo punto, c'è un grande passaggio che ho letto circa 25 anni fa quando ero un giovane manager. È stato dall'autobiografia di Lee Iacocca. Iacocca è stato CEO di Chrysler come rockstar dalla fine degli anni '70 ai primi anni '90.

"Ora c'è una frase che odio vedere sulla valutazione di un dirigente", scrisse, "non importa quanto talento possa essere, e questa è la linea, 'Ha difficoltà ad andare d'accordo con altre persone.' Per me, questo è il bacio della morte. Hai appena distrutto il ragazzo, io penso sempre. Non può andare d'accordo con le persone? Poi ha un problema reale, perché è tutto ciò che abbiamo qui intorno. Niente cani, niente scimmie, solo persone. "

Sì, solo persone. Niente cani, niente scimmie.

Se hai informazioni approfondite sulla tua gente – e le hai coinvolte, leali e produttive – sei sulla buona strada, come sa il mio amico di Istanbul, per una gestione di successo.

* * *

Victor è autore di The Type B Manager: leader in un mondo di tipo A.

Scopri perché Howling Wolf Management Training si chiama quello che è.

Solutions Collecting From Web of "La sfida centrale della gestione"