La sessualità di una persona può essere “curata”?

5 domande frequenti sulla terapia di conversione

Guest post di Diana E. Moga, MD, Ph.D.

Photographee eu/Shutterstock

Fonte: Photographee eu / Shutterstock

Boy Erased , il nuovo film su un giovane omosessuale sottoposto a un regime estenuante, al limite degli abusi, per “convertirlo” all’eterosessualità, è un duro promemoria del fatto che nonostante i significativi guadagni dei diritti civili e le mutevoli norme sociali, la terapia di conversione esiste ancora. La terapia di conversione si è dimostrata inefficace nella migliore delle ipotesi e dannosa nel peggiore, ma per coloro le cui convinzioni religiose vietano l’omosessualità o che ritengono che essere LGBTQ renda la vita troppo difficile, qual è l’alternativa?

Il mio trattamento di una giovane donna religiosa che ha chiesto aiuto agli uomini che frequentano nonostante siano attratti dalle donne fornisce un esempio di come la terapia può aiutare coloro che lottano con il loro genere o l’identità sessuale senza vergogna e danno.

Nonostante una carriera di successo con molti amici, Hannah non aveva mai avuto una relazione romantica o sessualmente attiva. All’età di trent’anni, era preoccupata per la sua fertilità e per aver deluso la sua famiglia se non si fosse sposata e avesse avuto figli. Mentre trovava che discuteva della sua vita erotica angosciante, confidava che il soggetto della maggior parte delle sue fantasie sessuali erano donne. Eppure si era convinta di poter essere attratta da un uomo se lo amava abbastanza. La sua preoccupazione di essere una lesbica incentrata su non più in sintonia con la sua famiglia e la comunità religiosa. Aveva anche associazioni negative e stereotipate al termine, sentendo che non si adattava al suo senso di identità.

Mentre la terapia di conversione va contro i miei valori morali e le posizioni della American Psychoanalytic Association e della American Psychiatric Association, di cui sono membro, il mio dovere come terapeuta mi ha richiesto di rispettare i desideri di Hannah. Trattare Hannah e pazienti come lei che lottano con il loro genere e l’identità sessuale mi ha insegnato quanto segue:

1. Che cos’è la terapia di conversione?

Le terapie di conversione hanno lo scopo di cambiare l’orientamento sessuale o l’identificazione di genere. Questi sforzi hanno storicamente spaziato da pratiche apertamente crudeli e pericolose come castrazione, lobotomia, induzione di convulsioni e bloccanti steroidi agli attuali interventi comportamentali e / o psicologici. La maggior parte delle terapie di conversione si basa su teorie non provate che la sessualità può essere alterata da una forte convinzione religiosa o dal superamento dei “traumi” infantili.

2. La terapia di conversione cambierà le attrazioni dello stesso sesso?

Un rapporto dell’American Psychological Association del 2009 che ha esaminato la ricerca sulla terapia di conversione ha rilevato che pochissimi studi avevano un design adeguato per determinare l’efficacia e la sicurezza. I pochi studi che erano adeguati conclusero che qualsiasi cambiamento nell’orientamento o comportamento sessuale era raro; invece, la terapia di conversione ha causato una riduzione dell’eccitazione generale.

3. La terapia di conversione è dannosa?

Studi recenti dimostrano che circa il 17% dei soggetti intervistati ha tentato il suicidio durante o dopo il trattamento. Molti partecipanti hanno riferito sentimenti di depressione e vergogna dai loro trattamenti. Inoltre, hanno sperimentato una ridotta autostima, isolamento sociale, senso di alienazione, perdita di sostegno della comunità, completa perdita di fede, diminuzione della capacità di provare l’intimità, disfunzioni sessuali o impotenza.

4. Se dannoso, perché la terapia di conversione è ancora legale?

Storicamente, i terapeuti credevano che non ci fosse alcun danno nel tentativo di cambiare il proprio orientamento sessuale. Mentre la terapia di conversione rimane legale negli stati con maggiore opposizione politica ai diritti LGBTQ, la letteratura emergente ha portato quattordici stati a vietare la pratica per i minori.

5. Sto lottando con la mia sessualità e / o identità di genere. Che tipo di terapista dovrei cercare?

  • Uno che si sforza di darti la possibilità di prendere le tue decisioni di vita. Ad esempio, Hannah ha finito per fare le sue scelte una volta che è diventata più a suo agio con se stessa come una donna matura con sentimenti sessuali.
  • Il terapeuta dovrebbe discutere apertamente e in modo collaborativo gli obiettivi del trattamento, compresi i probabili risultati sia con che senza terapia. Ad esempio, Hannah aveva una grave ansia sociale che interferiva con la sua capacità di formare legami intimi con chiunque, non solo con partner romantici. Abbiamo convenuto che avremmo lavorato sul suo senso generale di identità, fiducia e difficoltà con l’intimità. Ero chiaro che non sapevo chi avrebbe scelto di uscire o sposarsi, ma che senza terapia avrebbe avuto difficoltà a stare in una relazione con qualcuno.
  • Il terapeuta capirebbe che l’identità è complessa e comprende molti livelli. Quindi, ad esempio, la tua identità sessuale potrebbe essere diversa da quella che ti eccita sessualmente. La tua identità sessuale ha a che fare con il modo in cui ti identifichi nella privacy dei tuoi pensieri e come scegli di identificarti in pubblico. Se la tua identità religiosa o culturale è in conflitto con la tua identità sessuale, il tuo terapeuta può aiutarti a trovare un compromesso che funzioni per te. Per Hannah, questo significava venire a patti con l’identificarsi come bisessuale nei propri pensieri e godersi la sua attrazione per le donne, pur continuando a presentare un’identità sessuale di una donna eterosessuale alla sua famiglia.
  • Trova un terapeuta che si concentri sul tuo benessere psicologico generale, compresi i meccanismi di coping, l’adattamento alla realtà, l’autostima, l’auto-conoscenza e l’accettazione, nonché la capacità di avere relazioni soddisfacenti. Ciò include contribuire a ridurre la vergogna sul desiderio sessuale e migliorare la capacità di affrontare la discriminazione. Hannah si rese conto che sentiva il dovere di avere figli per continuare il lignaggio e le tradizioni della sua famiglia. Verso quell’obiettivo, iniziò una relazione romantica con un uomo che aveva valori simili. Durante il corso del nostro trattamento, divenne anche più a suo agio con i desideri sessuali di cui si era vergognata.

I professionisti della salute mentale hanno il dovere etico di promuovere il benessere e la dignità per tutte le persone. Trattamenti basati sulla svalutazione o il vergogna del senso di identità, dei sentimenti o dei desideri di qualcuno non promuovono la dignità. Cerca la psicoterapia basata sulla neutralità e l’apertura per permetterti di essere il tuo vero sé.

Circa l’autore ospite : Diana E. Moga, MD è uno psichiatra e psicoanalista con uno studio privato a Manhattan. La dottoressa Moga ha conseguito la laurea in medicina e il dottorato in Neuroscienze presso la Scuola di Medicina del Monte Sinai e ha completato la residenza psichiatrica e la formazione psicanalitica presso il Presbyterian Hospital / New York State Psychiatric Institute e il Columbia Center for Psychoanalytic Training and Research. Attualmente è al centro della facoltà per insegnare candidati psicoanalitici su argomenti che vanno dal genere e alla sessualità, neuroscienze e processo psicoanalitico e un assistente professore alla Columbia University che insegna psicoterapia psicodinamica di residenti psichiatrici residenti. È co-presidente del comitato su genere e sessualità all’American Psychoanalytic Association.

  • Ottieni Naked! Ottieni davvero nudo!
  • Semplici passi per il recupero di porno / dipendenza da sesso
  • Navigare sull'abuso da parte del clero - Parte 2.
  • Il nuovo romanzo di Russell Banks esplora l'abbandono del reato sessuale
  • L'atteggiamento competitivo aiuta a perseverare con l'esercizio ??
  • Attenzione: essere cattivi può sentirsi così bene
  • Cosa penso quando penso a #GivingTuesday
  • 5 modi in cui devi costruire il perdono nel tuo rapporto
  • I nostri antenati non hanno premiato la cattiva leadership (e neanche noi): Scusa sembra essere la parola più difficile
  • Anonimato e lo stigma di essere alcolizzato
  • Chi siamo, cosa facciamo e lo spazio tra di noi
  • 7 consigli per incoraggiare le ragazze a rischiare
  • Una chiamata post-kavanaugh alle armi per adulti per aiutare gli adolescenti
  • Due ingredienti essenziali per una comunicazione efficace
  • Salute e peso
  • Ascoltando il calcio
  • Sono lacerato tra 2 uomini
  • Immaginazione secondo scienza, ingegneria e filosofia
  • "Nice Men", White Lies, Money Secrets e Sham Independence
  • In che modo la consapevolezza può aiutare con la sofferenza fisica
  • La cura di sé e il diavolo che conosci
  • Perché le scuse non hai avuto problemi
  • I fornitori di servizi sanitari continuano a perdere il segno
  • My Worrying and My Bad Mood
  • Non sappiamo se i cani si sentono colpevoli quindi smettono di dire che non lo fanno
  • Liberazione della vergogna e buddismo
  • L'arte e la scienza della felicità
  • Cancro sullo schermo come "Cancertainment"
  • Come il movimento "Porn Addiction" non rispetta le donne
  • Determinato a mantenere le risoluzioni del tuo anno 2016?
  • La terapia di gruppo può aiutare con problemi di relazione?
  • Un ingrediente sorprendente per relazioni durature
  • Sollevare un bambino con grinta
  • Cosa predice il desiderio sessuale degli uomini?
  • Hai un disturbo alimentare non diagnosticato?
  • Antibullyism e "The Coddling of the Mind americano" parte 3