La scienza emergente del timore e dei suoi benefici

Unsplash/Pexels
Fonte: Unsplash / Pexels

Cerca esperienze che ti facciano venire la pelle d'oca . Questo è il consiglio di Dacher Keltner, uno dei più importanti teorici e studiosi di stupore, un'emozione trascurata da tempo. "Ciò che la scienza del timore reverenziale sta suggerendo è che le opportunità di soggezione ci circondano e i loro benefici sono profondi", spiega Keltner. Studi recenti che esplorano questa complessa emozione hanno scoperto connessioni avvincenti tra l'esperienza del timore reverenziale e il miglioramento delle facoltà di pensiero critico e creativo, un miglioramento della salute, un senso di radicamento nelle pieghe collettive e un aumento di comportamenti pro-sociali come la gentilezza, l'auto-sacrificio, -operation e condivisione delle risorse. Awe è anche una delle poche emozioni che può riconfigurare il nostro senso del tempo e immergerci nel momento presente.

Il timore si manifesta in risposta a diversi stimoli: minaccia, bellezza, abilità, virtù e fenomeni soprannaturali. Guardare la cascata d'acqua sopra una maestosa cascata può suscitare soggezione, come pure la pura velocità di un velocista olimpico o il brutto rombo del tuono in una violenta tempesta. Le nostre risposte a questi stimoli arricchiscono la nostra esperienza di timore reverenziale in modi leggermente diversi, a causa dello spettro di emozioni racchiuso in questa emozione unica: contiene somiglianze con gratitudine, ammirazione, elevazione, meraviglia e amore, ma anche con confusione, paura e terrore. Sia 'fantastico' che 'terribile' trovano le loro radici etimologiche in soggezione.

Keltner e Haidt definiscono soggezione come la sensazione di trovarsi in presenza di qualcosa di vasto che trascende allo stesso tempo la comprensione del mondo: uno stato dell'essere che si trova a cavallo del confine tra piacere e paura. La vastità in questo senso si riferisce alla percezione di fenomeni, eventi o individui molto più grandi di se stessi a causa di dimensioni, volume o indicatori immateriali come la fama o la generosità. Trascendere la comprensione significa espandere le proprie strutture mentali e sistemi di credenze per assimilare esperienze che non possono essere comprese all'interno delle strutture di conoscenza esistenti. Mentre la vastità può conferire a un individuo una prospettiva di se stesso in relazione a un quadro più ampio, le strutture mentali espanse aiutano ad aprire la mente a nuovi modi di pensare, elaborare e comprendere. L'esperienza simultanea di vastità e comprensione trascesa può essere trasformativa, perché incoraggia le persone a uscire dai confini dell'ego e a considerare nuovi modi di conoscenza. Poiché la personalità e i valori di un individuo hanno dimostrato di essere relativamente stabili nell'orientamento, il potenziale di sfruttare i momenti che inducono timore reverenziale per istigare in modo rapido e potente la crescita personale e riorientare i valori è considerevole. Le esperienze che suscitano stupore possono aiutarci a ri-concettualizzare il nostro senso di sé, il nostro ruolo nella società e da una prospettiva più cosmica, il nostro posto nell'universo.

Tuttavia, in un mondo deprivato di estasi dove il narcisismo, il materialismo e la disconnessione dal mondo naturale e dagli altri predominano e gli schermi assorbono molte delle nostre ore di veglia, i momenti in grado di evocare stupore sembrano in qualche modo diminuiti. Molti di noi associano tradizionalmente il timore reverenziale a rari eventi trascendentali o straordinari, come l'estasi religiosa o le esperienze di pre-morte, ma il timore si manifesta anche nei contesti quotidiani. In un recente studio condotto a Berkeley da Amie Gordon, le esperienze di soggezione sono state infatti trovate onnipresenti nella vita quotidiana. Gordon raccolse rapporti di soggezione della gente ogni giorno per due settimane e scoprì che ogni tre giorni, in media, le persone si trovavano in presenza di qualcosa che ispirava soggezione; musica suonata all'angolo di una strada alle 2 del mattino, individui in piedi fino all'ingiustizia o foglie autunnali che cadono a cascata dagli alberi. Soprattutto, i momenti di meraviglia che erano stati documentati prevedevano un miglioramento del benessere settimane dopo. Le opportunità di provare stupore sono sempre presenti nel quotidiano, ma dobbiamo essere aperti e consapevoli di questi momenti più sottili che possono facilmente sfuggirci. Keltner propone musica dal vivo, gallerie d'arte, teatro, musei, trascorrendo tempo all'aperto e lasciando che il tempo non strutturato per l'esplorazione inviti più soggezione nella nostra vita quotidiana.

Il potenziale timore che regna nelle nostre vite per fornire significato e trasformare la nostra esperienza del mondo è stato forse espresso in modo molto eloquente da Albert Einstein, che una volta affermava che "la cosa più bella che possiamo sperimentare è il misterioso. È la fonte di tutta la vera arte e scienza. Colui a cui questa emozione è estraneo, che non può più e rimane in piedi con stupore, è buono come morto: i suoi occhi sono chiusi. "

Solutions Collecting From Web of "La scienza emergente del timore e dei suoi benefici"