La scienza dimostra che la gratitudine è la chiave per il benessere

Agire felice, persuade il cervello verso emozioni positive

Big Stock Images

.

Fonte: grandi immagini Stock

“Costruire la vita migliore non richiede fedeltà ai sentimenti in nome dell’autenticità, ma piuttosto ribellarsi agli impulsi negativi e agire correttamente anche quando non ne abbiamo voglia”, afferma Arthur C. Brooks, autore di Felicità nazionale lorda, in una colonna nel New York Times . Nell’articolo, dal 2015, sostiene che “recitare grato può effettivamente renderti riconoscente” e usa la scienza per dimostrarlo.

Uno studio del 2003 ha confrontato il benessere dei partecipanti che tenevano un elenco settimanale di cose di cui erano grati ai partecipanti che tenevano una lista di cose che li irritavano o cose neutrali. I ricercatori hanno dimostrato che i partecipanti focalizzati sulla gratitudine hanno mostrato un maggiore benessere e hanno concluso che “un focus consapevole sulle benedizioni può avere benefici emotivi e interpersonali”.

I partecipanti non hanno iniziato lo studio più riconoscente o ingrato di chiunque altro, e non hanno cambiato le loro vite durante lo studio in modo che avrebbero avuto più di cui essere grati. Hanno appena trasformato la loro prospettiva in uno di gratitudine, e sono stati più felici per questo.

In che modo la gratitudine fa questo? Un modo è stimolando due importanti regioni nel nostro cervello : l’ipotalamo, che regola lo stress, e l’area tegmentale ventrale, che svolge un ruolo significativo nel sistema di ricompensa del cervello che produce sentimenti di piacere.

Uno studio del 1993 ha rivelato un altro modo per aumentare la felicità anche quando non ti senti felice. I ricercatori hanno scoperto che il sorriso sia volontario che involontario ha avuto lo stesso effetto sull’attività cerebrale. Puoi convincere il tuo cervello e il tuo corpo che sei felice anche quando non sei costretto a sorridere. “Recitare felici, indipendentemente dai sentimenti, convince il cervello a elaborare emozioni positive”, spiega Brooks. In altre parole, “finta finché non lo fai” funziona.

Nella sua rubrica, Brooks suggerisce di adottare tre strategie per sfruttare gli effetti positivi sulla salute della gratitudine. Uno, pratica “gratitudine interiore”. Tieni un elenco giornaliero o settimanale delle cose per cui sei grato. Per esempio, potrei scrivere: Sono grato di avere un lavoro che amo e che attraverso il mio lavoro come terapista a Santa Monica posso aiutare le persone. Due, pratica la “gratitudine esteriore”. Scrivi degli appunti di ringraziamento e metti la tua gratitudine sugli altri sulla carta. Ad esempio, potresti scrivere un’email di ringraziamento al tuo migliore amico per sostenerti attraverso una brutta rottura. E tre, “sii grato per le cose inutili.” In altre parole, esprimere grazie per le cose quotidiane che di solito trascuri come frutta fresca e aria condizionata.

Sei preoccupato che scrivere una nota di ringraziamento spontanea a un amico possa farli sentire a disagio? O che non significherà molto per loro?

La scienza dice che ti sbagli.

Uno studio pubblicato su Psychological Science nel giugno 2018 rivela che le persone spesso sbagliano nel calcolo di come verrà accolta una sentita nota di ringraziamento. I ricercatori hanno chiesto a un gruppo di 100 partecipanti di scrivere lettere di ringraziamento a qualcuno di cui erano grati, come un amico o un insegnante. Sebbene queste non fossero solo brevi note “grazie per il mio regalo di Natale”, il ricercatore Dr. Amit Kumar ha osservato che le lettere di ringraziamento richiedevano meno di cinque minuti per scrivere.

Ai partecipanti è stato quindi chiesto di valutare quanto sorpresi, felici e imbarazzanti hanno previsto che il partecipante si sarebbe sentito. E infine, ai destinatari è stato chiesto di valutare come effettivamente la lettera li ha fatti sentire. Si scopre che gli scrittori di note hanno notevolmente sovrastimato il modo in cui i destinatari imbarazzanti si sentirebbero e quanto insincerebbero apparire le note, e hanno notevolmente sottovalutato gli effetti positivi che avrebbero avuto. La giornalista scientifica del New York Times , Heather Murphy, ha scritto: “Dopo aver ricevuto gli appunti di ringraziamento e aver compilato dei questionari su come ci si sentiva, molti hanno detto che erano” estatici “, valutando il punteggio di felicità a 4 su 5. I mittenti in genere hanno indovinato ‘evocare un 3. “

Se esprimere gratitudine anche quando non sta accadendo nulla di particolarmente gratificante può aumentare il tuo benessere e aiutare a regolare lo stress, e anche un piccolo sforzo per esprimere gratitudine può avere un effetto significativo sul destinatario dei tuoi ringraziamenti, perché non esprimere gratitudine una parte della tua vita quotidiana? Fai come il padre della psicologia positiva Martin Seligman raccomanda nel suo libro Authentic Happiness e scrive lettere di ringraziamento quotidiane. Trascorri cinque minuti ogni mattina o sera scrivendo un’email di ringraziamento a una persona cara. La scienza dice che ti sentirai in imbarazzo, e la scienza dice di farlo comunque.

Solutions Collecting From Web of "La scienza dimostra che la gratitudine è la chiave per il benessere"