La scienza della dipendenza e recupero

torange.us
Fonte: torange.us

Negli incontri in 12 fasi, si dice spesso che qualcuno era un tossicodipendente prima che lui o lei "inserisse". Secondo questo punto di vista, mettere un farmaco, alcol o altra sostanza che crea dipendenza, nel nostro corpo per cambiare il nostro stato della mente è il risultato di un'esperienza psicologica, familiare e sociale precedente e, inoltre, che tali esperienze supportano e rinforzano il comportamento di dipendenza. Si scopre che ci sono abbondanti prove scientifiche a supporto di questo punto di vista, prove presentate nel brillante libro di Johann Hari, Chasing the Scream: Il primo e ultimo giorno della guerra alla droga.

Secondo la ricerca che Hari esamina, due precursori della dipendenza sono il trauma emotivo e l'isolamento psicologico e sociale. I tossicodipendenti in fase di recupero non troveranno questi risultati come una novità. I tossicodipendenti riferiscono ripetutamente di sentirsi "a parte" in tenera età, e altrettanto frequentemente riferiscono di crescere in famiglie piene di dipendenze, genitorialità di madri e padri con difetti che, al loro meglio, non avevano idea di cosa provassero i loro figli o quello di cui avevano bisogno. Hari cita enormi studi longitudinali di studi sui bambini, per esempio, in cui i bambini e le loro famiglie sono stati osservati, testati e seguiti dalla prima infanzia fino a 18 anni, progettati per capire quanto la loro genitorialità abbia influenzato la loro successiva droga uso. Le correlazioni erano talmente elevate che, osservando alcune importanti interazioni tra genitori e figli in tenera età, gli scienziati hanno scoperto che potevano prevedere con accuratezza drammatica quali bambini avrebbero successivamente lottato con la tossicodipendenza. Le interazioni disfunzionali nell'infanzia predicevano tassi più alti di abuso di sostanze più tardi nella vita, principalmente perché tali interazioni lasciavano sedimenti tossici di auto-odio che era così doloroso che i soggetti spesso cercavano farmaci per diminuirla. Questi ricercatori hanno concluso che i traumi e gli abusi infantili hanno la stessa probabilità di causare la tossicodipendenza poiché l'obesità è causa di malattie cardiache.

La ragione per cui questo è importante è che contraddice la visione convenzionale della tossicodipendenza come "dipendente dalla sostanza" – anzi, che la sostanza che viene abusata è così fortemente coinvolgente che ha intrinsecamente il potere di derubare qualcuno della sua volontà. La revisione della ricerca di Hari, tuttavia, ci mostra che questo non è vero. Cita un ricercatore che ha detto: "Nulla crea dipendenza di per sé. È sempre una combinazione di una sostanza o di un comportamento potenzialmente coinvolgente e di un individuo suscettibile. "Non sorprenderà nessun tossicodipendente nella ripresa che la deprivazione emotiva e il trauma siano potenti contributi a tale suscettibilità.

Isolamento e solitudine sono altri. Molti di noi ricordano di aver visto video agghiaccianti negli anni '80 di un topo in una gabbia che aveva la possibilità di bere da due bottiglie d'acqua – una contenente acqua naturale e l'altra con acqua cucita con cocaina o eroina. Nel corso del tempo, i ratti gravitavano quasi esclusivamente sull'acqua infusa dalla droga e la bevevano con tale ferocia risoluta che avrebbero rinunciato a tutto il resto ea volte sarebbero morti al servizio della loro dipendenza. Questo studio sembrava sostenere l'idea che fosse il potere intrinseco del farmaco che alimentava il comportamento di dipendenza. Tuttavia, questo studio è stato decisamente smentito dal Dr. Bruce Alexander, un ricercatore della Simon Fraser University di Vancouver che ha replicato l'esperimento, ma invece di un solo ratto da solo in una gabbia, Alexander ha costruito una nuova gabbia che era molto più grande, aveva altri ratti e conteneva giochi, attività di apprendimento, opportunità di esplorazione ed esercizio fisico, ecc. Chiamò la sua gabbia "Rat Park" ei ratti residenti si rivelarono poco o nessun interesse per l'acqua drogata. Concluse che il contesto era cruciale per lo sviluppo della dipendenza e che, in particolare, l'opportunità di interagire intorno a attività significative in una comunità neutralizzava potentemente le tendenze di dipendenza. La dipendenza, sosteneva, era basata sulla solitudine e sull'isolamento tanto quanto – se non di più – come i potenti piaceri promessi dalla droga stessa.

Alessandro ha dimostrato ciò che i tossicodipendenti in fase di guarigione sanno così bene che il "potere terapeutico di un tossicodipendente che aiuta un altro è senza paralleli". L'accettazione non giudicante e il benvenuto riconoscente di una comunità basata sul recupero può e spesso sconfina nel potere fisico di un dipendente sostanza che altera l'umore. I nostri gruppi di recupero sono come "Rat Park", che circonda il dipendente solitario e isolato con un contesto di guarigione. Proprio come la causa della dipendenza risiede in certi ambienti tossici emotivi e sociali che producono odio e isolamento, così anche la sua cura si trova in ambienti di supporto basati sull'amore e sulla comunità.

È fantastico quando la scienza contraddice il buon senso, ma conferma ciò che la gente già conosce!

Solutions Collecting From Web of "La scienza della dipendenza e recupero"