La scelta giusta?

The right choice or mismatch with the profession?

La scelta giusta?

Quando Mitch e io abbiamo lavorato al nostro libro "Etica per psicoterapeuta e consulenti: un approccio proattivo" ci siamo sforzati di scrivere o meno una sezione solleva le domande: "E se questa professione non fosse per me? Come faccio a tirarmi indietro con garbo? "Ho menzionato più di una volta gli studenti nella mia classe di etica," Non tutti quelli che si candidano per partecipare a un programma di formazione dovrebbero essere terapisti. Non è la nicchia giusta per loro. "Alla fine, Mitch e io decidemmo di" essere onesti e non dare pugni ". Abbiamo intitolato una sezione, "Scomposizione della professione?" Qui abbiamo incoraggiato i nostri lettori ad essere onesti con se stessi e le loro esigenze, così da considerare la possibilità che essere psicoterapeuti non sia per loro.

Come leggerai qui sotto, questo è esattamente ciò di cui uno studente ha bisogno nel viaggio. (Noterai che ho usato il pronome plurale ("loro") perché non voglio identificare lo studente.Per riflessione, potresti trovare interessante verificare le tue ipotesi sul genere dello studente.

Ho avuto un'esperienza atipica come persona e consigliere di facoltà. Ho incontrato uno studente che, dopo aver seguito un corso di etica, ha deciso che essere un consulente non corrispondeva alla loro passione.

Lo studente era uno dei miei consulenti nel programma di consulenza e mi aveva chiamato per fissare l'appuntamento. Supponevo che avremmo parlato del motivo per cui non si erano iscritti al corso di counselling practicum per il semestre primaverile e di come riorganizzare il loro calendario per la laurea. Il semestre prima avevamo parlato di loro prendendo la lezione di praticantato e l'ultima volta che avevo sentito dire che erano pronti per prendere la mia sezione di praticantato. Quando non ho visto il loro nome nell'elenco delle classi, ho pensato che il mio consulente avesse appena deciso di aspettare il semestre autunnale per seguire il corso. Così quando la persona è entrata nel mio ufficio ho detto: "Ehi, cosa è successo? Pensavo di vederti in pratica. "Il consigliere si sedette e disse:" Ho preso il semestre libero. Ho deciso che essere un consulente non è per me. "

Mentre frequentavo il corso di etica lo scorso semestre, gli studenti avevano usato il libro che il mio occasionale coautore di questo blog, il dottor Mitch Handelsman e io avevamo scritto. Quando la classe arrivò a una sezione del libro in cui incoraggiavamo i lettori a pensare veramente se il counseling e la psicoterapia fossero la giusta professione per loro, questo studente dovette ammettere a se stessi che la consulenza non era la loro passione che non volevano lavorare con persone su problemi personali o crisi. Potevo vedere un senso di sollievo sul viso dello studente mentre parlavano. Lo studente finì dicendo che volevano solo che sapessi che avrebbero perseguito un'altra professione (di cui erano chiaramente appassionati) e che apprezzarono il mio tempo, ma i servizi di consulenza non erano più necessari.

Mentre lo studente stava per lasciare il mio ufficio, dissi: "Buon per te! Stai facendo la scelta giusta. Fammi sapere come funziona il prossimo passo. "Mentre camminavano lungo il corridoio, ripensai alle conversazioni che Mitch e io avevamo avuto riguardo alla sezione" Mismatch "nel libro. Volevamo fornire un modo, una via di grazia, affinché una persona decidesse che essere uno psicoterapeuta o un consulente non era per loro.

Credo che la decisione del mio studente abbia avuto un vero coraggio. Spesso è molto facile impostare le proprie visioni su un obiettivo e non elaborare informazioni che sono in conflitto con quell'obiettivo, o non vedere modi per cambiare rotta. Mitch ed io abbiamo entrambi visto studenti che dicono: "Io non sono un smisurato", non rendendomi conto che non c'è gloria nell'entrare in una professione così impegnativa e coinvolgente come psicoterapia quando ci sono altri modi per soddisfare i più grandi obiettivi di vita. È possibile che diventare psicoterapeuti mentre nutre sentimenti di insoddisfazione e persino risentimento – senza i sentimenti compensatori di passione e soddisfazione – sia una bandiera rossa che potrebbe portare a errori etici. Certo, non sto dicendo che ogni giorno deve essere beatitudine. Sto dicendo che l'auto-consapevolezza e l'auto-riflessione sono importanti per essere uno psicoterapeuta, e questo studente è stato in grado di impegnarsi in un'auto-riflessione molto produttiva in un momento molto importante.

Mi sentivo benedetto nel vedere il beneficio del nostro essere onesti con i lettori e due volte benedetto nel vedere il mio ex-consulente ora essere onesto con se stesso. La persona aveva preso una buona decisione, una decisione etica.

Mitch Handelsman ha un blog "The Ethical Professor".

(Pollice in su foto di stream kaymoshusbandphoto)

Solutions Collecting From Web of "La scelta giusta?"