La salute mentale è strettamente mentale?

Una colonna ospite del professor Peter Smagorinsky dell'Università della Georgia

"È malata in testa."

"Penso che sia diventato mentale."

"Che caso di testa."

Quando le persone parlano di altri il cui comportamento non è conforme alle norme previste, spesso usano un linguaggio che tratta le differenze come una malattia situata all'interno del cranio dell'individuo. Quando il pensiero di qualcuno sembra più o meno seguire le aspettative per agire correttamente nel mondo, sono considerati in possesso di "salute mentale". Al contrario, un comportamento che sembra strano, ingiustificato, illogico, minaccioso o peculiare viene definito "malattia mentale". “.

Qualunque cosa tu sia considerata, mentalmente sana o malata, è ampiamente descritta come una funzione di come funziona il cervello, e quindi una condizione mentale. Se la tua testa non è avvitata a destra, per usare ancora un'altra metafora comune, devi raddrizzarti in modo che tu stia bene, e in modo che il resto di noi non sia innervosito o spaventato dalle tue azioni.

In realtà sono uno di "loro", quindi sono in balia di questa introduzione. Come colui che è neurodivergente dal neurotipico, per usare alcuni termini attualmente in voga, ho dedicato molto tempo a cercare di capire cosa significhi essere mentalmente sano o malato. Essere sullo spettro di Asperger, avere un'ansia cronica alta, essere soggetto a pensieri ossessivo-compulsivi e avere la sindrome di Tourette non è sempre stato facile. Allo stesso tempo, non mi considero disordinato, disabile, anormale o malato. E non penso sia tutto nella mia testa.

Non c'è dubbio che il cervello è parte di ciò che rende le persone neurodivergenti diverse dalla popolazione generale. Ma solo una parte. Molti ricercatori, ad esempio, hanno affermato a lungo che la cognizione non è un processo discreto, ma è fondamentalmente correlata ad altre funzioni del sistema corporeo. Storicamente, ad esempio, la cognizione e le emozioni sono state considerate regni separati, una premessa importante dell'Illuminismo europeo. Non solo separati, ma non uguali, con le emozioni che servono a offuscare la chiarezza della cognizione.

Ma tutto il corpo contribuisce a come le persone pensano e sentono. La maggior parte delle persone ha sperimentato risposte involontarie a condizioni esterne, come il battito cardiaco veloce e il respiro che arriva a brevi scoppi, l'adrenalina che scorre attraverso l'intero sistema corporeo e il dolore fisico o emotivo che guida un processo mentale. L'idea che le persone possano sperimentare "cognizione fredda" è più un'astrazione che qualcosa che le persone reali fanno mai.

Dati i modi apparentemente innumerevoli in cui queste esperienze sono così comuni tra la maggior parte delle persone, è difficile considerare il pensiero come un processo strettamente razionale, o corrotto da emozioni piuttosto che infuse. Non è quindi possibile vedere il cervello come l'unico agente del funzionamento mentale, e quindi è il luogo in cui risiedono "salute mentale" e "malattia mentale". Il sistema neurologico a livello del corpo – la fonte di termini come neurotipico e neurodivergente – è un regolatore di tutto il corpo, compresa la materia grigia tra le orecchie.

Ma c'è di più. Molti psicologi e ricercatori in una varietà di discipline considerano l'ambiente centrale nel modo in cui si sviluppa lo sviluppo umano, e quindi in che modo le persone imparano a pensare. Questa ipotesi è assiomatica nella prospettiva Vygotskian che ho adottato per comprendere lo sviluppo umano. Molti tipi di psicologia presuppongono che le persone si sviluppino secondo stadi biologici e che le traiettorie umane che non seguono le traiettorie tipiche siano anormali e correggibili. I principi Vygotskiani guardano agli ambienti sociali e al modo in cui hanno sviluppato culturalmente e storicamente, per capire come i contesti forniscono i contorni di come le persone all'interno di essi si sviluppano.

https://pixabay.com/
Fonte: https://pixabay.com/

Questa prospettiva cambia le ipotesi che motivano gli approcci a considerare la neurodivergenza, come le condizioni classificate tipicamente come malattie mentali. Sono solo "mentali" e "malattie" quando gli altri li trattano come tali. Molte persone su una traiettoria atipica seguono norme e ordini propri che hanno un insieme coerente di proprietà. Le persone condizionate alla visualizzazione di percorsi tipici come appropriati allo sviluppo spesso costruiscono coloro che marciano verso diversi batteristi come deficienti, spesso da temere fino a quando non vengono sistemati.

Ciò che è generalmente considerato "mentale" non è quindi solo corpo intero, ma è anche parte di una relazione con l'ambiente. "La salute mentale" e la "malattia mentale" caratterizzano erroneamente la neurodivergenza individuandola come un problema, e un problema alla testa, e da nessun'altra parte. Eppure c'è molto di più su come si è organizzati neurologicamente e mentalmente di ciò che è racchiuso nel cranio.

Se questo è il caso, quando senti le persone dire qualcosa come: "Ha bisogno di farsi esaminare la testa", potresti fermarti e considerare se il problema è nel cervello malfunzionante di qualcuno. Forse il problema risiede altrettanto probabilmente nell'ambiente sociale, in cui essere un po 'strano viene considerato un modo malato e carente di navigare nel mondo, e dove accettare la differenza non è solo un modo normale di pensare.

In un mondo in cui il razzismo, la xenofobia e la paura di molte "altre" popolazioni hanno iniziato a plasmare la politica di molte nazioni, è difficile immaginare società in cui l'accettazione universale di ogni tipo sia realistica. Mi piacerebbe un mondo in cui i leoni si sdraiano con gli agnelli, ma non lo vedo all'orizzonte. Ciò a cui spero di contribuire, tuttavia, è una migliore comprensione di un particolare tipo di "altro": quelli generalmente considerati malati di mente.

Questa comprensione richiederebbe un'accettazione più ampia di come le persone agiscono nel mondo, un problema aggravato dal problema che un numero relativamente piccolo di persone considerate malate di mente agisce violentemente, forse in risposta a come gli altri le trattano. Tuttavia, conosco i genitori che hanno cresciuto le loro famiglie con amore incondizionato ma che temono i propri figli a causa delle loro azioni minacciose. Non è così semplice come incoraggiare tutti ad accettare di più.

Questi casi estremi oscurano la questione più diffusa secondo cui molte persone vivrebbero vite più felici se ci fossero adattamenti reciproci, in particolare in termini di aspettative per le norme sociali. L'ampliamento della comprensione di ciò che è possibile in un compagno umano potrebbe portare a un maggiore riconoscimento dei beni e del potenziale di quelli considerati strani e carenti, una posizione che potrebbe giovare sia a coloro che vengono giudicati sia a coloro che emettono le sentenze. Ho imparato attraverso le mie condizioni che gli adattamenti da parte mia aiutano a creare anche ambienti migliori per gli altri.

La mia speranza è abbastanza realistica, penso. La società ha bisogno di una migliore comprensione della diversità umana e del ruolo dei contesti nel coltivare il potenziale dei suoi membri. Ciò richiede un ampio impegno nel riconoscere che la differenza non è il deficit, e questa differenza è una fabbricazione umana che tende a balcanizzare piuttosto che unire le persone per il bene superiore

Il professor Smagorinsky è redattore di Creativity and Community tra Autism-Spectrum Youth: Creazione di positivi aggiornamenti sociali attraverso Play and Performance , una raccolta che presenta fuori dagli schemi, approcci creativi a ciò che viene tipicamente trattato da una prospettiva di deficit. Il libro fa parte della serie Palgrave Macmillan Studies in Play, Performance, Learning and Development, ed è previsto per il prossimo agosto.

Solutions Collecting From Web of "La salute mentale è strettamente mentale?"