La salute mentale fallisce i nostri figli?

Un recente articolo del New York Times intitolato Drugs, Greed and a Dead Boy è un messaggio che apre gli occhi per i genitori o per chiunque altro sia interessato alla salute mentale dei bambini in questi giorni. L'autore del saggio, Nicholas Kristoff, racconta la storia di un ragazzo di nome Andrew che morì all'età di 15 anni.

La causa della morte di Andrew non era una malattia, ma una rara complicazione di un farmaco chiamato Seroquel (Quetiapina). Seroquel è un potente farmaco antipsicotico originariamente creato e approvato dalla FDA per il trattamento della schizofrenia e del disturbo bipolare negli adulti. Oggi a volte viene prescritto "off label" per bambini e adolescenti con diagnosi di ADHD o altri problemi comportamentali.

Seroquel ha un effetto collaterale raro quando viene assunto per lunghi periodi di tempo, "sindrome neurolettica maligna" o NMS. Questo effetto collaterale è stata la causa della morte di Andrew. Venerdì sera Andrew stava bene, ma domenica mattina era morto cerebralmente. Le compagnie farmaceutiche hanno spinto duramente per oltre un decennio a commercializzare farmaci antipsicotici come Seroquel a bambini e adolescenti.

Tuttavia, Kristoff suggerisce che commercializzando questi potenti farmaci da utilizzare in modi per i quali non erano destinati, le case farmaceutiche stanno mettendo i profitti al di sopra del benessere pubblico. La Food and Drug Administration (FDA), il cui mandato è quello di proteggere il pubblico dai farmaci che potrebbero causare loro danni, sta diventando sempre meno in grado di adempiere a questo mandato di fronte all'avidità e al potere dell'industria farmaceutica.

Questa è l'argomentazione di Kristoff nel pezzo di opinione del Times . Per approfondire la storia di come Pharma sta plasmando le decisioni di genitori e medici, Kristoff raccomanda un nuovo libro dal padre di Andrew, Steven Francesco. Il libro di Francesco è Overmedicated and Undertreated: Come ho perso il mio unico figlio per l'industria della salute mentale dei bambini tossici di oggi . È la storia straziante di come voler aiutare suo figlio Andrew, lui e sua moglie hanno dovuto attraversare quella che lui definisce "un'industria per la salute mentale per bambini bizantina e pericolosamente orientata alla droga".

Quando ha cercato aiuto per il figlio sempre in movimento e difficile da gestire, Francesco non era a conoscenza della diffusa e sistematica "eccessiva prescrizione di farmaci potenti ai bambini – farmaci che nella maggior parte dei casi sono stati progettati e approvati solo per adulti". Non era a conoscenza del fatto che le compagnie di assicurazione sanitaria "scoraggiavano le alternative terapeutiche ai farmaci" (alternative come terapia familiare, terapia individuale, corsi di formazione per genitori, interventi scolastici o terapia comportamentale).

Né sapeva che "le compagnie farmaceutiche sono state ripetutamente multate per aver promesso illegalmente che i medici prescrivono farmaci ai bambini senza prove di efficacia, sicurezza o approvazione della FDA." Il medico di Andrew non ha mai sollevato la possibilità di un effetto collaterale fatale ad Andrew o ai suoi genitori quando ha prescritto Seroquel.

All'età di tre anni, oltre ad essere molto attivo, Andrew iniziò a muovere la testa. Preoccupato per questo comportamento, i suoi genitori lo portarono dal loro pediatra che li indirizzò a un neurologo pediatrico. Il neurologo raccomandava Depakote, un farmaco usato per l'epilessia. Se il capezzolo si ferma con il Depakote, disse il dottore, allora potevano presumere che Andrew avesse l'epilessia.

I Francescos non erano contenti di dare a un bambino di tre anni una potente droga se non aveva una condizione medica diagnosticata. Quindi non hanno mai riempito la prescrizione. Col tempo, il capo di Andrew scomparve da solo, solo una fase evolutiva dell'infanzia.

All'asilo, Andrew era una manciata e dalla scuola materna, il suo insegnante raccomandava una valutazione medica. Dopo tre brevi sessioni con Andrew, lo psichiatra infantile diagnosticò Andrew con ADHD e prescrisse il Ritalin anche se il Ritalin non era stato approvato per bambini di età inferiore ai sei anni. "Non è solo un ragazzo?" Chiese il padre di Andrew. Il dottore rispose in tono confuso che era l'esperto e che aveva fatto la sua diagnosi. Non c'era menzione di strumenti genitoriali come l'impostazione di limiti appropriati e disciplina calma coerente, corsi di educazione dei genitori, l'iscrizione del ragazzo in uno sport attivo, esplorando sensibilità alimentari che il bambino potrebbe avere, o qualsiasi altra informazione che avrebbe potuto aiutare Andrew.

La storia continua in questo modo. A Andrew è stata fornita una diagnosi dopo la diagnosi (disturbo bipolare, ADHD, disturbo di Tourette, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo oppositivo-provocatorio) e farmaci sempre più potenti che non sono mai stati destinati ai bambini: Risperdal, Luvox, Depakote, clonidina, litio e Seroquel. I suoi genitori hanno avuto alcune sessioni di consulenza matrimoniale, ma sfortunatamente non hanno aiutato. E nessuno dei farmaci ha aiutato neanche Andrew. Il suo comportamento è peggiorato, uno scenario tipico in cui solo i sintomi sono affrontati dai farmaci senza alcuna attenzione alla causa alla base del comportamento problema di un bambino.

Alla fine, Andrew stava prendendo 900 mg. di Seroquel al giorno. Nel 2008 è morto. La causa ufficiale di morte indicata sul suo certificato di morte era la sindrome neurolettica maligna (NMS), un noto effetto collaterale di antipsicotici atipici come Seroquel.

Il padre di Andrew ha scritto il suo libro per aiutare gli altri genitori a non percorrere questa stessa strada con i loro figli. Ciò che colpisce in modo particolare è che i genitori di Andrew hanno riposto la loro fiducia solo nella terapia farmaceutica e non si sono formati in modi alternativi per affrontare i problemi del figlio. La loro inclinazione era dovuta al lavoro di lunga data di Steven nell'industria farmaceutica. Sebbene il suo campo non fossero droghe psichiatriche, aveva fiducia nelle cure farmaceutiche perché durante la sua lunga carriera le aveva viste aiutare tanti pazienti. Quindi non ha guardato altrove le molte alternative al trattamento farmacologico per i problemi dei bambini – terapia familiare, più sedute di terapia matrimoniale, terapia individuale, terapia traumatica, interventi scolastici come l'Approccio cuore infetto, lezioni per genitori e così via. Come la maggior parte delle persone, i Francescos si fidavano di ciò che conoscevano e conoscevano bene le droghe farmaceutiche. E tutti i farmaci hanno fallito il loro figlio.

Francesco è ora attivo nel riformare l'approccio alla salute mentale dei bambini che era così dannoso per suo figlio. Ha avviato un sito Web informativo chiamato DoNoHarm.Org che richiede un nuovo paradigma nella salute mentale dell'infanzia che prevede un'assistenza olistica e integrata per sostituire l'approccio orientato al farmaco.

Copyright © Marilyn Wedge, Ph.D.

Marilyn Wedge, Ph.D. è un terapeuta di famiglia con 27 anni di esperienza e autore di Una malattia chiamata Infanzia: perché l'ADHD è diventata un'epidemia americana

Attualmente è impegnata in un tour di discussione con Project # for the Kids, un gruppo di psicologi, terapeuti e autori che stanno lavorando per un nuovo paradigma per la salute mentale dei bambini

Connettiti con Marilyn Wedge su Facebook

Sito web

Solutions Collecting From Web of "La salute mentale fallisce i nostri figli?"