La rosa

Post scritto da François Grosjean.

La fine di un anno è sempre un momento di riflessione, sugli eventi che verranno, ma anche sugli anni trascorsi, oltre che su momenti importanti della propria vita. La mia stessa vita di bilinguista e ricercatrice di bilinguismo non sarebbe stata la stessa se non avessi incontrato e fatto amicizia con Einar e Eva Haugen.

Quando stavo preparando la tesi di Master all'Università di Parigi, mi sono imbattuto in un libro con un titolo specializzato, The Norwegian Language in America, ma un sottotitolo accattivante, A Study in Bilingual Behavior . Mi sono subito affascinato dal suo contenuto scientifico ma anche dal suo tocco molto umano. Chiaramente l'autore, Einar Haugen, un professore di Harvard e uno stesso bilingue, hanno analizzato il bilinguismo sia nella sua prospettiva accademica che in quella umana. Il suo libro sarebbe poi diventato un classico.

Non ho mai sognato di incontrare Einar Haugen alcuni anni dopo e di diventare amico di lui. Dopo essermi trasferito negli Stati Uniti e mentre stavo preparando il mio primo libro sul bilinguismo, nei primi anni ottanta, gli telefonai (ci capitò di vivere vicino in Massachusetts) e chiesi se potevo venire a vederlo. Mi aspettavo che mi desse un appuntamento nel suo ufficio universitario, ma mi ha gentilmente invitato a casa sua.

Sono stato accolto da un uomo anziano piuttosto alto, molto gentile, che mi ha mostrato nel suo salotto. Mentre mi prendeva da bere, Eva Haugen entrò e si presentò. Assomigliava a una nonna da sogno dai lineamenti finissimi, i capelli grigi in una crocchia, una voce dolce e un sorriso meraviglioso.

La prima parte del nostro incontro è stata più accademica – ho raccontato a Einar Haugen del mio manoscritto e abbiamo parlato di argomenti nel bilinguismo come la pianificazione della lingua, la scelta della lingua, la commutazione di codice e così via. Dopo circa un'ora, Eva si unì a noi. A poco a poco, mi resi conto che anche lei aveva avuto un'impressionante carriera come autrice, editrice e traduttrice di numerosi libri relativi a soggetti norvegesi.

Gli Haugen erano chiaramente a proprio agio nelle loro vite come bilingui e biculturali, e nel loro amore sia per l'America che per la Norvegia. Erano esempi ideali di bilinguismo e biculturalismo, come può essere vissuto, così come studiosi molto raffinati nei loro rispettivi campi.

La mia prima visita è stata seguita da molti altri e, ogni volta, sono venuto via sentendomi più fiducioso nel lavoro che stavo facendo e più sereno come persona bilingue e biculturale. Queste visite hanno avuto un impatto molto reale sulla mia carriera e sulla mia vita.

Quando tornai in Europa dopo circa dodici anni negli Stati Uniti, rimasi in contatto con gli Haugen e li visitavo ogni volta che tornavo. Poi, nel 1994, ho sentito che Einar Haugen era morto. Ho scritto a Eva e ho promesso che sarei venuto a vederla e, davvero, l'estate seguente, quando sono tornato, le ho fatto una telefonata. Non c'è stata risposta. Così sono arrivato a casa sua ma non ho trovato nessuno lì. Sono andato dal vicino e ho chiesto se l'avessero vista. Hanno risposto che aveva avuto un incidente e si era rotta l'anca. Stava ora recuperando in una casa di riposo vicino.

L'ho visitata il giorno dopo e, nonostante i suoi problemi di salute, l'ho trovata bella e calda come al solito. Abbiamo parlato di molte cose e lei ha menzionato la sua trasferta nel Midwest pochi giorni dopo dove vivrebbe con una delle sue figlie. All'improvviso mi venne l'idea: "Vuoi andare a vedere la tua casa prima di partire?" Esitò e poi declinò: "Non sarebbe saggio", disse. Questo potrebbe essere stato perché la casa era stata affittata per l'estate. Ma poi, diversi minuti dopo, cambiò idea e disse con un sorriso: "Oh, mi piacerebbe vedere di nuovo la mia casa". Così si preparò e guidai l'auto fino all'ingresso della casa di cura, poiché poteva camminare solo con grande difficoltà.

Quando siamo arrivati ​​a casa sua, ci ha guardato a lungo e poi ha detto che le sarebbe piaciuto vedere il cortile. L'abbiamo girata lentamente, con Eva che mi teneva sul braccio e lei ha commentato i suoi alberi e piante preferiti. Siamo rimasti solo un po 'e quando l'ho aiutata a tornare in macchina, le ho chiesto di aspettare un po'. Andai nel giardino laterale e tagliai con attenzione una rosa che era salita sul muro di casa sua. L'ho riportato a lei e ho detto: "Per accompagnarti nel tuo viaggio, Eva". Mi ha ringraziato con uno dei suoi meravigliosi sorrisi. Poi la riaccompagna alla sua casa di cura e trascorro un po 'di tempo con lei prima di darle un addio.

Eva è partita per la casa della figlia pochi giorni dopo e sono tornata in Europa. È morta solo tre mesi dopo.

Riferimento: Haugen, Einar. (1969). La lingua norvegese in America: uno studio sul comportamento bilingue . Bloomington: Indiana University Press.

Post di "Vita come bilingue" per area di contenuti: http://www.francoisgrosjean.ch/blog_en.html

Il sito di François Grosjean: www.francoisgrosjean.ch

  • 7 modi per usare la tua mente per rafforzare e guarire il tuo corpo
  • Il rischio non è il destino
  • Che cosa costituisce la salute psicologica?
  • Fecondazione in vitro: cosa è realistico aspettarsi?
  • Perché il tocco di un amante è così potente
  • I pericoli della Corumatura
  • Mantenere le risoluzioni del tuo nuovo anno
  • Newsflashes from Emotion Science
  • Perché l'autoaiuto non può risolvere tutto
  • Trauma e Resilienza dopo Deadly Alabama Tornado
  • Buongustai con problemi
  • Vulnerabilità
  • 3 Intriganti collegamenti tra musica e sonno
  • Dare consigli sulla demenza può essere una cattiva idea
  • "Instagram-itis" distrugge il tuo spirito festivo?
  • È tempo di una scienza della connessione sociale
  • Scegliere i cani che possono respirare
  • Il Feng Shui può migliorare il benessere umano?
  • Sentiti intero
  • Non essere solo un uomo; Sii un brav'uomo
  • Cosa non dire agli amici in lutto
  • Perché il tuo senso dell'umorismo è cruciale per il tuo successo negli appuntamenti
  • Il vincitore del dibattito è nell'occhio (non nell'orecchio) di Beholder
  • Precauzioni per il rientro a scuola per bambini che usano gli smartphone
  • Sinestesia Svenska
  • Consigli di relazione: vendetta non presa
  • I muscoli più forti significano un cervello migliore?
  • 10 stupidi convinzioni che sabotano la tua felicità
  • Perché l'attività fisica migliora la flessibilità cognitiva?
  • Cos'è Trauma?
  • 5 segni il tuo matrimonio potrebbe essere finita
  • Preoccuparsi per i social robot
  • Sfogare i tuoi sentimenti non basta
  • No, non essere un genitore dell'elicottero. Ma essere coinvolti.
  • L'anoressia nervosa è un moderno disturbo ossessivo-compulsivo
  • Quando ti senti come se stessi nascondendo