La ricerca di auto-perdono

PublicDomainPictures.net
Fonte: PublicDomainPictures.net

Perdonare gli altri per i principali insulti e crimini contro se stessi e la società è un'impresa importante, ma necessaria per superare la ipocrisia, odiare gli altri e trovare la pace della mente. Perdonarsi, tuttavia, è la sfida mentale più difficile che potremmo mai incontrare.

La persona che ha commesso un crimine contro i suoi principi morali, come un soldato che inavvertitamente uccide un bambino innocente nella linea del dovere, può essere aiutato con la psicoterapia. Ma la persona che non ha commesso un crimine o ha fatto del male a qualcuno, eppure è consumata da un senso di colpa spasmodico, nonostante i risultati personali e la carità verso gli altri, diventa quasi un compito terapeutico impossibile.

Non stiamo parlando di odio per se stessi o di odio per se stessi, che può essere rivolto verso gli altri innocenti. Né stiamo parlando di rabbia repressa eccessiva nei confronti degli altri, che spesso, inespressa, si rivolge verso se stessi. Né stiamo esaminando la depressione clinica, l'ansia, il nevroticismo o un complesso di inferiorità.

La ricerca infruttuosa di auto-perdono con coloro che ho incontrato è stata condotta con risultati abbastanza alti nelle scienze sociali e nelle arti, in contrapposizione a quelli che hanno raggiunto il successo nel settore medico e finanziario. Questa osservazione mi ha portato a credere che la base di questa ricerca possa essere legata alla propria personalità innata, e come si matura, i propri valori sociali.

Nel corso degli anni di pratica clinica, mi sono reso conto che mi occupo rapidamente della personalità di un cliente, che posso facilmente modificare in seguito. Fare rapidamente prende il rischio di stereotipi, eppure potrebbe in qualche modo essere collegato all'istinto di sopravvivenza. Ad ogni modo, uno dei miei tripli è se inizialmente percepisco calore cinestetico, precisione uditiva o acume visivo. Il cliente può essere forte in due modalità, ma raramente in tutte e tre.

Abbastanza naturalmente abbino la modalità più forte del cliente, non solo per stabilire un rapporto immediato, ma per inquadrare di conseguenza le mie domande. Posso facilmente discutere dei sentimenti con quelli inclini alla cinestesia, su come la persona con un forte senso uditivo valuti questo o quello e le percezioni penetranti di coloro che sono visivamente inclini. Per quanto semplice possa sembrare, questo rapido take mi consente di risparmiare tempo altrimenti speso per guadagnare la fiducia del cliente.

Da questo triplice aspetto, credo che la ricerca di auto-perdono risieda in coloro che sono cineticamente inclini – quelli nati con un forte senso empatico per gli altri. Questi sono gli individui che si sentono angosciati e possono persino piangere quando sentono parlare di un tifone che colpisce e uccide gli abitanti del villaggio nel Pacifico, bombe che vengono lanciate in occasione di matrimoni in Medio Oriente, genocidi in Africa e innocenti che vengono uccisi qui a casa.

Questo non vuol dire che coloro che hanno un forte senso uditivo o acuità visiva non siano influenzati dalle collere del tempo, dalla guerra e dagli omicidi di massa, ma questi due tipi, di per sé, non portano i sentimenti profondamente sentiti di affinità con coloro che sono stati colpiti da queste tragedie. Credo che coloro che sono gravati da questo senso di responsabilità personale, per quello che gli altri vedono o pensano sia solo un'altra tragedia in qualche posto nel mondo, è la base di questa mancanza di auto-perdono.

Sartre, il filosofo esistenziale francese, credeva che non agendo, siamo complici, se non direttamente responsabili, della disumanità dell'uomo nei confronti dell'uomo. Si lamentava: "Qualsiasi cosa, qualsiasi cosa sarebbe meglio di questa agonia della mente, questo dolore strisciante che rode e armeggia e lo accarezza e non fa mai abbastanza male."

*

Questo blog è stato co-pubblicato con PsycyResilience.com

Solutions Collecting From Web of "La ricerca di auto-perdono"