La religione rende i bambini resilienti?

Mentre ero in Nepal per il mio lavoro, ho avuto la possibilità di visitare un Centro di educazione buddista alla periferia di Kathmandu. Sono rimasto colpito dalla natura allegra dei bambini e dal modo ordinato in cui questi piccoli monaci e monache si sono comportati da soli. Non che non siano ancora bambini! Nonostante le teste rasate e le vesti color ocra i ragazzi si prendevano in giro e correvano in giro, le ragazze ridevano e giocavano. Gli istruttori hanno offerto uno spazio compassionevole per imparare non solo la religione, ma tutti i temi che i bambini devono imparare. Mi è stato detto che la maggior parte dei bambini di quel monastero proviene da famiglie povere o famiglie che vivono nelle comunità rurali montane del Nepal. Sono figli di sherpa. Eppure, nonostante la distanza da casa e anche senza l'amore e la cura di un genitore, c'era qualcosa di emotivamente, fisicamente e spiritualmente a sostegno di quella comunità monastica.

Mi ha lasciato confrontando quell'esperienza di religione con l'esperienza dei bambini aborigeni in Canada, negli Stati Uniti e in Australia che sono stati rubati dai loro genitori e collocati in scuole residenziali gestite da ordini religiosi. Lì, la parola di Dio fu sconfitta in loro. Sono stati abusati fisicamente e sessualmente. Sono stati torturati se parlavano la loro lingua. Tutto ciò è stato fatto sotto l'apparenza di false dottrine religiose e sociali. Come potrebbe il clero aver partecipato a qualcosa di così brutale da strappare un figlio alla sua famiglia? Il retaggio traumatico di quel genocidio culturale persiste, sebbene in modo notevole, molti indigeni praticano ancora le religioni che hanno incontrato in quelle scuole. Tuttavia, lungi dal rendere i bambini in quelle scuole residenziali resilienti, la loro esperienza in una comunità religiosa li aveva gravemente danneggiati.

Come spieghiamo questi due modi molto diversi in cui i custodi religiosi si sono presi cura dei bambini? In che modo rendiamo conto che la religione fa del bene ai bambini, anche quando viene usata in modo scorretto? E quale impatto ha la religione su un bambino quando è solo un breve sermone di domenica, sabato o venerdì, a seconda della fede? Un'esperienza "religione-lite" può giovare a un bambino?

Nei miei studi sulla resilienza in tutto il mondo, vi è un bisogno abbastanza coerente di spiegare la partecipazione di un bambino a un'attività religiosa per capire che il bambino ha affrontato con successo le avversità. Certo, ci sono alcune comunità che sono molto profane. In quei luoghi, può essere imbarazzante chiedere a un bambino se frequenta regolarmente attività religiose. Tuttavia, nonostante una storia controverso e il potenziale per la religione di propagare l'odio verso gli altri, per la stragrande maggioranza dei bambini del mondo, far parte di una comunità religiosa sembra portare con sé alcuni vantaggi.

Lo lascerò al clero per dirci perché un bambino ha bisogno di religione per il suo sviluppo spirituale. Ciò che mi preoccupa è se la partecipazione alla religione aiuti i bambini a far fronte meglio durante i periodi di stress a casa, a scuola o nella sua comunità. A questo proposito, la risposta sembra essere "Sì", anche se non sono sicuro che sia la stessa religione a salvare i bambini tanto quanto i beni che i bambini accedono quando praticano la loro religione. Questa è una distinzione importante che deve essere fatta. I bambini che non partecipano ad alcuna attività religiosa possono fare altrettanto bene quanto i loro pari religiosi purché trovino da qualche parte nella loro vita lo stesso sostegno che i bambini trovano all'interno delle istituzioni religiose.

Ecco cosa vedo e sento dai bambini di tutto il mondo. Quando un bambino, una famiglia o una comunità si trovano ad affrontare stress, come l'uragano Katrina, uno tsunami in Giappone, un'inondazione in Alberta, violenze in Siria o la disoccupazione di un genitore a Detroit, una comunità religiosa può fornire risorse difficili da trovare altrove. Ci sono sette risorse che sembrano coincidere con la religione:

1) Rapporti: le congregazioni, indipendentemente da dove un bambino le trovi, fanno ciò che ogni buona comunità dovrebbe fare: espandere la rete di adulti e coetanei del bambino. Mentre i genitori sono importanti per lo sviluppo di un bambino, durante i periodi di crisi i bambini hanno bisogno di una trama molto più ampia di relazioni. Una comunità religiosa non è lì solo per offrire supporto, ma trasmette anche al bambino che è stimato.

2) Identità: ci conosciamo da come gli altri ci vedono. E essere conosciuti dalla nostra religione può per alcuni bambini fornire un'ancora, specialmente durante i periodi in cui sono confusi dalle loro scelte. Anche se non credo che un'appartenenza religiosa debba limitare le scelte di un bambino (in effetti, incoraggio i miei clienti e i miei figli a sperimentare con molte espressioni religiose e spirituali diverse per trovare quella che si adatta), tutte le affiliazioni sane portano con sé un senso di chi si è e, si spera, una positiva espressione di sé. Tutti i bambini hanno bisogno dell'opportunità di mostrare agli altri che possono essere i collaboratori competenti e premurosi delle nostre comunità che vogliamo che siano.

3) Potere e controllo: mentre la religione può chiedere la sottomissione, i bambini che incontro sono il potere di esercizio più resiliente rispetto alle decisioni che li riguardano. Per molti bambini, le attività religiose danno loro la possibilità di prendere decisioni, anche se quella decisione è solo se partecipare con tutto il cuore alle pratiche della loro fede. Mi piacciono particolarmente i riti di passaggio offerti dalle congregazioni religiose. Sono questi momenti che danno ai bambini la possibilità di affermare che stanno invecchiando e possono accettare un ruolo più adulto nelle loro comunità. Questa è una fonte importante di efficacia personale.

4) Giustizia sociale: sono sinceramente incline a esperienze religiose che modellano la tolleranza dei bambini e l'amore per gli altri. Le nostre religioni possono essere fonti di grande ispirazione. Possono anche generare intolleranza sulla base delle più deboli convinzioni che sono radicate in un passato oscuro e ignorante. Preferisco invece vedere il modo in cui gli ordini religiosi raggiungono i più vulnerabili e proteggerli dall'odio e dall'esclusione, sostenendo il cambiamento. I bambini che sono testimoni e i partecipanti, in tali atti di generosità sono le persone molto più forti di conseguenza.

5) Parte di tale difesa è anche garantire che i bambini soddisfino tutti i loro bisogni. Che si tratti di una scuola per orfani in Sud Africa, di una raccolta fondi per le famiglie senzatetto di New York o di un servizio di consulenza alle vittime di un atto di terrore, le comunità religiose provvedono ai bisogni materiali, emotivi e spirituali dei bambini in modo molto concreto modi. I bambini che hanno abbastanza cibo, scuole sicure, alloggi adeguati e accesso ai mentori sono bambini che saranno molto più resilienti.

6) Un bambino che sperimenta un senso di appartenenza, o coesione, è un bambino molto più sano e in grado di sopportare lo stress. L'appartenenza significa più delle relazioni. L'appartenenza è la sensazione che la nostra vita sia importante per gli altri. Questo è un messaggio comune a tutte le religioni e una potente fonte di sicurezza per i bambini con bisogni complessi.

7) I rituali e le vacanze, tutti parte della cultura di un bambino, portano la soddisfazione della routine e il senso di prevedibilità e appartenenza che ho menzionato sopra. La cultura può significare molte cose ed è spesso invisibile quando siamo parte della maggioranza. Tuttavia, la cultura è mostrata attraverso pratiche religiose. Come l'inchiostro nell'acqua, la religione colora la nostra percezione del mondo e aiuta a guidare le nostre decisioni.

Tutti e sette questi aspetti dello sviluppo sano del bambino possono derivare dall'attività religiosa. Ciò che è interessante, tuttavia, è il modo in cui questi sette fattori interagiscono. Quando si trovano le relazioni attraverso una congregazione, si sperimenta anche un senso di appartenenza e persino un'identità associata all'inclusione. Uno potrebbe sentirsi più vecchio attraverso un rito di passaggio come un bar mitzvah , e la routine e la prevedibilità della preghiera quotidiana possono dare a un bambino di fronte alla guerra il senso che almeno una parte del suo mondo è prevedibile.

Quei bambini in quel monastero nepalese sembravano aver trovato un posto sicuro in cui crescere. Anche se avrebbero preferito essere a casa, la struttura e la sicurezza, e le istruzioni religiose dei monaci premurosi, sembravano aiutarli attraverso quello che altrimenti sarebbe stato un periodo difficile di separazione. In un contesto come quello, dare al bambino l'accesso a una comunità religiosa porta con sé la promessa di maggiore capacità di recupero.

Solutions Collecting From Web of "La religione rende i bambini resilienti?"