La regola del 50-0-50 in azione: attaccamento partigiano

Nel mio post precedente, discuto della "regola del 50-0-50" della genetica comportamentale, di come i geni e l'ambiente non condiviso rappresentano ciascuno circa la metà della varianza nella personalità e nel comportamento degli adulti, e in che modo l'ambiente condiviso dei fratelli non ha praticamente alcun effetto su come vanno a finire i bambini. Un'area in cui la regola del 50-0-50 si rivela perfetta è l'attaccamento di parte, sia che tu ti identifichi con il tuo partito politico con forza o debolmente.

Lo scienziato politico che ha aperto la strada all'approccio genetico comportamentale alla politica più di ogni altro è James H. Fowler dell'Università della California – San Diego, che è uno dei giovani astri nascenti della scienza politica. Tra i suoi numerosi altri significativi contributi alla scienza politica, per esempio, Fowler è riuscito a isolare solo due geni (MAOA e 5HTT) che influenzano in modo significativo l'affluenza degli elettori. In altre parole, se si decide di votare una data elezione è fortemente influenzato dai propri geni.

Nell'ambito dell'attaccamento partigiano (quanto fortemente ti identifichi con il tuo partito politico), i modelli genetici comportamentali di Fowler e colleghi mostrano che segue grosso modo la regola del 50-0-50, o, più precisamente, 46-0-54: 46 La percentuale della varianza nell'attaccamento partigiano è ereditabile (determinata dai geni), lo 0% è dovuto all'ambiente condiviso e il 54% è dovuto all'ambiente non condiviso. È importante non attribuire troppo significato ai dati precisi nella suddivisione, poiché è probabile che variino leggermente in base a quali campioni e popolazioni utilizzano i ricercatori.

Infatti, in un articolo pubblicato su Political Science Quarterly , Peter K. Hatemi e colleghi stimano che la rottura sia precisamente del 50-0-50. I loro modelli, sia per gli uomini che per le donne, mostrano che esattamente il 50% della varianza dell'intensità partigiana è ereditabile, esattamente lo 0% è attribuibile all'ambiente condiviso e esattamente il 50% è dovuto all'ambiente non condiviso. Ancora una volta, il punto importante è che si tratta approssimativamente del 50-0-50 per molti tratti della personalità e del comportamento degli adulti.

È interessante notare che lo stesso articolo di Hatemi et al. mostra che, mentre l'intensità partigiana (quanto fortemente si identifica con il proprio partito politico) è fortemente influenzata dai geni, l' identificazione del partito (la parte in cui ci si identifica) non è affatto ereditabile; invece, l'identificazione del partito sembra essere in gran parte dovuta all'ambiente condiviso. In altre parole, sei un democratico (al contrario di un repubblicano) perché i tuoi genitori ti hanno insegnato a essere un democratico, ma sei un democratico forte (al contrario di un democratico debole) a causa dei tuoi geni. In altre parole, la forte ereditabilità dell'intensità partigiana, ma non l'identificazione del partito, significa che un forte democratico potrebbe avere più probabilità di generare un forte repubblicano che generare un debole democratico.

Per complicare le cose, se non sei democratico o repubblicano non sembra essere ereditabile, se sei liberale o conservatore è in gran parte genetico. Un documento rivoluzionario, pubblicato nel 2005 sulla rivista premier di politica scientifica American Political Science Review , di John R. Alford, Carolyn L. Funk e John R. Hibbing, mostra che gli orientamenti politici sulla scala liberale-conservatrice (misurata l'atteggiamento degli intervistati su una vasta gamma di 28 diverse questioni, dai film X-rated ai diritti degli omosessuali, al nucleare e agli aiuti esteri) sono in parte ereditabili, sebbene la rottura in qualche modo si discosti dalla regola del 50-0-50. Invece, il loro comportamento sull'analisi genetica di un campione americano indica che è 43-22-35: il 43% della varianza nell'atteggiamento politico (liberale-conservatore) è determinata dai geni, il 22% dall'ambiente condiviso e il 35% da un ambiente non condiviso . Mentre l'effetto dell'ambiente condiviso nella loro analisi non è 0, è ancora il determinante più debole dell'atteggiamento politico, ei geni sono ancora più importanti, due volte più importanti della socializzazione dei genitori.

Il lavoro pionieristico di James H. Fowler e di altri in un (ancora) piccolo contingente di scienziati politici genetici comportamentali (non sono sicuro che ci sia un nome consolidato per il loro approccio ancora nelle scienze politiche) dimostra l'importanza delle influenze genetiche per un tutta la schiera di personalità e misure comportamentali, compreso l'atteggiamento politico e la forza partigiana.

PS James ora mi dice che il suo nome preferito per il campo che sta aiutando a creare è "genopolitica". Mi piace e spero che il nome si diffonda.

  • Un attivista di dimensioni sorprendenti e 3 vantaggi del mio stupido Fitbit
  • Salta il muro dell'empatia
  • Perché le obiezioni all'irrazionalità e alla mentalità semplice non dovrebbero essere le stesse
  • So che ho detto che mi dispiace ...
  • Avvertenza: mascolinità in corso
  • E se votassimo per il primo sposo invece del presidente?
  • Debunking dinamico
  • Invidia e Gloria: una resa non necessaria
  • Bernie Sanders, Trudeau e Trump: più giovani voteranno ora?
  • ADD - Un disturbo del sonno?
  • I suoni di Rudeness
  • Perché Sports TV è il primo canale di apprendimento
  • Sondaggi di opinione rivelano un declino drammatico in Impatto della Bibbia
  • Pericoli di competenza
  • Anziani in televisione: una pietra miliare o un soffitto di vetro?
  • Questo giorno della terra
  • Alto profitto
  • Aiutare le vittime delle molestie sessuali Testimone dell'ira
  • Dream Tech: nuovi strumenti per risvegliare i tuoi sogni
  • Dovresti testare di proposito i limiti di un altro?
  • LeBron James: Victorious in Cleveland Last!
  • Abbiamo perso la prospettiva?
  • Psicologia Trump: perché il Donald potrebbe ottenere il tuo voto
  • Dieci cose di cui hai bisogno per un successo di carriera
  • Sesso innaturale
  • Che cos'è l'avversione alla perdita?
  • Violenza nascosta
  • LGBT Online Dating è diverso?
  • Confluenza, Unità e Coliberazione
  • Non creare ciò che difendi: non costruire il muro
  • Il consigliere etico, terapeuta e allenatore
  • Che cosa è giusto quando il capo è sbagliato? Camillo's Conundrum
  • Che cosa conta come un problema medico?
  • Non esattamente una bugia, ma ...
  • Il posto di una donna è nella casa (e il senato)
  • Aziz Ansari, 100 donne francesi, "Witch Hunts" e Backlash