La realtà virtuale si aprirà in una nuova era romantica al lavoro?

Upsourceit
Fonte: Upsourceit

Virtual Reality (VR) ha raggiunto il mainstream: diversi importanti produttori di hardware e editori di contenuti stanno preparando i grandi dispositivi di massa e le versioni di contenuti nei prossimi mesi, da Samsung, Sony, HTC e Facebook agli studi di Hollywood, reti via cavo e mezzi di informazione. Il New York Times ha dedicato un'intera diffusione al fenomeno di recente (citando un rapporto della banca d'investimenti Piper Jaffray che mette l'opportunità di mercato VR a circa $ 5 miliardi e la componente hardware a $ 62 miliardi) e ha recentemente lanciato la propria incursione in Giornalismo basato sulla realtà virtuale con la sua app di New York VR. I nuovi dispositivi creeranno nuovi ecosistemi di app e intere nuove economie di servizi, non solo per i consumatori, ma anche per il settore delle imprese (sanità, edilizia, ingegneria, ecc.).

Come con qualsiasi tecnologia rivoluzionaria, la magia non viene senza disillusione. Per ogni nuova abilità che guadagniamo, una vecchia sparirà. Ma a differenza di altre voci tecno-scettiche che diffidano della tecnologia che riduce le connessioni significative nel mondo reale, vedo perlopiù la VR come una promessa per migliorare le nostre interazioni sociali e la capacità di cooperazione. La realtà virtuale cercherà sicuramente di aiutarci a risolvere problemi specifici (che sono i benvenuti), ma ciò che veramente mi intriga è che ci permetterà di giocare e sperimentare identità multiple e costruire ed esplorare nuove realtà (che è eccitante!). In parole povere, VR ha la promessa che un altro mondo, un'altra vita è possibile.

Questa è una proposizione per antonomasia romantica, e direi che la realtà virtuale può effettivamente inaugurare una nuova era romantica: un contro movimento che proclama esperienza soggettiva in opposizione all'idea di una verità oggettiva basata sui dati, in opposizione a un binario, tecnocratico visione del mondo che riduce le nostre esperienze, percezioni e identità in un'unica narrazione lineare di eventi logici.

Il mondo non è piatto e lineare

Il movimento romantico originario tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo (guidato, tra gli altri, dai poeti britannici Lord Byron, William Blake, John Keats e Shelleys) si ribellò al regime di logica e razionalità, sostenendo che questi assiomi si sarebbero agganciati le ali delle loro anime e impediscono l'intera gamma della loro umanità. Da allora, le caratteristiche che definiscono il romanticismo sono rimaste più o meno le stesse:

  • l'elevazione dell'emozione sulla ragione e dei sensi sull'intelletto;
  • un fascino per il sé;
  • iper-sensibilità e maggiore consapevolezza dei sentimenti e degli stati d'animo;
  • un vivo interesse per gli estranei e la stranezza;
  • un apprezzamento per il sublime e misterioso;
  • una credenza nell'immaginazione e nella bellezza come percorsi verso la verità;
  • e il desiderio di coinvolgere il "sé intero" in esperienze profonde.

Connettere tutti questi tratti è la ricerca di una vita più ricca, che trascenda i confini della razionalità, delle norme sociali e della coerenza cognitiva ed emotiva, con tutti e tutto il pieno di significato.

Rendere il familiare strano (di nuovo)

Ora traducilo in VR. Ci consente di spostarci tra mondi paralleli diversi e di passare da una identità all'altra. La VR, come l'arte, può rendere di nuovo strano il familiare e creare uno spazio virtuale per i nostri alter ego, attualizzando una zona di possibilità per le nostre identità desiderate e immaginate, per trasgressioni e trascendenza, per piccoli atti di ribellione alla convinzione che questo mondo empirico Davanti a noi è l'unico.

La VR aggiunge strati di significato e contesto alle nostre vite e ci offre uno spessore maggiore, un impulso più veloce e più drammaticità in cui possiamo trovare un significato. La realtà virtuale può aiutarci a rinnovare le nostre vite lavorative, ri-incantare le nostre identità lavorative e costruire belle organizzazioni. Può aiutare a estendere il territorio oltre la mappa e, in modo simile ai giochi, non solo soddisfa la convenienza e la gratificazione immediata, ma inietta l'attrito e l'adempimento ritardato. Queste sono tutte caratteristiche romantiche.

Techcrunch
Fonte: Techcrunch

La macchina per l'empatia

Queste caratteristiche romantiche hanno anche una qualità morale. La VR valorizza la nostra immaginazione e progetta spazi in cui possiamo connetterci all'altro, o anche meglio, in cui possiamo essere l'altro e metterci nei suoi panni per un periodo di tempo limitato. Attraverso esperienze coinvolgenti e personalizzate che possiamo provare con e per coloro che non sono come noi. Attraverso l'esperienza dell'estraneità, ci sentiremo estranei e svilupperemo empatia nel processo.

I neuroscienziati si riferiscono al sistema dei neuroni specchio come la ragione principale del potere empatico della VR. Queste cellule cerebrali si attivano quando una persona compie un atto, ma si attivano anche quando guarda un'altra persona che commette lo stesso atto, eseguendo essenzialmente una simulazione virtuale nel cervello – una capacità critica per l'interazione e l'apprendimento sociale.

Il New York Times ha già utilizzato il giornalismo coinvolgente per documentare la situazione dei bambini sfollati dalle loro case con la guerra e le persecuzioni. All'inizio di quest'anno, le Nazioni Unite hanno prodotto un film VR che ha seguito una giovane siriana e l'ha lanciato al World Economic Forum di Davos, dove i leader mondiali e i politici sono stati virtualmente trasportati nei campi profughi, un'esperienza davvero avvincente ed emozionante. La realtà virtuale può davvero servire come una "macchina per l'empatia", dice Chris Milk, che è diventato famoso con il suo TED talk quest'anno: "C'è qualcosa in questo formato che tocca un posto più emotivo nella mente e nell'anima".

Blogmyworld
Fonte: Blogmyworld

Ma anche senza il contesto del film, la realtà virtuale può eventualmente influire sul cambiamento del comportamento e sulla trasformazione personale. Considera Project Nourished, che affronta i disordini alimentari consentendo agli utenti di cenare senza calorie, simulando un'esperienza di degustazione sensuale.

Chiusura del gap di incantesimo

In particolare sul posto di lavoro, la realtà virtuale aprirà nuove opportunità e ci aiuterà a colmare il divario di incantesimi esistente quando i dipendenti confrontano le loro esperienze lavorative con quelle di un consumatore. Al di là del vantaggio funzionale della collaborazione di squadra senza soluzione di continuità, essendo praticamente nella stessa stanza, quasi di persona, gli scenari più eccitanti implicano cambiamenti di prospettiva e persino identità : lavorare fuori da un luogo internazionale per un giorno o in spiaggia, scambiando i ruoli con i colleghi (anche il tuo capo), immergendoti rapidamente nel mondo di un cliente o in una simulazione virtuale della linea di produzione.

La VR al lavoro significherà sicuramente la fine del cubicolo, la fine del posto di lavoro unidimensionale e forse anche la fine del tradizionale design degli ambienti di lavoro come lo conosciamo, oltre a soddisfare le esigenze ergonomiche. Perché preoccuparsi della luce naturale, del layout degli uffici e della vicinanza, quando è possibile programmare il posto di lavoro ogni giorno in base alle esigenze in continua evoluzione? La VR renderà l'ufficio un grande spazio di co-working, condiviso con il mondo, e tutti gli stimoli della performance massima verranno amplificati e moltiplicati in modo esponenziale.

Cosa devono fare le aziende ora

L'avvento della VR sul posto di lavoro rappresenterà una nuova tappa per l'economia dell'esperienza. I dipartimenti delle risorse umane devono iniziare a ingaggiare esperti progettisti, scrittori e narratori; Il reparto IT deve aggiungere una seria esperienza nella realtà virtuale; e i team leader e i dirigenti devono diventare curatori di esperienze. Ogni giorno al lavoro si sentirà come una conferenza, ogni comune come una versione 3D di TED.

La VR espanderà i nostri personaggi di lavoro e ci permetterà di mostrarci come se stessi irregolari e incoerenti, come una serie di storie di progetti, aneddoti, passioni e connessioni piuttosto che una macchina di produttività prevedibile e coerente. Come l'IA e l'automazione ci mostrano, non possiamo competere con le macchine quando l'efficienza e la produttività sono le uniche metriche. La VR ci offrirà una nuova arena per competere in termini umani: immaginazione, empatia e gioco. Invece di adempiere agli standard delle organizzazioni esponenziali che desiderano massimizzare e ottimizzare ogni singolo minuto di lavoro, la realtà virtuale ci darà spazio per i nostri sé esponenziali ed esperienziali, per svenire e vagare, per la scoperta senza uno sfruttamento immediato. Possiamo essere di nuovo dei flaneur.

Come disse una volta il poeta romantico tedesco Novalis: "La poesia guarisce le ferite inflitte dalla ragione". La VR può essere la nostra nuova poesia al lavoro. Assicuriamoci di usarlo per essere qualcun altro, per espandere la nostra prospettiva e non solo visualizzare le stesse cose attraverso un obiettivo diverso.

Solutions Collecting From Web of "La realtà virtuale si aprirà in una nuova era romantica al lavoro?"