La ragione numero 1 che non dovresti mai temere di provare

Fonte: Romolo Tavani / Shutterstock

Nikki Giovanni saggiamente disse: "Non penso davvero che la vita riguardi l'I-could-have-beens. La vita è solo l'I-provato-da-fare. Non mi dispiace il fallimento, ma non posso immaginare che mi perdonerei se non ci provassi. "Un nuovo studio del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Stanford conferma che i genitori che considerano il fallimento come negativo e dannoso evento, inviando involontariamente messaggi ai loro figli che l'intelligenza di qualcuno è scolpita nella pietra.

Troppo spesso, la paura di fallire sembra paralizzare la gente di tutte le età dal correre rischi e dall'avere apertura a nuove esperienze. Quando è stata l'ultima volta che hai morso più di quanto potevi masticare, sapendo che probabilmente avresti fallito. . . ma caricati in anticipo ricordando a te stesso: "niente azzardo, niente guadagnato"? Se la paura ti trattiene, spero che questo post ti ispiri a fare il grande passo e provare qualcosa di nuovo.

Credi che l'intelligenza sia corretta o malleabile?

Uno dei miei più grandi crucci è la convinzione di alcuni che "l'intelligenza" sia in qualche modo geneticamente predeterminata o fissata staticamente sul posto. Prima di tutto, ci sono così tanti diversi tipi di intelligenza. In secondo luogo, a causa della neuroplasticità, è sempre possibile per chiunque cambiare la propria mentalità e le proprie capacità cognitive con persistenza e pratica.

In quest'ottica, l'ultimo studio dello scienziato psicologico, Kyla Haimovitz, e l'esperto di mentalità, Carol Dweck, hanno scoperto che più gli atteggiamenti dei genitori erano negativi su qualsiasi tipo di fallimento, più i loro figli vedevano i loro genitori più ossessionati con prestazioni in contrasto con il processo di apprendimento.

Lo studio dell'aprile 2016, "Che cosa predice i limiti mentali dei bambini fissi e della crescita? Non i loro genitori vedono l'intelligenza ma i loro genitori vedono il fallimento ", è stato pubblicato sulla rivista Psychological Science .

Per questo studio, Haimovitz e Dweck, erano curiosi di stabilire in che modo gli atteggiamenti dei genitori riguardo al fallimento si abbassassero per influenzare le "intelligenze mentali" dei loro figli. Una mentalità dell'intelligence è la convinzione di qualcuno che l'intelligenza sia fissa o malleabile.

In tutto il consiglio di amministrazione, i ricercatori hanno scoperto che "i genitori che vedono il fallimento come debilitante concentrarsi sulle prestazioni e sulle abilità dei loro figli piuttosto che sull'apprendimento dei loro figli, e i loro figli, a loro volta, tendono a credere che l'intelligenza sia fissa anziché malleabile".

Haimovitz e Dweck sottolineano che i genitori esprimono le loro opinioni sul fatto che il fallimento sia positivo o negativo nel modo in cui rispondono alle battute d'arresto dei loro figli. Qualche giorno fa, ho scritto un post sul blog di Psychology Today basato su un nuovo studio su atleti di livello elite che hanno scoperto che gli artisti che sono diventati "super campioni" hanno tutti avuto una strada rocciosa verso il successo. Ciò che differenziava i "super campioni" dai "quasi campioni" era il modo in cui i giovani atleti imparavano ad affrontare le battute d'arresto. Questo studio sugli atleti si integra perfettamente con le recenti scoperte di Stanford sulla percezione del fallimento da parte dei genitori.

Nella maggior parte dei casi, avere genitori prepotenti che mettevano troppa pressione sull'atletica dei loro figli e non permetteva ai loro figli di superare i fallimenti attraverso prove ed errori, inavvertitamente sabotava le probabilità che il loro bambino fosse un campione. Lo stesso sembra essere vero sia nello sport che nella vita. Come Haimovitz. spiegato in una dichiarazione,

"È importante che genitori, educatori e allenatori sappiano che la mentalità di crescita che ha nelle loro menti potrebbe non arrivare ai bambini a meno che non utilizzino pratiche incentrate sull'apprendimento, come discutere su cosa i loro bambini potrebbero imparare da un fallimento e come potrebbero migliorare in futuro. "

"Non è il racket nervoso postare qualcosa che hai scritto su Internet?"

Mentre stavo leggendo il nuovo studio di Dweck e Haimovitz questa mattina, mi è venuta in mente una conversazione che ho avuto con mia figlia di 8 anni l'altro giorno di essere uno "scrittore" e postare nuovi post sul blog di Psychology Today su Internet più giorni della settimana.

Mia figlia sta solo comprendendo la vastità del "world wide web" e come funziona. Googling il mio nome insieme a qualche parola a caso, ogni volta che mette le mani su un iPad, è diventato un passatempo preferito per mia figlia quando siamo in macchina. Se trova qualcosa che ho scritto, inizierà a leggerlo ad alta voce e mi farà domande sull'argomento. È un gioco divertente che suoniamo.

Comunque, recentemente mi ha chiesto, "Non è snervante mettere qualcosa che hai scritto su internet per il mondo intero da leggere? Non hai paura che la gente ti giudichi? "

La mia reazione iniziale fu di dire: "Sì, è una specie di terrificante, ma il processo di ricerca, scrittura e condivisione di idee con i lettori è un lavoro d'amore. Mi fa sentire così bene che i premi superano ogni timore. "Le ho anche detto che la scrittura non mi viene naturale, ma che adoro la sfida e lavorare sodo ogni giorno per diventare uno scrittore migliore … ma che è sempre sta per essere un work in progress. Proprio come padroneggiare il mio servizio di tennis è un processo senza fine.

Le ho anche spiegato candidamente: "Nella nostra famiglia, mia sorella maggiore (la sua zia Renée) era estremamente" intelligente del libro "quando eravamo cresciuti. Mia sorella ha ottenuto punteggi perfetti su tutti i suoi esami ed esami. "D'altra parte, ho detto a mia figlia," Ero terribile nel prendere test standardizzati, motivo per cui sono andato all'Hampshire College, che non ha voti o test . Credo che giudicare l'intelligenza delle persone sulla base di un punteggio casuale in un esame sia altamente sopravvalutato ".

Ho elaborato raccontandole una storia di come mia sorella, Renée, leggesse Guerra e pace in quarta elementare, ma che quando avevo quell'età ero sempre sul campo da tennis, ascoltavo musica pop o uscivo con i miei amici. Ho detto a mia figlia che avrei avuto delle formiche in mutande se dovessi rimanere seduto e odiato leggere libri quando ero un bambino. Ma ha spiegato che fortunatamente i suoi nonni mi hanno incoraggiato a correre gratis. E mio padre una volta mi disse: "Renée potrebbe avere un sacco di 'intelligenza del libro', Chris. Ma hai un sacco di 'sport intelligenti.' La tua capacità di mostrare "genio atletico" sul campo da tennis è il tuo regalo. "

Di questi tempi mia figlia gioca molto a tennis, ma ama leggere anche lui. Le ho detto che ha una quantità uguale di tutti i tipi di "intelligenza" e che le etichette sono controproducenti. Alla fine della giornata, ogni individuo è totalmente unico e "libero di essere … tu ed io".

Il mio Guinness World Record è appeso in un'oscura alcova della camera da letto di mia figlia. Anche se non ne discuto molto, si rende conto del duro lavoro che rappresenta. Così, le dissi, "ho imparato come atleta che per riuscire e diventare il meglio che potevo essere, dovevo fallire ancora e ancora, ma continuare sempre a provare. Inevitabilmente, ogni volta che ho alzato il tiro, e ho intrapreso una nuova sfida atletica, dovrei fallire prima per riuscire in definitiva e battere un record. "

Ho spiegato che quando mi sono ritirato dallo sport – perché stavo diventando troppo vecchio per correre più a lungo e più veloce che potevo quando ero giovane – ho deciso di reinventarmi come scrittore. Ho fatto una mezza battuta su quella parte del mio tentativo di dimostrare a me stesso (ea mio padre) che non ero solo un "idiota" e che mi ero sempre sentito insicuro riguardo ai miei "libri intelligenti" (che è vero). Ma, ho detto, "La buona notizia è che sono la prova vivente che non è mai troppo tardi per reinventarsi. Con molta pratica, pratica, pratica … tutto è possibile. "Le ricordai che anche se ho avuto terribili punteggi di test standardizzati da bambino, non mi ha impedito di diventare uno scrittore da adulto e quell'intelligenza non è mai stata risolta.

Poi, ho detto, "ottenere buoni voti è fantastico, ma non è l'essere tutto e il tutto alla fine. Una delle benedizioni inaspettate di non ottenere buoni voti per me era che nessuno avrebbe mai pensato che avrei potuto farcela come scrittore più tardi nella vita. Quindi, mi ha tolto ogni pressione e mi ha permesso di riversare il mio cuore nello scrivere senza preoccuparmi del rifiuto o della critica. "Perché non sono un accademico o un intellettuale, ho la libertà di" sfondare "come scrittore. Non mi aspetto di vincere alcun premio Pulitzer e non sto cercando di impressionare i miei coetanei. C'è libertà in questo. Le ho detto che il mio impulso è sempre stato auto-motivato e intrinseco, e cosa significava …

Infine, ho spiegato a mia figlia perché la mia filosofia di vita onnicomprensiva è ispirata da Alice Walker, che ha detto: "Aspettatevi nulla. Vivi frugalmente su Surprise "e recita il poema. Per me, l'ottimismo pragmatico nello sport e nella vita quotidiana mi ha permesso di correre rischi e provare cose nuove senza paura. Considero tutti i miei fallimenti come opportunità di crescita. Spero che leggere questo post ti ispiri a mettere da parte la tua paura di fallire e provare qualcosa che hai avuto paura di fare, proprio ora.

In chiusura, di seguito è una delle mie conferenze TED preferite, "The Power of Believing That You Can Improve", di Carol Dweck. Questa conferenza sottolinea l'importanza di credere che la mentalità non è mai fissata e che l'intelligenza è malleabile per tutta la vita.

Per saperne di più su questo argomento, controlla i miei post sul blog di Psychology Today ,

  • "Lezioni inaspettate sulla grandezza da atleti di Super-Champion"
  • "Perché il neurotismo è così tossico?"
  • "Ama quello che vuoi, versati il ​​tuo cuore e avrai successo"
  • "L'intensa pressione per riuscire a sabotare i nostri bambini?"
  • "Un pensiero troppo cristallizzato riduce l'intelligenza fluida"
  • "Come funzionano le regioni motorie di Brain Drive Fluid Intelligence"
  • "Perché Overthinking sabota il processo creativo?"
  • “Aha! L'esercizio aerobico facilita il libero flusso del pensiero "

© 2016 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland

Solutions Collecting From Web of "La ragione numero 1 che non dovresti mai temere di provare"