La ragazza agorafobica

L'agorafobia deriva dalle parole greche fobia, che significa "paura" e agora , che significa "mercato". L'agorafobia generalmente significa paura dei luoghi pubblici, forse a causa dell'ansia sociale. Ma dal punto di vista dei sistemi familiari, l'agorafobia di un bambino può avere un significato completamente diverso.

Recentemente, una madre mi ha chiamato sull'agorafobia debilitante della figlia di 11 anni. La ragazza, il cui nome era Cassie, si rifiutò di uscire di casa, anche per andare a scuola. I suoi genitori la svegliarono alle 6:00 del mattino, così che ebbe tutto il tempo per prepararsi, ma quando fu il momento di andare a scuola, Cassie si gettò a terra e singhiozzò. Si lamentava di dolori dolorosi allo stomaco che si sentivano peggio quando era a scuola. Il pediatra di Cassie aveva detto che non c'erano motivi fisici per i dolori allo stomaco e pensava che la causa potesse essere psicologica. Ho detto alla madre di portare Cassie nel mio ufficio il giorno successivo.

Quando ho parlato con Cassie da sola, ho chiesto se era preoccupata per uno dei suoi genitori. Ha ammesso di essere preoccupata per sua madre. Quando le chiesi perché, mormorò "Non lo so". Ho chiesto se sua madre fosse stressata. Cassie ha risposto che pensava che sua madre fosse stressata, ma non poteva dire perché esattamente. Quando non ha voluto dire altro su questo argomento, ho proseguito. Ho chiesto a Cassie di scrivere tutte le sue paure sul piccolo taccuino. Ogni volta che si sentiva spaventata, doveva scrivere dov'era, l'ora del giorno, i pensieri che le passavano per la mente e i suoi sentimenti. Poi le ho fatto un piccolo esercizio paradossale che di solito è molto efficace. Per quindici minuti ogni giorno, doveva sedersi nella sua stanza ed evocare le sue paure. Doveva impostare il timer della cucina, per assicurarsi che provasse la paura per esattamente quindici minuti. Quando suonò il timer, lei poté smettere di avere paura e fare la sua vita. Pochi minuti prima della fine della sessione, ho invitato la madre di Cassie nel mio ufficio e ho detto che mi piacerebbe vedere lei e suo marito nella prossima sessione. "Senza Cassie?" Chiese. E ho risposto "sì".

All'appuntamento della settimana seguente, si presentò solo la madre di Cassie. Ha detto che suo marito aveva un incontro al lavoro e non poteva andarsene. Quando le dissi che vedo sempre i genitori di un bambino per capire il contesto familiare del problema, la madre scoppiò inaspettatamente in lacrime. "Sto avendo una relazione", sbottò tra le lacrime. Dopo alcuni minuti di singhiozzamento, mi ha chiesto, "Potrebbe avere effetto su mia figlia?" "Forse," dissi. Quando sua madre mi raccontò della sua relazione, cominciai a vedere l'agorafobia di Cassie da un punto di vista completamente nuovo. La permanenza a casa di Cassie ha avuto l'effetto di impedire a sua madre di incontrarsi con il suo amante perché sua madre doveva rimanere a casa per prendersi cura di lei.

All'improvviso fui colpito dal pensiero che si trattava di una situazione quasi identica al caso di una giovane donna agorafobica che Freud aveva trattato in psicoanalisi. In effetti, avevo discusso il caso di Freud in Suffer the Children (pp 153-154). La funzione dell'agorafobia della giovane donna era di tenere sua madre a casa con lei in modo che non potesse incontrare il suo amante. Freud non ha avuto successo nel trattare la giovane donna, perché quando sua madre ha scoperto che la sua infedeltà era un argomento della psicoanalisi di sua figlia, ha sabotato la terapia mandando sua figlia in una clinica. Sfortunatamente, non sono andato meglio di Freud. La madre ha sabotato la terapia di Cassie. Dopo la sessione con la madre quando ha rivelato l'affare, non ho mai più visto Cassie. Questa madre non voleva affrontare i propri sentimenti di colpa e dolore o smettere di vedere il suo amante più di quanto non fosse la madre nel caso di Freud.

Mi chiedo spesso se dovrei concentrarmi a lavorare con Cassie da solo per poche sedute per diminuire la sua ansia. Ma, da una lunga esperienza come terapeuta familiare, so che se il problema del sistema familiare non viene risolto, i sintomi del bambino non scompariranno del tutto.

Solutions Collecting From Web of "La ragazza agorafobica"