La rabbia è buona o cattiva per l'autostima?

"Pushing, Shouting, Shoving in Tampa Town Hall" e "Town Hall Free-For-Alls: Screaming and Chaos" scuotono i titoli della TV mentre la riforma sanitaria viene discussa. Vediamo persone infuriate e veramente terrorizzate che urlano in incontri turbolenti.

Purtroppo, il comportamento infuriato non aiuta le persone che lo fanno ad avvicinarsi ad avere i loro bisogni soddisfatti. Il problema non è che si sentono arrabbiati, ma che non stanno usando la loro rabbia per chiarire in modo specifico quali sono i loro bisogni e pianificare come potrebbero agire in modo più efficace per soddisfare i loro bisogni.

Lavoro con molte persone che evitano conflitti, quindi i problemi che vedo con rabbia sono spesso legati a una difficoltà o riluttanza a provare rabbia. E sembra che sia stato scritto molto materiale utile su come fermare le azioni distruttive, ma c'è molto meno scritto per supportare le persone che evitano la rabbia. Quindi questo post delinea alcuni dei modi in cui le persone perdono autostima e gioia con la rabbia vari evitando i metodi.

Il problema: disprezzo di sé e rifiuto per gli stati di sentimento

La persona che evita la rabbia crede di essere una persona cattiva semplicemente per provare sentimenti di rabbia, irritazione, delusione, frustrazione. Ma non è solo rabbia che le persone si rifiutano di sentirsi. Tutti gli altri stati emotivi possono indurre le persone ad avere una seconda reazione di vergogna.

Una delle principali cause del disprezzo di se stessi verso se stessi è legata alla loro percezione di incapacità di regolare le proprie emozioni. Due aspetti di autostima, sentirsi in grado di gestire se stessi e sentirsi amabili, convergono nel modo in cui parliamo di noi stessi riguardo ai nostri sentimenti.

Esempi di modi di auto-rifiuto le persone parlano da soli dei loro sentimenti

Ecco alcuni dei modi sprezzanti e auto-disprezzati che le persone rispondono ai propri stati emotivi.

"Qual è il problema con me?" Dice la persona in difficoltà, trattenendo le lacrime.

"Chi vorrebbe essere intorno a me," sono così giù di morale, piange la persona triste.

"Mi mettono in ridicolo e lasciano la stanza quando sono ansioso", si preoccupa l'ansioso.

"Sono troppo bisognoso per stare vicino alle persone", dice il solitario.

"Mi disgusto, quindi so che farò anche loro schifo", fa rabbrividire la persona vergognosa.

"Non li merito nella mia vita", dice la persona abusivamente arrabbiata.

Quattro zest uccidere, stima di sé abbassando le risposte alla nostra stessa rabbia

Qui parlo di un uso della rabbia per evitare altri sentimenti, e in tre modi le persone evitano la rabbia. Tutte queste strategie riducono l'autostima e tutte queste strategie possono essere cambiate in metodi più vantaggiosi.

1. Aggressione

Una persona può facilmente essere consapevole di sentirsi arrabbiata, ma inconsapevole degli altri sentimenti e dei bisogni che alimentano la rabbia. Quella persona può essere prepotente, ferendo in modo aggressivo gli altri. Più tardi, possono sentirsi in colpa e vergogna per le loro azioni, e la loro autostima è ridotta. A un livello profondo abbiamo tutti bisogno di provare compassione per gli altri e quando agiamo in contrasto con tale bisogno, ritorna a mordere la nostra stessa autostima.

2 . repressione

Un'altra persona può sentire la rabbia, provare a sopprimerla o minimizzarla e quindi non trarre vantaggio dalle informazioni che fornisce sui propri valori fondamentali non esauditi o sui bisogni che sono scontati. Se qualcuno ha la convinzione di dover accettare tutto, potrebbe non impostare i confini appropriati. Con la mancanza di limiti di autoprotezione, in sostanza, appendono un cartello "cammina su di me". La solita scena con la soppressione della rabbia è che la pressione interna si accumula fino a quando l'auto-soppressione non può più reggere e l'eruzione emotiva segue. Poi la persona sente il rimorso, la vergogna e l'autostima crollano.

3. Girare contro se stessi

Ancora un'altra persona può trasformare la loro rabbia contro se stessi e vergognarsi. La condizione per questa dinamica è che qualcosa nell'ambiente delude la persona, e quindi la persona scopre che si tratta di vergogna. Questo li aiuta a sentirsi ancora connessi all'altro deludente. Dopo tutto, è l'esperienza interiore, l'altra persona non ha fatto nulla di sbagliato, se stesso era difettoso.

Un esempio di qualcuno che è cresciuto nel rispondere alla propria rabbia in questo modo è Annie (discussa nei post precedenti). Inizialmente è venuta da me sentendosi molto vergognosa e agitata. Aveva visto un terapeuta che di solito veniva in seduta con un ritardo di 10-15 minuti. A volte lasciava anche una sessione per dieci minuti per fare il caffè da solo.

Si sentì grata per averla vista la mattina presto prima del lavoro, quindi non si sentiva autorizzata ad avere la sua rabbia. Mentre continuava ad accettare il suo comportamento e si accusava di essere bisognosa, la sua autostima continuava a calare. "Stavo solo peggiorando", ricorda.

Mentre Annie inizialmente non poteva tollerare la propria rabbia nei confronti del suo precedente terapeuta, ha imparato a riconoscere e ad usare la sua rabbia. Ha imparato a riconoscere le sue bugie come il suo problema di integrità, non la sua non importanza. Ha imparato a riconoscere che doveva mettersi in affari per se stessa, e non aspettarsi che lui la riconoscesse.

4. Non riconoscimento della rabbia

La quarta risposta alla nostra stessa rabbia di cui voglio parlare qui è quella di non riconoscere nemmeno che proviamo rabbia.

Perché il non riconoscimento della nostra stessa rabbia è un problema? Quello che non puoi riconoscere, non puoi regolare. Come afferma il titolo del libro di John Gray, "Quello che puoi sentire, puoi guarire". Infatti, nella mia primissima formazione terapeuta, ho imparato che una funzione importante della terapia è "dare alle persone una lingua per i loro sentimenti in modo che non possano Non c'è bisogno di recitarli. "

Prima di poter riconoscere che ci sentiamo arrabbiati, dobbiamo aver imparato a nominare il sentimento e riconoscere come ci si sente dentro di noi. Idealmente ci viene insegnato a nominare i nostri sentimenti come un bambino. Ma come ho scoperto nella mia pratica, le persone spesso non riconoscono la propria rabbia. Questo accade spesso nelle famiglie con regole familiari rigide e autoritarie. Ai bambini di queste famiglie viene spesso insegnato che non devono mostrare rabbia nei confronti dei loro genitori con i loro volti, parole, toni di voce o azioni.

Il viaggio di Josie

Josie (un composito fittizio) è cresciuto in una famiglia in cui i genitori hanno basato la loro autostima su quanto fossero obbedienti i bambini. Nessun dissenso era permesso. Josie sentiva spesso i suoi genitori criticare sua sorella maggiore: "Prendi quello sguardo dalla tua faccia, Missy". Sentì delle minacce: "Non ti piace? Bene, allora, signorina Alta e Potente, ti condurrò in prigione in soli 20 minuti. Allora apprezzerai quello che avevi. "Non solo le parole e i toni minacciosi, ma anche gli sguardi sprezzanti, insegnarono a Josie a voler evitare e nemmeno a riconoscere la sua rabbia.

Ma non era solo la paura di ricevere il disprezzo che rendeva Josie incapace di riconoscere e usare la sua rabbia. Era anche che non le era mai stato insegnato a riconoscere la propria rabbia. Ad esempio, non le è stato mai detto, "Sì, tesoro, sei arrabbiato perché hai bisogno di rispettare i tuoi diritti sulla tua proprietà, non rubare il tuo zaino. Diamo un'occhiata a cosa puoi fare per riaverlo. "Quindi, senza parole per nominare la sua esperienza, non poteva riconoscerla, pensarci e usarla. Quando qualcuno non ha avuto la propria esperienza nominata e spiegata, l'esperienza può rimanere inconscia. (Gli psicoanalisti contemporanei direbbero che questa esperienza non riconosciuta è il territorio dell'inconscio non convalidato).

Come Josie è arrivata a riconoscere la sua rabbia

Quando ho incontrato Josie, aveva 45 anni. Questa storia mostra il lavoro che ha fatto prima di incontrarmi. Il suo precedente lavoro di terapia le aveva insegnato a riconoscere la sua rabbia (sebbene avesse ancora problemi di tanto in tanto). Essere in grado di riconoscere e usare la sua rabbia la rese in grado di lavorare così con successo con me per migliorare il suo matrimonio.

Aveva 25 anni al momento in cui si sono svolti i seguenti eventi. Il marito di Josie le aveva appena detto che uno dei suoi segretari era entrato nel suo ufficio privato, gli aveva detto che era innamorata di lui, si era chinato sulla sua scrivania, lo aveva baciato e aveva detto che voleva avere una relazione con lui.

Josie diventò bianca come suo marito le stava dicendo. Si sentiva stranamente sconnessa e aveva le lacrime che le gocciolavano dagli occhi, senza provare nulla che potesse verbalizzare. Più tardi quel giorno, Josie pensò al suicidio, e pensò che se si fosse svegliata nel cuore della notte provando ancora così tanto dolore, avrebbe preso abbastanza pillole per uccidersi. Fortunatamente, non si è svegliata nel cuore della notte, e fortunatamente, ha avuto una sessione con il suo terapista la mattina successiva. La sua terapista ha risposto alla sua storia, "Non sembri arrabbiato con lui. Mi chiedo perché. Sono arrabbiato con lui. "Josie rimase perplesso," Ma non ha fatto niente di sbagliato. Le ha detto che mi amava e non avrebbe avuto una relazione. "

Più tardi quel giorno, lei giaceva a letto sulla schiena e stava andando oltre la sessione nella sua mente. Mentre ricordava il commento del suo terapeuta sul fatto che fosse arrabbiato, sentì improvvisamente il calore nella sua area pelvica e sentì che si sollevava attraverso il suo tronco, "come un rullo di vapore che mi precede."

Era eccitata. Si rese conto che stava sperimentando la rabbia consapevolmente per la prima volta. La sua rabbia si era spostata dall'essere inconscia all'essere cosciente attraverso la convalida del suo terapeuta. L'ironia era che non appena si fosse sentita e avesse riconosciuto la propria rabbia nei confronti di suo marito, le piaceva di più. Anche a lei piaceva molto di più. Il suo umore è aumentato. Era in grado di passare da uno stato di lacrime e sonnambulismo a uno stato produttivo.

Josie ha fatto un passo avanti nel riuscire a regolare la sua autostima riconoscendo la sua rabbia. Il riconoscimento, essere consapevoli e in grado di nominare i nostri stati emotivi, è il primo passo verso una capacità di regolare le nostre emozioni. Rinunciare alla convinzione che la rabbia stessa è cattiva e che siamo cattivi se sentiamo che la rabbia solleva l'autostima per cominciare. E poi ottenere il potere di usare la nostra rabbia positivamente ci fa sentire competenti in ciò che aumenta i nostri buoni sentimenti su noi stessi.

Queste due storie di esempi di Annie e Josie mostrano che le strategie di evitamento della rabbia possono essere elaborate attraverso un io più zelante e l'autostima.

La soluzione: riconoscere che i sentimenti hanno valore di sopravvivenza e imparare come regolarli

Dopo tutto, siamo nati con le abilità necessarie per provare ed esprimere sentimenti. Ogni sentimento è importante come segnale per noi stessi, dandoci informazioni utili.

Gli stati di sentimento sono anche comunicazioni con gli altri. Pensa a un neonato affamato le cui grida di angoscia diventano sempre più forti con frustrazione e indignazione. Se nessuno li nutre, possono essere aggrediti da un pestaggio rossastro, corposo, con tutto il corpo.

Quindi la mia conclusione è che la rabbia è buona. Sono i giudizi e i significati che facciamo dei nostri sentimenti e ciò che facciamo con loro può essere un problema per la nostra autostima.

Solutions Collecting From Web of "La rabbia è buona o cattiva per l'autostima?"