La questione del tessuto: Klein e Kleenex

Ho pensato per la prima volta al problema del tissue quando ero al Betty Ford Center, dove il famoso (e infame) cerca la sobrietà. Ero lì nella capacità di un professionista in residenza, che consente ai professionisti della salute mentale di partecipare al programma di ricovero acclamato al fine di comprendere meglio il centro. È stato il mio primo giorno di residenza che ho imparato le regole sui tessuti. La regola è che se sei in gruppo e qualcuno inizia a piangere, non gli dai un fazzoletto, la persona che piange è responsabile della procura del proprio tessuto. Ho avuto, come terapeuta, un po 'di vergogna nell'apprendere il duro modo in cui non va bene il tessuto abilitato. Il pensiero di Betty Ford e di altri gruppi di recupero è che intervenire con un fazzoletto di carta quando qualcuno piange è affine alla codipendenza e che semplicemente non viene fatto.

Questo è in netto contrasto con il mio psicoanalista bioniano, Igor (il mio soprannome per lui). Igor tiene una scatola di fazzoletti su un tavolo che si trova tra noi due. Quando inizio a piangere, Igor si accorge anche prima che si sia formata la lacrima. Igor è un ragazzo con tre tessuti. Posso sempre contare su di lui per tirare fuori uno, due e tre fazzoletti, e poi consegnarli tutti a me in un gruppo collettivo. C'è qualcosa in questo rituale di notare e anticipare le mie lacrime che trovo commovente, nutriente e persino guaritrice.

Come interpreto l'intervento tissutale di Igor è almeno a due strati. Con la sua azione, lo vedo dire: "Vedo la tua emozione. Sono sensibile ad esso. Sono influenzato dai tuoi sentimenti e sono in questo processo con te. Non sto indietro, distaccato e non interessato da esso. Posso assorbire ciò che senti e puoi contare su di me. "Molti psicoanalisti e terapeuti avrebbero trovato il fazzoletto usa e getta di Igor consegnato come discutibile. Direbbero che è sufficiente che il terapeuta tenga il Kleenex nella stanza.
Ma un tessuto non è solo un tessuto; nulla in psicoanalisi è neutro o privo di significato. Un tessuto può sembrare solo un accessorio della psicoterapia, ma può essere molto di più. Come terapeuti, per fare terapia abbiamo bisogno di una stanza sicura, sicura e silenziosa, alcune sedie e qualche Kleenex – tutto il resto (l'arte, i tavoli e le riviste che abbiamo nella sala d'aspetto) è facoltativo. I tessuti sono essenziali, almeno per la maggior parte dei professionisti.

Ho avuto pazienti che sono venuti in terapia con la propria scatola di Kleenex. Quando l'ho detto a Igor, mi ha chiesto se erano stati a un kleiniano prima di venire da me. "Perché?" Ho chiesto. Igor mi ha detto che gli psicoanalisti kleiniani assumono una posizione ancora più dura sui tessuti rispetto a quelli di Betty Ford – non forniscono nemmeno Kleenex. Non importa quanto i loro clienti piangano, starnutiscono, annusano o sbuffano, non viene fornito alcun tessuto. Puoi immaginarlo? Non posso Sono, come terapeuta, un grande sostenitore dell'eccessiva preparazione in termini di tessuti. Mi preoccupo che un cliente possa passare attraverso una scatola di tessuto e io finirò. Non vorrei mai che il mio cliente sentisse di essere mal preparato per lui o per lei. Ho capito che i kleiniani sono grandi nel creare spazio per il transfert negativo. Credo anche che il transfert negativo possa essere un lavoro psicoanalitico profondamente importante; tuttavia, vi è un transfert negativo che emerge semplicemente attenendosi al limite di 50 minuti, addebitando una commissione e iniziando e terminando le sessioni in tempo. A mio parere, trattenere Kleenex da un cliente che piange è un trattamento crudele e inusuale. Se avessi un cliente che piangeva e avessi in qualche modo esaurito i tessuti, probabilmente avrei offerto di tagliare una manica. Veramente, penso che sia profondamente importante per i nostri clienti sapere che siamo preparati ad affrontare il loro dolore e se arriva un'occasione in cui non lo siamo (quando siamo a corto di tessuto o l'ora è scaduta e sono nel mezzo di lavoro doloroso), penso che in nome dell'autenticità e dell'onestà dovremmo far sapere ai nostri clienti quanto male sentiremmo di non poterli dare di più, se questo è onestamente come ci sentiamo.

All'altra estremità dello spettro del tessuto c'è una torre di tessuti molto insolita che esiste in uno sciccoso ufficio psicoanalista di Beverly Hills. Questo analista si veste in completo da Saks Fifth Avenue con le cravatte di Barneys: tutto ciò che riguarda la sua presentazione fisica è di successo e raffinato. Tuttavia, questo analista ben vestito ha un lato oscuro. Prende i preparati tissutali vicino a livelli simili a quelli di OCD. Quest'uomo ha letteralmente un muro di Kleenex. La sua estetica quasi postmoderna delle scatole di Warholian è un simbolo troppo grande e fallico per non essere interpretato. Se fossi un paziente nella sua pratica, leggerei il muro di tessuti come un tentativo di onnipotenza. Potrei leggerlo come, "Sono preparato per tutto. Non puoi piangere / sentire / aver bisogno di più di quello che posso darti. "

Le mie regole per Kleenex, come paziente e terapeuta: niente marchi generici (si legge come a buon mercato e come se il terapeuta stesse trattenendo.) Per la cronaca, ammetto che sono un po 'snob quando si tratta di prodotti di carta e di pulizia prodotti). Lo strato deve essere almeno due e deve essere profumato e privo di lozione. Si potrebbe avere un sacco di lacrime da piangere e non si vuole che i tessuti profumati, colorati o duri interferiscano con il terrore e la disperazione spesso associati con l'intuizione nei desideri edipici inconsci. Inoltre, Kleenex dovrebbe essere bianco. Non voglio che i colori specifici di genere o addirittura quelli approvati dai designer interferiscano con la coscienza di ogni individuo.

Un altro problema con il tessuto: smaltimento. Non solo i terapeuti devono fornire tessuti di alta qualità ai loro pazienti, ma devono fornire un posto dove i clienti possano scaricarli. So che sembra ovvio, ma ricordo molte sedute quando ho passato 10 o 20 Kleenex, e poi ho dovuto tenerle in braccio e portarle con me quando era finita la mia ora. Ancor prima di iniziare a studiare la teoria psicoanalitica, ho letto questo come il terapeuta che diceva: "Non voglio occuparmi del tuo casino. Devi occuparti delle parti inamovibili, disordinate e viscide di te stesso. "Se lavoreremo con pensieri, sentimenti e ricordi più profondi della gente, il minimo che possiamo fare è fornire a Kleenex un modo per disporne. Se non riesci a sopportare il casino, esci dalla stanza delle consulenze.

E, se qualcuno della Kimberly-Clark Corporation (i produttori del tessuto Kleenex® Brand) sta leggendo questa rubrica, vorrei chiedere a nome dei terapeuti ovunque che ci dia la cortesia di uno sconto professionale. Sono certo che nessun'altra organizzazione o professione è responsabile per l'uso e la distribuzione dei tuoi prodotti come noi. Noi, i terapeuti del mondo, siamo il vostro consumatore numero uno, e non sono sicuro che apprezzate pienamente noi.

Oltre a offrirci uno sconto generoso e magari un programma di ricompensa frequente-compratore, potresti voler creare una serie di scatole di tessuto da collezione che onorano i grandi pensatori della psicologia clinica (come una scatola di Wheaties, solo che invece di atleti potresti avere Freud, Jung , Winicott, Rodgers, Perlz e Frankel, solo per citarne alcuni). Lo slogan per la campagna potrebbe essere qualcosa come "Kleenex: siamo lì per te come mai tua madre era. Tuo padre aveva torto, vai avanti e piangi. Non ti deluderemo mai, come hanno fatto. "

Copyright Tracey Cleantis, LMFT 2010

Solutions Collecting From Web of "La questione del tessuto: Klein e Kleenex"