La psicosi non è buona per il cervello

C'è un dibattito in corso su come dovrebbe intervenire presto per prevenire lo sviluppo della malattia mentale. La profilassi o la prevenzione è universalmente accettata come migliore dell'intervento post diagnosi in medicina. Tuttavia, quando si tratta di profilassi psichiatrica è un po 'di una scatola di Pandora.

La profilassi universale, come nelle misure che promuovono l'igiene mentale, solleva la questione della regimentazione. Costringere le persone in un modello ideale di stato mentale perfetto è un progetto controverso in quanto non esiste un accordo universale su ciò che lo "stato mentale ideale" potrebbe essere in primo luogo. Quando la scienza da sola non è sufficiente a definire chiaramente quale sia la salute mentale, l'oggettività dà era soggettività, giudizio scientifico per valutare il giudizio, e l'emozione alimentava la moralità e la politica invece che la scienza freddamente finita per prendere il centro della scena.

La profilassi specifica ha i suoi problemi spinosi. Ad oggi, la società confonde ancora le definizioni di psichiatria come etichette di giudizio e procede quindi a stigmatizzare di conseguenza. Stando così le cose per le persone che soddisfano i criteri diagnostici, come farebbe qualcuno a etichettare potenzialmente i pazienti che, pur essendo a rischio di un disturbo, non soddisfano effettivamente i criteri richiesti? Scegliere di prevenire qualcosa che potrebbe accadere è una proposizione molto diversa dallo schiaffeggiare un'etichetta profilattica, ma stigmatizzante, su qualcuno che potrebbe non averlo mai ottenuto altrimenti – e questo è il problema centrale del dilemma etico che la psichiatria preventiva affronta giorno dopo giorno.

Aggiungi la contestazione del movimento antipsichiatrico secondo cui l'intera idea di malattia mentale è solo una costruzione sociale con l'implicazione che il trattamento della malattia mentale con farmaci è letteralmente una proposta tossica e come profondamente non etica e capirai perché gli studi di pazienti non trattati sono essenziali per il nostro campo

L'idea è semplice. Ecco cosa si deve fare per capire la storia naturale di una malattia mentale: prendere persone che hanno una diagnosi psichiatrica seguirle libere da un intervento psichiatrico ("tossicità", farmaci, ospedalizzazioni, ecc.) Per un po 'di tempo e poi vedere chi peggiorò, chi migliorò, o chi finì da qualche parte nel mezzo.

Se tutto migliora, puoi buttare via il tuo taccuino e partecipare alla convenzione anti-psichiatria. Se tutto peggiora e il dottore in te dovrebbe ricordare il tuo primun non nocere Ippocrate Oath, e riconosce che se fare nulla danneggia realmente i tuoi pazienti di quanto faresti meglio a fare qualcosa al riguardo. Che è, bene, TREAT.

Ecco perché apprezzo uno studio come Thirthalli et al. quando uno arriva. Uno studio raro in cui i pazienti che avevano una diagnosi di psicosi per un po 'di tempo hanno iniziato con farmaci e li hanno seguiti fino a un anno. "La parte di un bel po 'di tempo" – con alcuni pazienti con lunga durata della psicosi non trattata (DUP) – in rari casi nella moderna ricerca clinica psichiatrica, in cui la maggior parte dei pazienti ottiene diagnosi e trattamenti rapidi.

In breve, in questo studio retrospettivo-prospettico, i pazienti recentemente trattati hanno mostrato che i loro sintomi di gravità e grado di disfunzione un anno dopo erano correlati alla durata della psicosi non trattata (DUP). In altre parole, più a lungo si era ammalati prima del trattamento, peggiore era la forma che avrebbero avuto in un anno dopo. Ora, questo non è uno studio controllato e randomizzato. Ci sono dettagli mancanti nella descrizione della popolazione dello studio. Inoltre, non sappiamo se le persone trattate con farmaci diversi siano migliorate in modo diverso, il che sarebbe stato molto utile per mettere le cose nel loro contesto. Tuttavia, poiché la maggior parte dei pazienti ha assunto uno dei due nuovi antipsicotici, i cambiamenti clinici non sembrano dovuti a farmaci. Tuttavia, le debolezze considerate, la doppia correlazione dei punteggi di gravità sia funzionale che di gravità a seguito esclusivamente della durata della malattia non trattata, suggerisce fortemente che non si dovrebbe aspettare, ma trattare la psicosi il prima possibile.

Mentre questo non risponde alle domande generali sull'intervento precoce per la malattia mentale, quando si parla di psicosi il messaggio è chiaro.

La tossicità cerebrale è il risultato di una psicosi non trattata.

I farmaci per la psicosi rendono le cose migliori, non peggiori.

Trattare presto è una buona idea.

Ricorda primun non nocere ? Non trattare è danneggiare. Quindi trattare.

Riferimenti:

Thirthalli J, Channaveerachari NK, Subbakrishna DK, CottlerLB, Varghese M, Gangadhar BN. Studio prospettico sulla durata della psicosi non trattata e sull'esito di pazienti mai trattati con schizofrenia in India. Psichiatria J indiana. 2011 Oct; 53 (4): 319-23

© Copyright Adrian Preda, MD

Solutions Collecting From Web of "La psicosi non è buona per il cervello"