La psicologia rivela perché le donne rimangono con uomini abusivi?

Di Dr Raj Persaud e Dr Helinä Häkkänen-Nyholm

Ogni minuto un caso di violenza domestica viene denunciato alla polizia nel Regno Unito. Questo crimine spesso nascosto è frequentemente "normalizzato" o messo in luce dagli autori. Tali tentativi dovrebbero essere contrastati energicamente dalla società in generale, non ultimo per il modo in cui può finire; in Inghilterra e Galles, in media due donne vengono uccise ogni settimana da un partner.

La dottoressa Ursula Klopfstein dell'Università di Scienze Applicate di Berna e la dott.ssa Marie-Claude Hofner, Centro universitario di medicina legale di Losanna, Svizzera, hanno recentemente rivelato quanto sia comune la brutalità della violenza domestica.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Scrivendo nell '"Enciclopedia delle scienze forensi", citano cifre di violenza domestica che rappresentano il 16% di tutti i crimini violenti nel Regno Unito, che colpiscono una donna su quattro nella loro vita. La violenza domestica ha il più alto tasso di vittimizzazione ripetuta. Più di un terzo delle vittime sono state vittime più di una volta.

Ciò ha implicazioni minacciose per chiunque sia preoccupato per una vittima di un incidente apparente "una tantum".

Tipicamente, gli episodi di crudeltà seguono una dinamica circolare ben definita. Dopo uno scontro brutale l'uomo fa ammenda, può sentirsi transitoriamente colpevole – un periodo di luna di miele – ma poi una spirale di crescente tensione e tentativi di stabilire il dominio da parte di un partner sovrastante, riconduce all'ostilità.

Le vittime di abusi domestici spesso abbandonano gli ordini di protezione se il colpevole promette di cambiare, suggerendo continui attaccamenti emotivi, guidando decisioni inutili. Circa l'80% delle vittime "ritrova", nel senso che abbandona le accuse o nega il crimine.

Uno studio unico ha recentemente analizzato le conversazioni telefoniche in diretta tra gli autori di violenze domestiche e le vittime. Ciò ha permesso di avere una visione unica di come e perché le vittime ritrattano così spesso le loro accuse e rifiutano gli sforzi del pubblico ministero.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Pubblicato nella rivista "Scienze sociali e medicina", lo studio ha rilevato che le minacce dirette erano raramente utilizzate per influenzare le vittime, invece sono state dispiegate altre sofisticate strategie psicologiche, ovvero la minimizzazione del crimine e le descrizioni delle sofferenze dei perpetratori. Queste strategie hanno innescato con successo tristezza, senso di colpa e simpatia nella loro vittima, cosa che ha rafforzato la tesi di cambiare la sua storia per proteggerlo.

Lo studio ha coinvolto 25 coppie eterosessuali, in cui il perpetratore di sesso maschile era detenuto in un centro di detenzione (negli Stati Uniti) per violenza domestica a livello di crimine, facendo telefonate alla sua vittima durante il periodo di pre-processo.

Coerentemente attraverso le coppie, l'intenzione di ritrattazione di una vittima era molto influenzata dall'uso da parte del perpetratore della sofisticata psicologia manipolativa. Ciò includeva appelli alla simpatia della vittima attraverso descrizioni della sua sofferenza da problemi mentali e fisici, condizioni intollerabili della prigione e vita senza di lei.

L'uso psicologico del perpetratore della minimizzazione degli abusi includeva il non permettere alla vittima di parlare dell'abuso; resistere alla responsabilità, negare la credibilità della storia della vittima e ricordarle che era lei la causa della violenza.

Intitolato "Meet me at the hill dove eravamo soliti parcheggiare": i processi interpersonali associati alla ritrattazione delle vittime ", lo studio ha analizzato le telefonate che coinvolgono colpevoli di sesso maschile detenuti presso un centro di detenzione nello Stato di Washington per reati di violenza domestica (aggressione, violazione di un nessun ordine di contatto, reclusione illegale). Chiamate alle vittime regolarmente registrate per aumentare la sicurezza del carcere.

Tutte le parti sono consapevoli di essere state registrate tramite un messaggio automatico all'inizio di ogni chiamata. La legalità delle telefonate audio registrate dalle strutture di detenzione dello Stato di Washington è stata confermata in una recente decisione della Corte Suprema dello Stato di Washington. La divisione dell'accusa ha rilasciato i nastri audio di 25 coppie coinvolte nella violenza domestica a livello di crimine per l'analisi. Poiché lo studio ha coinvolto dati pubblici, ai soggetti non era richiesto di fornire il consenso informato.

Di tutti i processi associati all'intenzione della vittima di ritrattare, gli autori dello studio, Amy Bonomia, Rashmi Gangamma, Chris Locke, Heather Kata fi asz e David Martin, della Ohio State University, Auburn University e King County Prosecuting Attorney, Stati Uniti, hanno trovato i più significativi sono stati gli appelli del perpetratore alla simpatia della vittima, attraverso le descrizioni della sua sofferenza.

Persino le vittime che inizialmente "si difendevano" contro la resistenza della responsabilità dell'autore, divennero particolarmente vulnerabili ai resoconti della vittima personale del perpetratore.

Le vittime che sembravano intenzionate a seguire gli sforzi del pubblico ministero, iniziarono a cambiare la loro posizione, passando dalla rabbia e resistenza alla tristezza, alla colpa e al rimpianto, tentando infine di lenire l'autore.

Nel descrivere la sofferenza, i perpetratori hanno espresso depressione e ansia, che ha abilmente invertito i ruoli nella relazione della coppia, con il perpetratore che diventa una "vittima" della sua sofferenza e l'abusato che diventa il suo custode. In un caso, inizialmente la vittima si è rifiutata di aiutare il perpetratore e ha perfino minacciato di parlare con la polizia di precedenti episodi di violenza. Tuttavia, la sua posizione si attenuò quando il perpetratore divenne sempre più ansioso e minacciato il suicidio.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Le conversazioni rimanenti ruotavano intorno alla vittima cercando di placare l'ansia del perpetratore e promettendo di fare del suo meglio per aiutarlo a uscire di prigione. Effetti simili sono stati osservati quando i perpetratori hanno definito intollerabili le condizioni della prigione.

Le tecniche psicologiche manipolative che i perpetratori usavano per far cadere le vittime accusavano di invocare immagini della vita l'una senza l'altra nelle loro conversazioni, ricordando la vita da soli e legando l'amore, i sogni e i ricordi, giocando la "sigla" della coppia; ", Invocando immagini di luoghi speciali che incontravano per condividere momenti romantici (ad esempio," Incontriamoci sulla collina dove eravamo soliti parcheggiare "), usando immagini religiose per consolidare la loro connessione, credendo di condividere un legame unico non compreso da altri.

I perpetratori comandavano in modo specifico la vittima, controllando ciò che dovevano dire o fare. Per esempio, in una coppia, il perpetratore ha incaricato la vittima di dire che ha mentito alla polizia, in modo che avrebbe servito il carcere invece di lui; ha usato un appello di simpatia ricordando alla vittima che avrebbe fatto solo pochi giorni in prigione mentre aveva affrontato 60-90 giorni "nel buco".

Una vittima in una telefonata ha spiegato: "Mi hai praticamente incastrato nel mio stomaco un paio di volte, mi hai strangolato al punto che non riuscivo a respirare e cadevo sul pavimento … Mi hai sputato in faccia per tre volte e mi hai trattenuto … le lacerazioni sul mio collo e il dito rotto e il fatto che mi hai incatenato così duramente che non ho potuto respirare e fondamentalmente ho dolori al petto e alle costole anche oggi … Sono stato totalmente abusato. "

Ma il perpetratore ha risposto posizionandosi come la "vittima": "Ti rendi conto che prima che qualcosa accada, cerco solo di andare e tu non lo permetti? Sono venuto in pace. Non ho detto niente. Stavi bevendo. "

Gli studi sull'influenza sociale indicano che fare appello alla pietà è una delle migliori strategie se vuoi qualcosa. I bambini distribuiscono questo particolarmente bene.

Poiché le ultime ricerche suggeriscono che i modelli di attaccamento degli adulti si sviluppino sin dall'infanzia, la futura violenza domestica potrebbe essere predetta dai primi segni di caratteristiche come il controllo, la possessività e la gelosia.

Segui il Dr Raj Persaud su Twitter: www.twitter.com/(link è esterno) @DrRajPersaud

Raj Persaud e Peter Bruggen sono editori di podcast congiunti per il Royal College of Psychiatrists e ora hanno anche un'app gratuita su iTunes e Google Play Store dal titolo 'Raj Persaud in conversation', che include molte informazioni gratuite sugli ultimi risultati della ricerca in ambito mentale salute, oltre a interviste con i migliori esperti di tutto il mondo.

Scaricalo gratuitamente da questi link:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.rajpersaud.android.raj…(link è esterno)

https://itunes.apple.com/us/app/dr-raj-persaud-in-conversation/id9274662…(link è esterno)

Il dott. Raj Persaud FRCPsych è un consulente psichiatra che lavora nel settore privato in Harley Street a Londra, nel Regno Unito.

Helinä Häkkänen-Nyholm, PhD è l'amministratore delegato e psicologo forense di PsyJuridica Ltd. Ha lavorato per oltre dieci anni come psicologa in campo giuridico ed è un'ex criminale profiler della polizia finlandese. È uno dei massimi esperti in Finlandia in materia di psicopatia e narcisismo e redattore di due libri sulla psicopatia, nonché autore e coautore di numerose pubblicazioni scientifiche sul comportamento violento. Attualmente è specializzata nel fornire servizi di consulenza su questioni relative alla gestione della psicopatia nelle famiglie e nei luoghi di lavoro. La dott.ssa Häkkänen-Nyholm è anche Professore a contratto presso l'Università di Helsinki, dove dirige il gruppo di ricerca sulla psicologia forense e l'Università della Finlandia orientale.

Solutions Collecting From Web of "La psicologia rivela perché le donne rimangono con uomini abusivi?"