La psicologia positiva fa bene al cervello dello studente I

Cosa sappiamo del cervello e dell'apprendimento? Sappiamo che il cervello costruisce tutto l'apprendimento e tutti i comportamenti sono basati sul cervello. Sappiamo che la competenza accademica non può essere biforcata dall'alfabetizzazione emotiva. Sappiamo che un groviglio di neuroni nel sistema limbico (cervello emotivo) permea la corteccia pre-frontale (il cervello accademico) che colora ogni pensiero con emozione.

La sfida è come tradurre ciò che sappiamo della nuova scienza dell'apprendimento nell'insegnamento?

Come usiamo la nuova neuroscienza dell'apprendimento per trasformare le pratiche troppo a lungo dominate da premi e punizioni? Quale struttura consente agli educatori volontari di rendere operativa la scienza in una classe rumorosa di terza elementare o in una classe di inglese del decimo grado del centro città?

La risposta entusiasta è: psicologia positiva! La psicologia positiva è compatibile con il cervello perché la psicologia positiva cambia il cervello in quanto informa gli interventi che ottimizzano la struttura e la funzione del cervello.

1. Il cervello è modulare. Cioè, ci sono moduli cerebrali contenenti neuroni specializzati che vagano per il cervello modellabile che crea e attraversa i ponti neuronali che il cervello in continua crescita costruisce. Questi moduli non sono isolati nella loro struttura o funzione ma interagiscono e interagiscono attraverso il cervello. L'input-insegnamento esperienziale cambia il percorso attraverso i moduli.

2. Il cervello comunica. Cioè, all'interno dei moduli ci sono sistemi che attraversano i moduli. I due sistemi più grandi sono il sistema limbico (cervello emotivo) e il sistema linguistico (cervello del linguaggio) che comunicano le nostre emozioni e pensieri che sollecitano le nostre azioni. I neuroni non solo camminano attraverso il cervello, le cellule gliali si parlano attraverso il cervello. Ad esempio, alcuni neurotrasmettitori sono attivati ​​o disattivati ​​da esperienze di stress. Queste cellule di chattering collegano ciò che i bambini sentono a ciò che sanno a ciò che capiscono a ciò che fanno. Input-insegnamento esperienziale: cambia la conversazione.

3. Il cervello sta cambiando continuamente . Cioè, il cervello è sempre in crescita (neuroplasticità) basato su nuove connessioni (neurogenesi) formate e altre connessioni potate o erose. Il cervello sta sempre imparando e adattandosi. Quando l'esperienza diventa una parte della memoria a lungo termine, fa un deposito nella memoria del cervello che è difficile da ritirare, a volte creando un ricordo indelebile. L'insegnamento esperienziale sperimentale è come il cervello impara e si adatta nel bene e nel male.

4. Il cervello è multidimensionale . Cioè, il cervello usa il linguaggio per pensare a idee, sentimenti e azioni. Il pensiero che sta alla base dell'apprendimento è emotivamente infuso, mediato in modo cognitivo e espresso linguisticamente o fisicamente. L'insegnamento esperienziale sperimentale è un catalizzatore per questo apprendimento tridimensionale, complesso e positivo.

Il successo accademico non è solo una funzione della conoscenza accademica o dell'elaborazione cognitiva. Il successo è una funzione delle connessioni a se stessi, agli altri e al mondo che modella il nostro cervello. L'insegnamento di input positivo ed esperienziale in modi gioiosi e di supporto è il mezzo migliore per raggiungere questo scopo.

—-

A DISPOSIZIONE! Psicologia positiva nella classe della scuola elementare ed è la prima di una serie destinata ad aiutare gli insegnanti a costruire classi di psicologia positive coerenti con le neuroscienze affettive. http://books.wwnorton.com/books/978-0-393-70758-8/

  UNISCITI A ME! Darò un discorso invitato alla Conferenza sull'apprendimento e il cervello – Mente autocosciente: usare Brain Science per potenziare le abilità sociali ed emotive – al Fairmont Hotel di San Francisco il 14 febbraio 2014. La conferenza è sponsorizzata da Stanford, UC Berkeley , UC Santa Barbara, Harvard Graduate School of Education, Scuola di Medicina dell'Università di Yale, Fondazione Dana, NAESP, NAESSP, Edutopia: la Fondazione Educativa George Lucas e la Fondazione Learning & Brain.

Solutions Collecting From Web of "La psicologia positiva fa bene al cervello dello studente I"