La psicologia dietro la scelta di un regalo perfetto

Ali * voleva trovare il regalo perfetto per la baby shower di sua sorella. "È il suo primo bambino, la mia prima nipote o nipote. Voglio darle qualcosa di speciale. "Ma Ali non era sicuro di cosa potesse essere. "Continuo a girovagare tra baby store e siti internet. Ci sono tutti i tipi di cose adorabili, ma niente sembra qualcosa di speciale. "

Bobby * stava cercando un regalo per la sua ragazza. "Non siamo ancora pronti a sposarci, quindi non voglio darle un anello … ma voglio qualcosa che le dirà che la amo …" Aveva guardato i gioielli, ma, disse, "Lei è molto particolare. Non voglio prenderle qualcosa che non le piacerà. "E anche il denaro era un problema. "Stiamo cercando di risparmiare per una bella vacanza. I soldi sono stretti, quindi tutto ciò che spendo per il suo regalo toglierà da quel viaggio. "

Erin * e le sue sorelle stavano cercando di decidere cosa regalare ai loro genitori per il loro trentacinquesimo anniversario di matrimonio. "Non possiamo essere d'accordo su qualcosa. Abbiamo tutti idee diverse su quello che vorrebbero. E non abbiamo la stessa quantità di denaro da spendere. Mia sorella maggiore e suo marito hanno appena avuto il loro secondo figlio e non possono permettersi un grande regalo. Mio fratello non è sposato, sta facendo un sacco di soldi e dice che sarebbe felice di pagare per una quota maggiore rispetto al resto di noi. Ma non sembra giusto … "

Ecco la cosa. Dare regali sembra essere semplice, ma in realtà è piuttosto complicato. Un certo numero di fattori psicologici può interferire con il trovare non solo un regalo perfetto, ma anche uno che comunica quanto ci importa di qualcuno. Ma una volta che queste dinamiche diventano chiare, possono effettivamente aiutarci a sconfiggere il mostro che sceglie il dono. Ecco tre problemi comuni e suggerimenti per superarli:

  • È più difficile di quanto possiamo immaginare di entrare nel cervello di un'altra persona, di vedere le cose attraverso i loro occhi, e quindi di capire cosa vogliono o vogliono realmente. Sebbene l'empatia e la sintonizzazione abbiano dimostrato di essere estremamente importanti per un sano sviluppo psicologico, anche la persona più sintonizzata non ha sempre la capacità di sapere cosa vuole un'altra persona. A volte, come ho già detto in alcuni dei miei altri post, questa incapacità di entrare nella testa di qualcun altro può essere interpretata come un segno di non attenzione o di non preoccuparsi abbastanza.

Ali, ad esempio, amava molto sua sorella e le era sempre stata molto vicina. "Ma abbiamo gusti diversi", ha detto. "Temo che qualunque cosa compri sarà a mio gusto, non a lei. Quando vedo qualcosa che penso sia nel suo gusto, penso che sia brutto, quindi non voglio ottenerlo! "

  • Il secondo fattore psicologico che crea crisi di regali ha a che fare con le tradizioni familiari. Portiamo tutti i costumi delle nostre famiglie a qualsiasi ricerca di un regalo. Spesso i nostri non sono esattamente come quelli del nostro destinatario previsto. A volte queste differenze possono creare eccitazione e divertimento negli scambi di regali; e a volte possono essere sconvolgenti e portare a ferire i sentimenti di entrambe le parti.

La famiglia di Bobby, per esempio, era molto pratica nella donazione. "Se fosse qualcuno nella mia famiglia, troverei un'immagine sexy di un paio di sorseggiando bevande alte e fresche su una spiaggia, e lo incollerei a un grosso barattolo, con le parole" fondo per le vacanze ". E avrei messo tutti i soldi che avrei speso per un regalo nel barattolo. "Ma sapeva che la sua ragazza era cresciuta con la tradizione di dare e ricevere sorprese. "Vorrà qualcosa di speciale, qualcosa che ho comprato appositamente per lei e qualcosa che non si aspetta".

  • Terzo, quando scegliamo un regalo, lo facciamo quasi sempre per più di una ragione psicologica, alcune delle quali potrebbero non essere chiare o persino disponibili per le nostre menti coscienti. Ad esempio, i regali sono spesso comunicazioni d'amore o di cura di qualcun altro. Ma possono anche essere una richiesta di essere amati o ammirati in cambio.

Erin ei suoi fratelli volevano dare ai loro genitori un regalo speciale per dire "grazie" per essere genitori amorevoli e buoni. Ma c'erano anche alcuni fattori inconsci al lavoro. Ad esempio, tra i fratelli e sorelle c'era una buona dose di rivalità tra fratelli e sorelle, ma c'era anche un certo risentimento che i genitori sembravano favorire il loro ultimo figlio rispetto agli altri. "Forse vogliamo che paghi di più visto che riceve un'attenzione extra da loro", ha detto Erin. "O forse vogliamo tutti che mamma e papà dica finalmente che ci amano più di quanto lo facciano!" E alla fine, ha capito, "forse abbiamo qualche conflitto nel dargli qualcosa di veramente bello, perché sentiamo di aver fatto del male i nostri sentimenti … "

Comprendere queste dinamiche non significa rinunciare alla ricerca di un grande dono; ma vuol dire accettare la possibilità che non esista una cosa perfetta! La perfezione, ci viene detto dai saggi, non è qualcosa che gli esseri umani possono effettivamente raggiungere. Lo psicanalista britannico DW Winnicott in realtà ci dice che i genitori "abbastanza bravi" creano bambini più sani e felici di quelli "perfetti". Forse lo stesso è vero per i regali.

Ad esempio, mentre Ali iniziava a riflettere sulla realtà che il suo gusto fosse diverso da quello di sua sorella, capì anche che c'era un motivatore importante e inconscio che stava rendendo le cose ancora più difficili. "Voglio darle qualcosa che ricorderà sempre; qualcosa che mi rende la migliore zia e la migliore sorella! Ma l'ironia è che non posso farlo da solo! "La realizzazione l'ha portata a cercare l'aiuto di una delle sue sorelle, il cui gusto era molto più simile al fratello in gravidanza. "Sapeva esattamente cosa ottenere" disse Ali. "E insieme abbiamo avuto i soldi per pagarlo! Quindi il mio regalo sarà perfetto, anche se non mi farà diventare la migliore sorella … "mi chiedevo. Forse la rendeva ancora migliore, dal momento che aveva escogitato un modo per mettere da parte il suo desiderio di usare il dono per distinguersi, e lo aveva trasformato in un dono che sarebbe stato apprezzato e usato.

Lo stesso era vero in ognuna delle altre situazioni. Bobby, ad esempio, decise che avrebbe potuto integrare la sua tradizione con quella della sua ragazza. "Ho fatto due barattoli", mi ha detto. Uno era per il risparmio delle vacanze. L'altro era per un regalo speciale che la sua ragazza avrebbe scelto per quel viaggio. Ha messo un sacco di pensiero nelle immagini che ha incollato sui barattoli. "Penso che uno che è solo su di lei la renderà felice", ha detto. "È un regalo per lei, dopotutto." E aveva ragione. La sua ragazza era sorpresa e compiaciuta della sua offerta.

E Erin e i suoi fratelli hanno iniziato a parlare più apertamente di alcuni dei loro conflitti sul presente per i loro genitori. "Abbiamo capito che potremmo tutti contribuire con importi diversi e che sarebbe tutto a posto. Abbiamo anche convenuto che li amiamo e vogliamo dare loro qualcosa di speciale, ma che il presente non li farà amare più o meno ".

* nomi e informazioni identificative modificati per proteggere la privacy

Teaser Image Source: Time for Gifts – Techie She

Solutions Collecting From Web of "La psicologia dietro la scelta di un regalo perfetto"