La psicologia di Wolverine

Sono un fan di Wolverine, un fan di Hugh Jackman, e sono stato un fan dei film degli X-men (ad eccezione del film con scarsa trama Wolverine: Origins ). Ho avuto qualche trepidazione riguardo al film The Wolverine , ma sono andato a vederlo comunque. Mi dispiace dire che questo film continua nella tradizione del precedente film di Wolverine, e sono stato abbastanza deluso dal fatto che non mi preoccuperei di recensire un film.

Invece, in ciò che segue espongo un aspetto psicologicamente interessante della storia di origine di Wolverine, così com'è. È tratto dal mio libro Superhero Origins: cosa rende i supereroi spuntano e perché ci interessa.

DA QUANDO NASCE LA WOLVERINE: MEMORIA E IDENTITÀ

Wolverine è un supereroe feroce e fieramente leale [1]. È muscoloso, irritabile e ha un carattere. Infatti, quando Wolverine sta combattendo, a volte ha rabbia da berserker . [2] Ma ha anche un buon cuore. È uno dei più famosi supereroi della Marvel, molto prima che l'attore Hugh Jackman indossasse l'abito di pelle nera di Wolverine e la cuffietta simile a un lupino. La popolarità di Wolverine significa che si apre e salva la giornata in diversi titoli di fumetti ogni mese, oltre alla sua apparizione nelle vignette di X-Men di sabato mattina e nei film.

Cosa rende Wolverine così attraente? È il James Dean dei supereroi: il "cattivo ragazzo" sicuro con una miccia corta e un cuore tenero, il solitario che desidera appartenere. Inoltre, i fan di Wolverine – nel suo mondo e nel nostro mondo – sono conquistati dalla sua tenacia, dal suo umorismo ironico e dal suo impegno verso una persona o una causa. Ammiriamo chi è lui.

Come ha fatto Wolverine, alias Logan, a diventare chi è? E qual è la sua storia di origine? Come la maggior parte dei supereroi che esistono da un paio di decenni, Wolverine ha una storia lunga e contorta. È apparso per la prima volta nel 1974 in The Incredible Hulk # 180-182 della Marvel, scritto da Len Wein. Fin dall'inizio, aveva un costume da supereroe stile spandex, artigli di metallo che gli uscivano dal dorso delle mani, ed era superstrong. Con la sua prima apparizione ha combattuto contro Hulk, abbinando la rabbia del ragazzo verde per la rabbia. Sebbene non abbia sconfitto Hulk nel loro primo incontro, Wolverine ha combattuto bene e ha manifestato un altro potere: le sue capacità di guarigione. [3] In seguito apprendiamo che il bagliore nei suoi artigli proviene dall'adamantio, una lega di metallo fittizia che è indistruttibile. Inoltre, ci viene detto che l'adamantio è anche legato a tutte le ossa del suo corpo.

Wolverine è un supereroe insolito in quanto è stato creato senza retroscena. In realtà, non solo era retroscena, ma per gran parte della sua carriera ha avuto una forma di amnesia – non ricorda il suo passato. [4] Così, per gran parte della vita di Wolverine come supereroe, sia lui che i suoi fan non sapevano come ottenesse quegli artigli adamantium, come potesse guarire in modo così miracoloso, perché combattesse con rabbia da berserker, o perché avesse sensi acuti come animali di odorato e udito (sebbene si presumesse che una mutazione genetica avesse qualcosa a che fare con almeno alcune di quelle abilità). Altrettanto sconosciuto a Wolverine e ai suoi fan era il senso di quali fattori lo motivassero – perché si comportava come faceva lui.

La sua amnesia alimenta il suo desiderio, a volte compulsivo, di scoprire il suo passato e perché non riesce a ricordarlo. Paradossalmente, è l'incapacità di Logan di ricordare da dove viene che forma il nucleo di chi è – che forma la sua personalità adulta. Nella misura in cui ha una storia di origine, è che ha sviluppato l'amnesia. Almeno fino al 2001, quando gli scrittori di fumetti Marvel hanno creato una storia di origine per Wolverine, e gli sceneggiatori hanno seguito l'esempio.

E se tu, come Wolverine, non avessi nessuno in giro per riempire gli spazi del tuo passato per te? Cosa faresti? Probabilmente osserverai il tuo comportamento e, dalle tue osservazioni, faresti delle inferenze sulla tua personalità e farti ipotesi sul tuo passato. Si confabulerebbe -creare falsi ricordi per riempire gli spazi vuoti. L'amnesia autobiografica di Wolverine lo mette sullo stesso terreno di gioco dei suoi fan: lui (e noi) scopriamo chi è guardando come agisce e reagisce, notando i suoi istinti e le sue abitudini; semplicemente non sappiamo come sia arrivato in quel modo.

La teoria dell'auto-percezione spiega questo processo in modo più dettagliato: osservando il tuo comportamento liberamente scelto (contro un comportamento che è vincolato dalla situazione, come avere un comportamento cupo a un funerale), ne deduci le caratteristiche psicologiche di fondo. Supponiamo che, come Wolverine, ti ritrovi a gravitare sulle sbarre; se qualcuno ti chiedesse il motivo per cui appendi le sbarre, probabilmente risponderesti a ciò che preferisci, forse per il senso di compagnia che offre il bar. Secondo la teoria dell'auto-percezione, dovresti inferire attributi soggiacenti su di te per aver scelto di uscire in un bar: devi essere il tipo di persona che preferisce la stimolazione sociale di stare intorno agli altri e allo stesso tempo essere in grado di stare da solo tra gli altri (dopotutto, se davvero volessi socializzare potresti farlo in altri modi). In alternativa, forse deduci che ti piace bere molto, e forse sei depresso e infelice della tua vita. In ogni caso, ti aggrappi ad alcune motivazioni per il tuo comportamento e usalo per trarre inferenze su di te e sulla tua personalità.

Cosa avrebbe osservato Wolverine nei suoi comportamenti che gli avrebbero permesso di sviluppare un senso di se stesso: le sue preferenze e inclinazioni, i suoi punti di forza e le sue debolezze? Mettiamoci nella mente di Logan nel momento in cui è apparso nel primo film degli X-Men (ora chiamato X-Men 1 , pubblicato nel 2000) – giusto prima che si unisca a qualsiasi altro mutante [5]. Logan è nel Canada rurale, in gabbia che lotta per denaro, riuscendo a vincere senza che i suoi avversari gli abbiano fatto un segno. Dopo il combattimento in gabbia, beve al bar, ma poi l'uomo che ha perso il combattimento con la gabbia va al coltello Logan come ricompensa per la vittoria di Logan. Gli artigli di Logan escono, lui minaccia quelli che si muovono su di lui, e poi Logan se ne va. Lui (e noi) possiamo dedurre molte cose su di sé solo da questa scena.

In primo luogo tra le conclusioni che Wolverine può trarre da se stesso è che, in un modo o nell'altro, è un mostro. Ha artigli metallici lunghi un piede che escono dalle sue mani e ha poteri di guarigione che sfidano la scienza. L'ovvia domanda è di natura contro natura: è nato così o è stato fatto in quel modo? [8] Wolverine vuole risposte a questa domanda.

Inutile dire che Wolverine vuole tacere sulla sua natura bizzarra e non sa di chi possa fidarsi. Inoltre, le azioni del suo corpo suggeriscono a lui e noi che non è il tipo di ragazzo che si fida facilmente e probabilmente con una buona ragione. Il che porta a un'altra conclusione che può trarre da se stesso: la sua propensione al combattimento e le sue abilità di combattimento suggeriscono che si trovasse in una sorta di professione di combattente. È facile capire perché, in assenza di altre informazioni su se stesso, sarebbe un solitario: è la via più sicura da intraprendere per lui.

L'uomo senza passato si impegna in un futuro

L'amnesia autobiografica di Wolverine, in accordo con la teoria dell'auto-percezione, può aiutarci a capire perché un solitario come Wolverine si unisse agli X-men. E unirsi agli X-Men è probabilmente il secondo evento fondamentale dello sviluppo di Wolverine nel renderlo l'uomo che diventa.

* * * * *

Sono come te

Per capire come l'amnesia autobiografica e la teoria dell'auto-percezione spieghino perché Wolverine è entrato negli X-Men (e perché il suo arruolarsi con loro è importante per la sua identità), prima devo spiegare un po 'di più sulla teoria dell'auto-percezione. Oltre a dedurre qualità su noi stessi osservando il nostro comportamento, anche noi inferiamo qualità su noi stessi quando osserviamo i comportamenti di persone che sentiamo molto simili a noi, persone con le quali proviamo un senso di identità condivisa. Ecco un esempio: diciamo che ti identifichi con il tuo migliore amico; pensi che voi due siate generalmente simili – valori simili, preferenze simili. Se sai che lei dona denaro o volontari per aiutare in un rifugio per senzatetto locale, probabilmente farai alcune conclusioni sulla personalità del tuo amico (es. "È una persona altruista che vuole aiutare chi è meno fortunato di lei.") Perché tu identificarsi con questo amico , è probabile che tu attribuisca queste qualità anche a te stesso: "Se lei è questo tipo di persona, allora anch'io devo essere questo tipo di persona".

Per non pensare che questo sia troppo teorico, una serie di esperimenti degli psicologi Noah Goldstein e Robert Cialdini ha trovato esattamente questo. [Ii] Mettiti nella posizione di un partecipante in uno dei loro studi, uno studio che, ti viene detto, è sulla "percezione della gente di diversi tipi di interviste". In una versione dell'esperimento (la tua versione) ascolterai un'intervista scelta casualmente con l'intervista n . 49 . Prima di ascoltare, però, ti viene detto che le tue onde cerebrali saranno misurate con una macchina elettroencefalografica (EEG) in modo che i ricercatori possano determinare il grado di somiglianza tra il tuo pattern di onde cerebrali e quello di Intervista # 49. [9]

Ti viene detto che l'intervistato n. 49 e hai modelli di onde cerebrali simili, e puoi vederlo da solo: il monitor del computer mostra i due modelli di onde cerebrali sovrapposte l'una sull'altra. Il computer mostra anche un "indice di somiglianza cerebrale" e la somiglianza tra il tuo EEG e quello di Intervista numero 49 è 93 su 100. Ti viene detto che qualsiasi indice di somiglianza superiore a 90 è raro e in genere si manifesta solo tra fratelli o tra amici stretti. In effetti è così raro che il computer abbia fatto apparire una richiesta che controlli con lo sperimentatore alla fine per assicurarti che l'intervistato n. 49 non fosse un parente stretto o un tuo amico.

Poi ascolti una breve intervista tra un assistente di ricerca e l'intervistato n. 49 sugli studenti universitari che vivono nel campus rispetto al campus; Le osservazioni dell'intervistato n. 49 erano generalmente blande e non degne di nota. Continui ad ascoltare oltre la fine ufficiale dell'intervista perché stanno ancora parlando. Senti che il ricercatore chiede se l'intervistato n. 49 sarebbe disposto a "fare qualcosa per una causa rilevante per l'altra linea di ricerca [dello sperimentatore], che è senzatetto". In particolare, l'intervistato n. 49 sarebbe disposto a prendere altri 10 minuti in più. esaminare i materiali relativi ai senzatetto? La risposta è stata "sì". Quindi dopo un momento l'audio finisce. Fin qui tutto bene.

Sullo schermo del computer, ti vengono poste domande su come hai percepito lo stile dell'intervista dell'assistente di ricerca. Ti viene anche chiesto di: (1) valutare quanto sia simile la tua personalità a quella dell'intervistato n. 49; (2) se provi un senso di identità condiviso con Interviewee n. 49; e (3) se si condividono attributi simili con lui o lei. Lo schermo del computer ti informa che l'investigatore sta cercando altri partecipanti per un altro studio che deve concludersi in pochi giorni. Saresti disposto a partecipare immediatamente dopo questo studio?

Come pensi che risponderesti? Se sei come i partecipanti allo studio, diresti di sì. (Al contrario, se fossi stato nel gruppo di controllo – senza EEG e senza menzione di somiglianza con l'intervistato n. 49 – avresti meno probabilità di accettare di partecipare allo studio aggiuntivo).

Okay, è ora di fare il punto dopo aver terminato l'esperimento: a tua insaputa, le tue onde cerebrali non sono state misurate mentre eri collegato alla macchina EEG. Quello che hai visto era un EEG pre-registrato. Quindi, quando hai visto il "tuo" modello di brainwave sovrapposto a quello dell'intervistato n. 49, non era il tuo modello e l'indice di similarità del cervello non era basato sui tuoi dati. La ragione di tutto lo sforzo per gli EEG e l'indice di similarità è stato cercare di indurti a provare un senso di identità condivisa o di affinità con l'intervista n. 49. [10] Questa procedura di indice EEG / similitudine ha avuto successo nel guidare i partecipanti a provare un senso di somiglianza – di quello che gli investigatori chiamavano identità condivisa – con l'intervista n. 49.

Sentirsi parlare dell'elevato indice di somiglianza cerebrale (che poteva ragionevolmente essere considerato un possibile indicatore di somiglianza genetica) ha portato i partecipanti al gruppo sperimentale a ritenere che avessero caratteristiche di personalità simili all'intervistato n. 49, nonostante non sapessero molto su di lui o lei. [11] Il messaggio da portare a casa da questo studio è che, in sostanza, quando ci sentiamo simili a un'altra persona, a prescindere dagli attributi che deduciamo dal suo comportamento, è probabile che ci dedichiamo a noi stessi (e quindi è probabile che ci comportiamo allo stesso modo in futuro.)

* * * * *

Ma cosa ha a che fare questo studio con Wolverine? Ecco cosa: In primo luogo, per comprendere se stesso, Wolverine guarda le sue azioni e attributi (vedi Tabella 2, colonna di sinistra): gli artigli, la sua prontezza a combattere, i suoi poteri di guarigione e deduce alcune caratteristiche di se stesso. Sa che è "diverso" dagli altri e che dovrebbe cercare di nasconderlo. Il modo più sicuro per agire è quello di tenere per sé, tenere la testa bassa (per così dire), e sperare che i suoi ricordi tornino o trovare un modo per costruire una vita andando avanti senza ricordi.

Poi un giorno incontra altre persone che sono anche diverse. Non esattamente nel modo in cui lui è – non hanno artigli o apparenti poteri curativi – ma sono comunque diversi dalla tua corsa del mulino umano. Riconosce che se è un mostro, non è il solo.

Come li incontra? Torniamo al primo film degli X-Men : subito dopo il combattimento in gabbia che ho descritto, Wolverine incontra un giovane mutante, Rogue, ha visto spuntare gli artigli di Logan quando è stato minacciato nel bar, quindi si nasconde dietro del suo camioncino. La scopre e la lascia cavalcare con lui dopo che lei spiega che anche lei è "diversa" dalle altre persone. Prima che la loro conversazione possa andare molto oltre, però, il malvagio mutante Sabretooth induce il camioncino di Logan a lasciare la strada. Rogue e Logan sono inizialmente incoscienti e finiscono per essere salvati dagli X-Men. Lui e Rogue vengono portati alla Scuola per bambini dotati del Professor X (anche il quartier generale degli X-Men). Il Professor X, il capo dei "buoni" mutanti, spiega la loro missione a Logan e lo invita a unirsi a loro: per difendere i diritti dei mutanti e per una pacifica coesistenza con gli umani, e per proteggere gli umani da mutanti nefati (che potrebbero unirsi per il male o le azioni vili). Wolverine accetta l'invito. Perché? Diamo un'occhiata più da vicino al motivo per cui Wolverine potrebbe buttare la sua sorte in questa banda di mutanti.

Uniti siamo in piedi

Applichiamo i risultati dello studio Goldstein e Cialdini a Wolverine per capire come unirsi agli X-Men aiuta Wolverine a costruire un senso di chi è, o chi deve essere. Immaginiamo cosa vede Wolverine quando osserva il Professor X e gli X-Men. Vede le persone che sono come lui: persone che sono "diverse" – persone con superabilità o poteri, e che non hanno paura della violenza, o almeno non lasciano che la loro paura li scoraggi.

Quando Wolverine incontra questi altri mutanti, in sostanza è come il partecipante dello studio di Goldstein e Cialdini a cui viene detto del punteggio indice di somiglianza di 93. Vedere altri mutanti [12] proprio lì davanti a lui, in azione – non può aiuta a identificare ma con loro, a provare un senso di identità condivisa (strana). E una volta che si identifica con loro, è un piccolo salto per lui per testimoniare i loro comportamenti volontari e quindi inferire attributi su di loro in base a tali comportamenti.

Quali attribuzioni è probabile che crei? Dopo aver osservato che si sono uniti per un diritto causa-mutante più un'esistenza pacifica con (e proteggendo) gli umani, dedurrà che questa banda di mutanti è altruista. I motivi degli X-Men sono puri e sono persone decenti. Non combattono le persone a meno che non debbano farlo e non usano i loro poteri gratuitamente. E poiché si identifica con loro, Wolverine attribuisce a se stesso queste stesse caratteristiche : "Sono dei mostri come me. Sono persone decenti, ben intenzionate, altruiste che usano i loro poteri per il bene, quindi anch'io devo essere quel tipo di persona ". E diventa questo tipo di persona. Combatte la buona battaglia; combatte disinteressatamente al loro fianco ed è estremamente leale. [13]

Che fortuna che siano stati gli X-Men incontrati da Wolverine dopo aver sviluppato l'amnesia, e non il cattivo, Magneto e la sua Brotherhood of Mutants (una banda di mutanti che si considerano superiori agli umani, e quindi cercano di dominarci) . Se Logan si era imbattuto per la prima volta nella Confraternita dei Mutanti e lo avevano invitato a unirsi ai loro ranghi, Wolverine avrebbe potuto sviluppare un'identità condivisa con questi mutanti e diventare una persona diversa!

Copyright 2013 Robin S. Rosenberg. Tutti i diritti riservati. Robin S. Rosenberg è uno psicologo clinico. Il suo sito web è DrRobinRosenberg.com. Il suo libro più recente è Our Superheroes, Our Ourselves.

[1] In questo contesto, un mutante è un tipo di uomo che ha una capacità o un potere più o meno diverso di quello umano causato da una mutazione genetica.

[2] Questo era in origine un termine nordico usato per descrivere l'esperienza di soldati che si immergono così tanto nel calore della battaglia che combattono come animali, falciando indiscriminatamente amici e nemici.

[3] Nonostante combatte valorosamente contro Hulk, Wolverine subisce un duro colpo, tanto che Hulk pensa che Wolverine sia morto. Qualche tempo dopo che Hulk si allontanò, l'abilità di guarigione di Wolverine gli permise di combattere un altro giorno.

[4] Generalmente userò il tempo presente per descrivere l'amnesia di Wolverine; tuttavia, nelle storie dei fumetti, Wolverine ha "recuperato" i suoi ricordi.

[5] Userò il film di X-Men piuttosto che i fumetti per discutere l'amnesia e la teoria dell'auto-percezione di Wolverine perché le varie storie a fumetti hanno lunghe, complesse, contorte e talvolta contraddittorie rappresentazioni dell'amnesia di Logan, veri ricordi, e impiantato falsi ricordi.

[6] Non dimentichiamolo: si ritrova in Canada; un forte giocatore di hockey con incredibili abilità di guarigione sarebbe un vantaggio decisivo.

[7] Senza una radiografia o altra scansione delle ossa del suo corpo, non c'è modo per Wolverine di sapere che il suo scheletro è stato infuso con adamantio. Una volta che apprende del suo scheletro, non sa ancora se è nato o fatto in quel modo. Naturalmente, noi lettori possiamo ipotizzare che uno scheletro di metallo così indistruttibile debba essere stato fatto a lui, e fatto dopo la pubertà. Altrimenti come potrebbe crescere il piccolo Wolvie?

[8] I fan di Wolverine conoscono questa risposta: entrambi!

[9] Per quelli di voi che hanno familiarità con il metodo scientifico, siete nel gruppo sperimentale ; il gruppo di controllo non ha EEG fatto e non vengono effettuati confronti tra i partecipanti al gruppo di controllo e l'intervistato n. 49. In tutti gli altri aspetti, i partecipanti al gruppo di controllo ricevono la stessa procedura che tu fai.

[10] In una variante di questo studio, i partecipanti hanno letto la trascrizione di un'intervista e non è stata fatta menzione di EEG o modelli di onde cerebrali. Piuttosto, a alcuni partecipanti è stato chiesto semplicemente di prendere la prospettiva – i pensieri e le sensazioni – della persona intervistata, di immaginare se stessi nei panni dell'intervistato n. 49. Agli altri partecipanti (il gruppo di controllo) è stato chiesto di leggere la trascrizione, senza la richiesta di mettersi nei panni dell'intervistato. I risultati di questo studio erano simili a quelli dell'EEG: quando il partecipante percepiva un certo tipo di identità condivisa con l'intervistato (in questo caso, per prendere la prospettiva dell'intervistato), era più probabile che accettasse di fare volontariato per aiutare il ricercatore con uno studio successivo.

[11] L'intervistato n. 49 era sempre lo stesso sesso di quello del partecipante.

[12] Anche se Wolverine non è sicuro se le sue abilità speciali derivano da geni mutanti o da progressi biotecnologici, sentirà comunque un senso di identità condivisa con i mutanti dato che ognuno di loro è un mostro in un modo o nell'altro.

[13] Ovviamente Wolverine lascia gli X-Men per avventure da solista; dato che ci sono quattro serie mensili di fumetti in cui è descritto, avrebbe dovuto! Nondimeno, il resto degli X-Men diventa la famiglia di Wolverine e, come con l'essere un membro di una famiglia, a volte vuoi essere fuori da solo.

[i] Bem, DJ (1967). Autopercezione: un'interpretazione alternativa dei fenomeni di dissonanza cognitiva. Rassegna psicologica , 74 , 183-200.

[ii] Goldstein, NJ e Cialdini, RB (2007). L'auto spyglass: un modello di auto-percezione perverso. Journal of Personality and Social Psychology , 92 , 402-417.

Solutions Collecting From Web of "La psicologia di Wolverine"