La psicologia di un campione

Athena LeTrelle/Flickr
Fonte: Athena LeTrelle / Flickr

Ci sono tanti motivi per amare il grande. Se sei un appassionato di tennis, ce ne sono ancora di più. Negli ultimi 10 anni, Federer è stato responsabile di alcuni dei momenti più memorabili che lo sport del tennis abbia mai visto. La maggior parte degli appassionati ha avuto almeno un'esperienza semi-religiosa mentre guardava Federer. Quando ha fatto qualcosa di ridicolo in campo e sei diventato catatonico per un momento, meravigliato del suo genio.

I suoi successi nel tennis sono sorprendenti, e probabilmente oltre il parallelo. La sua carriera in bobina è piena di statistiche sbalorditive. Eccone alcuni che considero semplicemente, beh, pazzi:

* Ha trascorso un totale di 302 settimane al primo posto nel mondo e ha vinto 17 Grand Slams. Diciassette. Ciò che rende questo traguardo così impressionante è che l'ha fatto in un'era in cui due dei più grandi giocatori hanno mai tirato il fiato: Nadal (14 colpi) e Djokovic (10 colpi). Siamo in un'età dell'oro del tennis e dovremmo godercelo finché dura. Sia Sampras che Agassi erano incredibili, ma nessuna delle loro carriere si sovrappose così tanto con l'ascesa di Federer. Si potrebbe sostenere che in assenza di Rafa o Djoker, il numero 17 sarebbe un marchio da tempo superato, ma questo tipo di aggiustamenti retrospettivi è molto difficile da fare.

* Detiene facilmente i record di tutti i tempi per la maggior parte delle apparizioni consecutive del Grande Slam (64), quarti di finale (36), semifinali (23) e finali (10). Arriva anche al secondo posto per l'ultimo, con un'altra serie di otto finali consecutive. Il suo difetto solitario è nelle vittorie del titolo: il miglior run che ha messo insieme è tre (ha fatto questo due volte). In questa metrica arriva al terzo di tutti i tempi, dietro a Rod Laver (4) e Don Budge (6).

* È coerente. Ha giocato negli ultimi 64 Grand Slam. È del tutto possibile che questo numero aumenti in modo giusto prima della fine della sua carriera. Inoltre, ha vinto almeno un torneo all'anno, negli ultimi 15 anni (in media circa 5,7 ogni anno!) Non molte persone possono dire di aver legato insieme 106 punti SENZA errore forzato, né Federer. .

Certo che è stato malato e ferito, ma Federer non si è mai, mai, mai ritirato da una partita. Mai. "Ma che mi dici di quella volta …" – No, mai.

Per quanto stupefacenti siano tutte queste imprese, e mi piacerebbe vedere un argomento statistico per chiunque altro (a parte forse Rod Laver) sia un tennista più esperto, ci sono più strati nell'aura mistica che circonda Federer. Ma Federer è tutt'altro che perfetto. Come un adolescente in fiore era impetuoso e talvolta decisamente brusco in campo. Distruggerebbe facilmente le racchette e diventerebbe polemico con breve preavviso. La sua lingua (e la sua indole) spesso lo mettevano nei guai.

Al di là di tutto ciò è la psicologia di un campione. In questi giorni Federer è imperturbabile in campo. Per essere onesti, la maggior parte degli altri ragazzi è troppo, e questa potrebbe essere solo una proiezione verso l'esterno per le telecamere e i fan del cortile. Tuttavia, nelle interviste con la stampa è misurato e calmo, e dopo esiti deludenti (punti, partite) sembra essere in grado di andare avanti e di rifocalizzarsi con una velocità e una risoluzione invidiabili.

Poche persone sostengono l'idea che la resilienza psicologica sia più o meno essenziale per la grandezza sportiva. La capacità di resistere allo stress e gestire efficacemente la pressione sono requisiti aggiuntivi per prestazioni sportive ottimali. Federer ha vinto una lotteria genetica. La sua notevole coordinazione occhio-mano e consapevolezza cinestetica probabilmente lo collocano tra i primi 1 per cento degli atleti professionisti, in assoluto, ma questi doni da soli non possono spiegare la sua grandezza.

Sì, scivola sul campo da tennis con grazia ed eleganza ineguagliabili. La fluidità della sua racchetta, la sua abile maneggevolezza e la sua facilità di movimento sono esteticamente piacevoli da guardare. Ma forse perché è considerato da molti uno degli atleti più "bancabili" del mondo è perché è così simpatico. È stato con lo stesso partner per 15 anni (Miroslave 'Mirka' Federer) e ha avuto due serie di gemelli con lei. I padri di quattro sono pochi e distanti tra tutti gli sport professionistici.

All'età di 34 anni si potrebbe pensare che Federer sarebbe stato ben oltre il suo apice e si stava preparando ad allentare la relativa oscurità. Probabilmente ha colpito la sua carriera più di 10 anni fa (dal 2004 al 2007 ha collezionato 11 titoli del Grande Slam), ma è ancora uno dei (se non i) più importanti giocatori del tour ATP. Con il "grigiore" del tennis maschile, è abbastanza probabile che non si ritirerà presto.

Per saperne di più da questo autore, visita www.thelovereport.com.

Solutions Collecting From Web of "La psicologia di un campione"