La psicologia dell'umiliazione

Wikicommons
Fonte: Wikicommons

Imbarazzo, vergogna, senso di colpa e umiliazione implicano tutti l'esistenza di sistemi di valori. Mentre la vergogna e il senso di colpa sono principalmente il risultato dell'auto-valutazione, l'imbarazzo e l'umiliazione sono principalmente il risultato di una valutazione da parte di uno o molti altri, anche se solo nel pensiero o nell'immaginazione. (Vedi il mio articolo sull'imbarazzo, la vergogna e il senso di colpa qui.)

Un importante rispetto in cui l'umiliazione è diversa dall'imbarazzo è che, mentre portiamo imbarazzo a noi stessi, l'umiliazione è qualcosa che viene portato su di noi dagli altri. Tommy confida al suo insegnante che non ha fatto i compiti. Sente imbarazzo. L'insegnante lo rivela a tutta la classe. Ora sente ancora più imbarazzo. L'insegnante lo fa sedere di fronte in un angolo, provocando il riso dei suoi compagni di classe. Questa volta, sente umiliazione. Se l'insegnante avesse tranquillamente dato a Tommy un voto F, si sarebbe sentito non umiliato ma offeso. L'offesa è principalmente cognitiva, a che fare con le credenze ei valori contrastanti, mentre l'umiliazione è molto più viscerale ed esistenziale.

Un altro punto di differenza tra l'umiliazione e l'imbarazzo è che l'umiliazione si fa più profonda. L'umiliazione è traumatica e spesso messa a tacere, mentre l'imbarazzo, dato abbastanza tempo, può essere sublimato in un aneddoto divertente. Più fondamentalmente, l'umiliazione comporta l'abbassamento dell'orgoglio e della dignità, e con esso la perdita dello status e della posizione. La radice latina di "umiliazione" è "humus", che si traduce come "terra" o "terra". Facciamo tutti delle affermazioni sullo stato, per quanto modeste possano essere, ad esempio: "Sono un insegnante competente", "Sono una buona madre" o "Sono un amato coniuge". Quando siamo semplicemente imbarazzati, le nostre affermazioni sullo status non sono compromesse, o se lo sono, sono facilmente recuperabili. Ma quando siamo umiliati, le nostre rivendicazioni di status non possono essere recuperate così facilmente perché, in questo caso, è stata messa in discussione la nostra stessa autorità di affermare lo stato. Le persone che sono in procinto di essere umiliate di solito sono lasciate stupite e senza parole e, più di questo, senza voce. Quando critichi le persone, specialmente le persone con bassa autostima, dobbiamo stare attenti a non attaccare la loro autorità per fare affermazioni sullo stato che fanno.

In breve, l'umiliazione è l'insuccesso pubblico delle rivendicazioni di status. Il loro fallimento privato non equivale all'umiliazione, ma alla dolorosa autorealizzazione. Episodi potenzialmente umilianti dovrebbero essere mantenuti il ​​più privati ​​possibile. Essere respinti da un segreto interesse amoroso può essere schiacciante, ma non è umiliante. D'altra parte, essere casualmente traditi dal proprio coniuge e questo diventare conoscenza pubblica o anche generale, come è successo a Anne Sinclair con Dominique Strauss-Kahn, è altamente umiliante. Nota che l'umiliazione non deve essere accompagnata dalla vergogna. Ad esempio, Gesù può essere stato crocifisso e quindi umiliato, ma sicuramente non ha provato vergogna. Le persone altamente sicure o sicure di sé che credono di essere nel giusto raramente provano vergogna per la loro umiliazione.

Proprio come la crocifissione di Gesù ha lasciato le stimmate, così l'umiliazione sta stigmatizzando. Le persone che sono state umiliate portano il marchio della loro umiliazione, e sono pensate e ricordate dalla loro umiliazione. In un senso molto reale, diventano la loro umiliazione. Dopo tutto, chi è Dominique Strauss-Kahn oggi? È ricordato molto più per la sua umiliazione che per essere stato un importante politico francese o il direttore del Fondo monetario internazionale.

Umiliare qualcuno significa affermare il potere su di lui negando e distruggendo le sue affermazioni sullo status. Fino ad oggi, l'umiliazione rimane una forma comune di punizione, abuso e oppressione; al contrario, il terrore dell'umiliazione è un forte deterrente contro il crimine. La storia ha escogitato molte forme di umilianti punizioni di massa. L'ultimo uso registrato in Inghilterra della gogna risale al 1830, e delle scorte al 1872. Le vittime e le scorte immobilizzarono le vittime in una posizione scomoda e degradante mentre le persone si riunivano eccitate per provocarle, stuzzicarle e abusarne. Tarar e piumaggio, usati nell'Europa feudale e nelle sue colonie all'inizio dell'età moderna, prevedevano di coprire le vittime con catrame e piume calde prima di sfilarle su un carro o una rotaia di legno.

L'umiliazione rituale nelle società tradizionali può servire a far rispettare un particolare ordine sociale, o, come anche con i rituali velenosi, per sottolineare che il gruppo ha la precedenza sui suoi singoli membri. Molte società tribali presentano complessi riti di iniziazione progettati per disinnescare la minaccia rappresentata da giovani uomini in forma e fertili alla gerontocrazia maschile. Questi riti includono spesso la circoncisione dolorosa e sanguinante, che è, ovviamente, il simbolo della castrazione.

Nelle società gerarchiche, le élite fanno di tutto per proteggere e sostenere il loro onore e la loro reputazione, mentre gli ordini comuni si sottomettono a gradi di degradazione prescritti. Quando una società diventa più egualitaria, un'umiliazione così istituzionalizzata è sempre più risentita e resuscitata, il che può dar luogo a violente esplosioni e persino a una vera e propria rivoluzione. Poiché le élite vivono per il loro onore e perché incarnano il loro popolo e la loro cultura, la loro umiliazione può essere particolarmente toccante ed emblematica.

All'inizio del 260, dopo aver subito la sconfitta nella battaglia di Edessa, l'imperatore romano Valerian organizzò un incontro con Shapur I il Grande, shahanshah ("re dei re") dell'Impero sasanide. Shapur tradì la tregua e afferrò Valerian, tenendolo prigioniero per il resto della sua vita. Secondo alcuni resoconti, come quello del primo autore cristiano Lattanzio, Shapur usò Valeriano come poggiapiedi umano quando montava il suo cavallo. Quando Valeriano offrì a Shapur un enorme riscatto per la sua liberazione, fu ucciso o scorticato vivo o costretto a inghiottire oro fuso. Il suo corpo fu poi scuoiato e la pelle riempita di paglia e mostrata come trofeo.

Nel gennaio del 1077 Enrico IV, imperatore del Sacro Romano Impero, si recò nel castello di Canossa a Reggio Emilia, nel nord Italia, per ottenere la revoca della sua scomunica da papa Gregorio VII. Prima di concedere a Henry la revoca, Gregory lo fece aspettare fuori dal castello in ginocchio per tre giorni e tre notti. Secoli dopo, il cancelliere dell'Impero tedesco Otto von Bismarck coniò l'espressione "andare a Canossa", che significa "presentarsi volentieri all'umiliazione".

L'umiliazione non deve comportare un atto di violenza o coercizione. Una persona può essere prontamente umiliata con mezzi più passivi come essere ignorati o trascurati, dati per scontati o negati un certo diritto o privilegio. Può anche essere umiliato dall'essere rifiutato, abbandonato, maltrattato, tradito o usato come mezzo per arrivare piuttosto che come fine a se stesso. Il filosofo Immanuel Kant ha sostenuto che, in virtù del loro libero arbitrio, gli esseri umani sono fini a se stessi, con una dimensione morale che li investe con dignità e il diritto di ricevere un trattamento etico. Umiliare qualcuno, cioè trattarlo come qualcosa di meno che un fine a se stesso, è quindi negarlo della sua stessa umanità.

L'umiliazione può colpire chiunque in qualsiasi momento. Chris Huhne, il ministro britannico per l'energia e il cambiamento climatico dal 2010 al 2012, era stato a lungo pubblicizzato come potenziale leader del Partito Liberal Democratico. Tuttavia, nel febbraio 2012 è stato accusato di pervertire il corso della giustizia in un caso di eccesso di velocità del 2003. La sua ex-moglie, decisa a estorcere vendetta per l'affare che aveva concluso il loro matrimonio, dichiarò pubblicamente che l'aveva costretta ad accettare i punti di penalità della licenza per suo conto. Huhne prontamente si dimise dal governo ma rifiutò fermamente l'accusa. Quando il processo è iniziato a febbraio 2013, ha inaspettatamente cambiato la sua dichiarazione di colpevolezza, ha rassegnato le dimissioni da membro del Parlamento e ha lasciato il Consiglio Privato. Alla fine di questa triste saga, aveva barattato un posto nel gabinetto per un materasso in una cella di prigione. Ogni svolta della sua rovina era stata raccontata dai media, che arrivavano a pubblicare messaggi di testo altamente personali tra lui e il figlio, allora diciottenne, che mettevano a nudo la loro relazione irritabile. In una video dichiarazione per la campagna elettorale dei leader del Partito Liberal Democratico del 2007, Huhne aveva affermato: "I rapporti, in particolare quelli familiari, sono in realtà le cose più importanti per rendere felici e soddisfatti gli uomini". La sua umiliazione non poteva essere più completa.

Quando siamo umiliati, possiamo quasi sentire il nostro cuore avvizzire. Per molti mesi, a volte per molti anni, potremmo essere preoccupati o ossessionati dalla nostra umiliazione e dai suoi agenti o perpetratori reali o immaginari. Possiamo reagire con rabbia, fantasie di vendetta, sadismo, delinquenza o terrorismo, tra gli altri. Potremmo anche interiorizzare il trauma, portando a paura e ansia, flashback, incubi, insonnia, sospetto e paranoia, isolamento sociale, apatia, depressione e ideazione suicidaria. L'umiliazione severa può essere vista come un destino peggiore della morte in quanto distrugge la nostra reputazione così come la nostra vita, mentre la morte distrugge semplicemente la nostra vita. Per questo motivo, i detenuti che hanno subito gravi umiliazioni vengono sistematicamente posti di guardia al suicidio.

È nella natura dell'umiliazione che mina la capacità della vittima di difendersi dal suo aggressore. In ogni caso, la rabbia, la violenza e la vendetta sono risposte inefficaci all'umiliazione perché non fanno nulla per invertire o riparare il danno che è stato fatto. La vittima deve trovare la forza e l'autostima per venire a patti con la sua umiliazione, o, se ciò si rivela troppo difficile, abbandonare la vita che ha costruito nella speranza di ricominciare da capo.

Ho notato che, in tutto questo capitolo, ho scelto inconsciamente di riferirsi all'umiliazione come a una "vittima". Questo suggerisce che umiliare qualcuno, anche un criminale, è raramente, se mai, una risposta proporzionata o giustificata.

Cosa ne pensi?

Neel Burton è autore di Heaven and Hell: The Psychology of the Emotions e altri libri.

Trova Neel Burton su Twitter e Facebook

Neel Burton
Fonte: Neel Burton

Solutions Collecting From Web of "La psicologia dell'umiliazione"