La psicologia dell'odio

DrimaFilm/Shutterstock
Fonte: DrimaFilm / Shutterstock

Recentemente, diversi membri di un gruppo che si fa chiamare "Respect the Flag" sono stati condannati al carcere per terrorizzare gli ospiti alla festa di compleanno di una ragazza afroamericana di 8 anni in Georgia. Puntando un fucile, hanno urlato insulti razzisti e minacce di morte agli ospiti, compresi i bambini.

Non è stato un incidente isolato. Secondo un recente studio, ci sono almeno 917 gruppi di odio organizzati negli Stati Uniti. Lo studio, basato sui dati raccolti dal Southern Poverty Law Center (SPLC) e presentato nel loro censimento annuale dei gruppi di odio, ha esaminato la presenza di gruppi di odio su Twitter. SPLC ha rilevato che il numero di Mi piace e commenti sui conti dei gruppi di incitamento all'odio è cresciuto del 900% negli ultimi due anni.

Perché odiamo? Le ragioni sono complesse, ma i seguenti sono alcuni dei fattori che possono avere un ruolo nell'aiutarci a capire l'odio e, si spera, a lavorare per il cambiamento.

La paura di "L'altro"

Secondo AJ Marsden, assistente professore di psicologia e servizi umani al Beacon College di Leesburg, in Florida, una ragione che odiamo è perché temiamo cose che sono diverse da noi.

Patrick Wanis, ricercatore comportamentale, cita la teoria del gruppo esterno al gruppo, che postula che quando ci sentiamo minacciati da estranei percepiti, ci rivolgiamo istintivamente verso il nostro gruppo, quelli con cui identifichiamo, come meccanismo di sopravvivenza. Wanis spiega: "L'odio è guidato da due emozioni chiave di amore e aggressività: un amore per il gruppo in-il gruppo che è favorito; e due, aggressione per l'out-group: il gruppo che è stato considerato diverso, pericoloso e una minaccia per il gruppo. "

Paura di noi stessi

Secondo Washington, DC, la psicologa clinica Dana Harron, le cose che la gente odia degli altri sono le cose che temono dentro di sé. Suggerisce di pensare al gruppo o alla persona presa come schermo cinematografico sul quale proiettiamo parti indesiderate del sé. L'idea è: " Non sono terribile; tu sei.

Questo fenomeno è noto come proiezione, un termine coniato da Freud per descrivere la nostra tendenza a rifiutare ciò che non ci piace di noi stessi. Lo psicologo Brad Reedy descrive ulteriormente la proiezione come il nostro bisogno di essere buoni, il che ci porta a proiettare la "cattiveria" verso l'esterno e ad attaccarla:

"Abbiamo sviluppato questo metodo per sopravvivere, poiché qualsiasi" cattiveria "in noi ci mette a rischio di essere rifiutati e soli. Così abbiamo represso le cose che pensavamo fossero cattive (quello che altri ci hanno detto o suggerito che fosse inamabile e moralmente riprovevole) – e impieghiamo odio e giudizio nei confronti degli altri. Pensiamo che sia così che ci si sbarazza di tratti indesiderabili, ma questo metodo perpetua solo la repressione che porta a molti problemi di salute mentale.

Mancanza di auto-compassione

L'antidoto all'odio è la compassione – per gli altri come per noi stessi. Auto-compassione significa che accettiamo l'intero sé. "Se troviamo una parte di noi inaccettabile, tendiamo ad attaccare gli altri per difenderci dalla minaccia", dice Reedy. "Se stiamo bene con noi stessi, vediamo i comportamenti degli altri come 'su di loro' e possiamo rispondere con compassione. Se nutro odio nel mio cuore per [un altro], anch'io dovrei odiare me stesso. È solo quando impariamo a mantenerci con compassione che possiamo essere in grado di dimostrarlo verso gli altri ".

Riempie un vuoto

Lo psicologo Bernard Golden, autore di Overcoming Destructive Anger: Strategies That Work , ritiene che quando l'odio implica la partecipazione a un gruppo, può aiutare a promuovere un senso di connessione e di cameratismo che riempie un vuoto nella propria identità. Descrive l'odio di individui o gruppi come un modo per distrarsi dal compito più stimolante e ansiogeno di creare la propria identità:

"Gli atti di odio sono tentativi di distrarsi da sentimenti come impotenza, impotenza, ingiustizia, inadeguatezza e vergogna. L'odio è fondato su un certo senso di minaccia percepita. È un atteggiamento che può generare ostilità e aggressività verso individui o gruppi. Come gran parte della rabbia, è una reazione e una distrazione da qualche forma di dolore interiore. L'individuo consumato dall'odio può credere che l'unico modo per riguadagnare il senso del potere sul suo dolore sia quello di colpire preventivamente gli altri. In questo contesto, ogni istante di odio è un sollievo temporaneo dalla sofferenza interiore ".

Fattori societali e culturali

La risposta al perché odiamo, secondo Silvia Dutchevici, LCSW, presidente e fondatrice del Centro di terapia critica, risiede non solo nella nostra composizione psicologica o nella storia familiare, ma anche nella nostra storia culturale e politica. "Viviamo in una cultura di guerra che promuove la violenza, in cui la competizione è uno stile di vita", dice. "Temiamo il collegamento perché ci richiede di rivelare qualcosa su noi stessi. Ci viene insegnato ad odiare il nemico – cioè a chiunque diverso da noi – che lascia poco spazio alla vulnerabilità e un'esplorazione dell'odio attraverso il discorso e la comprensione empatici. Nella nostra società attuale, uno è più pronto a combattere che a risolvere il conflitto. La pace è raramente l'opzione. "

Cosa possiamo fare?

L'odio deve essere imparato, Golden dice: "Siamo tutti nati con la capacità di aggressione e compassione. Quali tendenze abbracciamo richiede scelte consapevoli da parte di individui, famiglie, comunità e la nostra cultura in generale. La chiave per superare l'odio è l'educazione: a casa, a scuola e nella comunità ".

Secondo Dutchevici, affrontare la paura di essere vulnerabili e completamente umani è ciò che ci permette di connetterci, sentire e, in definitiva, amare. Suggerisce di creare "crepe nel sistema". Queste crepe possono essere semplici come connettersi al tuo vicino, parlare con un amico, iniziare una protesta, o anche andare in terapia e connettersi con un "Altro". È attraverso questi atti che si può capire l'odio e l'amore ".

In altre parole, la compassione verso gli altri è il vero contesto che guarisce.

La SPLC incoraggia chiunque sia testimone di un crimine di odio – incluse molestie o intimidazioni odiose – a riferire prima l'incidente alle autorità locali, quindi andare alla pagina di assunzione #ReportHate di SPLC per continuare lo sforzo di tracciare l'odio nel paese.

Solutions Collecting From Web of "La psicologia dell'odio"