La psicologia della psicofarmacologia

Dopo aver letto il recente post dello psichiatra Peter Kramer, "Il (modesto) futuro della psicofarmacologia", vorrei aggiungere alcuni dei miei pensieri su questo argomento come uno psicologo clinico e forense praticante. Il Dr. Kramer fa un punto importante: la psicofarmacologia richiede molto più della semplice prescrizione di pillole. I farmaci psichiatrici occupano un posto predominante nella psicoterapia contemporanea. Troppo predominante, come concede lo stesso Kramer. Questo è il motivo per cui sono d'accordo sul fatto che dobbiamo eliminare la psicofarmacologia dal suo piedistallo e riconoscerla come modalità di trattamento aggiuntivo più che primaria. O come dice lui, ridurre la psicofarmacologia a un "costituente della psicoterapia".

Come indica il Dr. Kramer, esiste una psicologia psicofarmacologica complessa e sottile. Anche per quelli di noi che non prescrivono direttamente farmaci psicotropi ai nostri pazienti, le implicazioni psicologiche e filosofiche, le ramificazioni e le conseguenze del loro uso (o meno) possono essere chiaramente viste nel processo di psicoterapia. Per cominciare, ci sono queste domande fondamentali: chi è in definitiva responsabile del nostro comportamento, delle nostre scelte, dei nostri impulsi, dei nostri sé? Siamo noi o è la nostra chimica del cervello? La neurobiologia aberrante influenza la psicologia o la psicologia aberrante influenza la neurobiologia? La biochimica può essere separata dal sé o dalla psiche? Credo che Peter Kramer affronti almeno quest'ultimo argomento nel suo popolare libro Listening to Prozac .

Molti pazienti rifiutano in modo riflessivo di assumere farmaci psichiatrici perché credono che dovrebbero essere in grado di gestire la propria vita senza di essa. Il bisogno di supporto biochimico è visto come debolezza. È semplicemente ciò che Ellis o Beck chiamano "distorsione cognitiva" o "credenza irrazionale"? O quali psicoanalisti potrebbero definire una "resistenza" negativistica al trattamento? O negare categoricamente? O a volte è una reticenza sana e naturale? I pazienti spesso temono la dipendenza da farmaci psichiatrici. Il problema dell'ansia è un buon esempio. Come trattiamo clinicamente l'ansia? Tutta l'ansia è patologica? Quanta ansia deve tollerare prima di cercare sollievo farmaceutico? A che punto "normale", l'ansia esistenziale diventa distruttiva, debilitante e patologica – come, ad esempio, nel disturbo di panico – che richiede la soppressione farmaceutica? Una volta che introduciamo farmaci antidepressivi e / o ansiolitici per sopprimere l'ansia, dove finirà? I pazienti diventeranno fisiologicamente e / o psicologicamente dipendenti da queste sostanze e, quindi, da coloro che li prescriveranno? Potrebbe essere più utile, ad esempio, educare i pazienti sull'ansia e sulla sua inevitabilità esistenziale, insegnandoli a tollerarli, a spostarli ea gestirli non farmacologicamente quando possibile?

Che ne dici di rabbia? Siamo troppo ansiosi di sopprimere la rabbia con sedativi farmaci antipsicotici, stabilizzatori dell'umore o antidepressivi? La rabbia è un'emozione umana naturale e, a volte, una risposta appropriata e necessaria alle sfide e agli ostacoli ineludibili della vita. A volte abbiamo bisogno di essere arrabbiati o indignati, ed è l' incapacità di reagire rabbiosamente, assertivamente o aggressivamente quando richiesto che sia patologico. A che punto abbattere la rabbia farmaceuticamente? E a quale prezzo? Chiaramente, quando la rabbia o la rabbia diventano incontrollabili, con conseguente comportamento distruttivo, può essere richiesto un intervento biochimico. Ma una volta soppressa, dov'è finita la rabbia del paziente? Questo smembramento farmacologico di rabbia potrebbe provocare un'eruzione ancora più violenta di rabbia? La paziente irritabile, risentita o arrabbiata ha imparato a gestire in modo più costruttivo la frustrazione e l'aggressività, o semplicemente a dipendere dalle droghe per smorzare e controllare tali impulsi? E quale effetto esercita biochimicamente la rabbia repressiva sulla motivazione, la vitalità e la creatività?

La farmacoterapia dei disturbi psicotici e bipolari è essenziale e spesso salva la vita. I sintomi possono essere controllati e il funzionamento stabile viene ripristinato in molti casi. Ma anche in questi stati mentali gravemente devastanti e pericolosi che derivano, ancora piuttosto debitamente, da un presunto "squilibrio biochimico" (vedi Kramer) o "cervello rotto", la psicoterapia specializzata può e deve diventare una parte centrale del trattamento. L'eccessiva dipendenza dai farmaci da sola è insufficiente. Nel trattare tali disturbi intrattabili, comprese le dipendenze, la corretta combinazione di psicofarmacologia e psicoterapia può essere fondamentale nel recupero: un delicato equilibrio tra incoraggiare i pazienti ad affrontare piuttosto che fuggire dai loro demoni – rabbia, ansia, tristezza, solitudine – pur non essendo posseduti in modo distruttivo o superato da loro.

Che dire dell'uso pervasivo degli SSRI e di altri farmaci per curare la depressione? Sì, gli antidepressivi funzionano (vedi Kramer) – più o meno, anche se non per tutti. Possono migliorare i sintomi depressivi come disturbi del sonno e dell'appetito, ansia, avidità, anedonia o suicidio e possono elevare o stabilizzare l'umore. Possono fornire ai pazienti più energia per affrontare i loro problemi. Questi sono benefici inestimabili. Ma gli antidepressivi non sono una panacea. A volte, come con tutte le medicine, ci sono effetti collaterali indesiderati. I farmaci non possono cambiare le circostanze stressanti del paziente. Né la neurochimica può esorcizzare i suoi demoni interiori. Ecco perché i pazienti depressi hanno anche bisogno di psicoterapia di supporto per aiutarli ad andare avanti nella vita, nonostante il loro scoraggiamento, dubbi su se stessi, insicurezze e paure. Quando i pazienti vengono percepiti e trattati come vittime indifese e passive della propria biologia, sia dalla psichiatria che da altre cure mediche, come questo influenza il loro senso di responsabilità personale per il miglioramento di se stessi e l'empowerment di farlo? Quali messaggi sono comunicati consciamente o inconsciamente ai pazienti in merito alla natura della psicopatologia e della psicofarmacologia e qual è l'impatto psicologico?

In questi giorni, gli psichiatri sembrano abbandonare la pratica della psicoterapia, concentrandosi esclusivamente sulla psicofarmacologia. Questo è deplorevole, dal momento che, in generale, la psicofarmacologia è la più efficace quando viene impiegata al servizio della psicoterapia. Sì, assumere farmaci a un certo punto può essere una parte cruciale della responsabilità del paziente per migliorare; ma non è un sostituto per la vera psicoterapia. Il modo in cui la psicofarmacologia e la sua psicologia implicita sono comprese e impiegate in psicoterapia è la chiave: le medicine vengono usate solo per attutire i demoni metaforici? O per sostenere confrontarsi e venire a patti con loro? Quando le odierne terapie principalmente biologiche e cognitive correggono il decorso e iniziano a porre le domande giuste (vedi il mio post precedente), la psicofarmacologia può adempiere (come Kramer raccomanda) al suo "ruolo proprio" come componente complementare e collaborativa della psicoterapia piuttosto che alla sua sostituzione.

Solutions Collecting From Web of "La psicologia della psicofarmacologia"