La psicologia del partito di laurea

Wikicommons
Fonte: Wikicommons

Un addio al celibato è un'iniziazione al matrimonio, che, nei tempi moderni, è per lo più intesa come celebrazione, da parte degli amici maschi dello sposo, degli ultimi giorni di "libertà" dello sposo. Nel Regno Unito, tende ad essere chiamato un addio al celibato (addio al celibato, addio al celibato, addio al celibato …), e in Australia, un dollaro. Il rito equivalente per la sposa, a cui partecipano le amiche della sposa, è la festa di addio al nubilato o alla gallina.

Il significato originale di "scapolo" in inglese è "un giovane cavaliere che segue la bandiera di un altro". 'Stag' e 'gallina' erano un termine per "uomo" e "donna". Il cervo, in piedi fiero e solo, è stato a lungo un simbolo di virilità, con cervi e uomini con le corna, essendo un motivo comune nelle pitture rupestri. Cernunnos, il dio celtico della vita e della fertilità, e un simbolo del maschile, mostrava il corpo di un guerriero e le corna di un cervo. Le corna di cervo, che indicano gli dei sopra, servono ad attrarre i compagni ea respingere i rivali: rispecchiando il ciclo della vita e della morte, crescono e ricadono ogni anno, trasmutando dal morbido velluto pulsante al corno duro.

Sebbene le loro forme moderne siano abbastanza recenti, la festa di addio al celibato e al nubilato deriva da costumi immemorabili. Nell'antica Grecia, una sposa si unì alle sue parenti e ai suoi amici per rendere omaggio ad Artemide, dea della nascita e protettrice delle ragazze. A Sparta, gli amici hanno segnato l'ultima notte di libertà dello sposo con un banchetto. È possibile che, sposando sei volte, Enrico VIII, partito in festa, abbia incorporato la tradizione in Inghilterra. Per molto tempo, i cervi hanno comportato una cena formale ospitata dal padre dello sposo o da un uomo migliore, o, per i più umili, una semplice bevanda tra amici.

Dalla fine del XIX secolo, la "festa di addio al nubilato" si riferiva a qualsiasi riunione di donne. Il termine sembra aver acquisito il suo significato moderno negli anni '60 e '70. È apparso per la prima volta su The Times of London nel 1976, anche se tra virgolette, nel contesto di una spogliarellista di sesso maschile multata da Leicester Crown Court per aver agito in un modo osceno, osceno e disgustoso. A quei tempi, la sposa spesso festeggiava con i suoi collaboratori, che avrebbe abbandonato per la vita di casalinga e madre. Col tempo, addii al nubilato si riversarono nei pub e nei club vicini, riflettendo sempre più i maschi.

Un rito di passaggio come il matrimonio segna una transizione da una sfera all'altra, a cui partecipa un importante cambiamento nello status sociale. Secondo l'etnografo e folklore Arnold van Gennep, i riti di passaggio hanno tre fasi rituali: separazione, transizione e incorporazione. Rituali di separazione, come la cerimonia di immatricolazione all'entrata in università o l'equipaggio ridotto a unirsi all'esercito, simboleggiano il distacco da una vita precedente. In Francia, l'addio al celibato è chiamato enterrement de vie de garçon , che letteralmente significa "sepoltura della vita del ragazzo". Nei maschi moderni, il rituale di separazione spesso comporta lo stripping o l'umiliazione dello sposo.

La cultura occidentale non ha riti formali di passaggio per l'età adulta. In altre culture, queste includono tipicamente test di virilità o maturità, che, in Occidente, tendono ad essere inclusi nel cervo o nella gallina, spesso sotto forma di test di resistenza all'alcol o un'attività come tiro con l'arco, lancio del martello o bungee salto. Il bungee jumping rappresenta anche un salto e una separazione; è, in effetti, un suicidio simbolico.

In molte società tradizionali, il rituale di separazione per il matrimonio implica l'avvio della sposa nei doveri del matrimonio, compreso l'amore e la gravidanza, una funzione che nella nostra cultura è stata delegata in gran parte alla spogliarellista o forse a un sex toy o alla pornografia. Ciò rivela una funzione importante del rito di passaggio, che è quello di guidarci e sostenerci in un momento difficile e critico della nostra vita.

Un'altra possibile funzione del rituale di separazione per la sposa è la purificazione. Nell'ebraismo ortodosso, la sposa si immerge in un bagno rituale, o Mikveh . In molte tradizioni orientali, la sposa indossa la tintura di henné in motivi intricati, più comunemente su mani e piedi, per decorazione, purga e protezione. In Germania, l'addio al celibato è chiamato Junggesellenabschied ("addio al celibato"), ma c'è un evento separato chiamato Polterabend la sera prima del matrimonio: in una tradizione che risale ai tempi pre-cristiani, gli ospiti di un Polterabend rompono stoviglie per cacciare gli spiriti malvagi. L'erede moderno di tutte queste tradizioni è, naturalmente, il giorno della spa.

Altre, più funzioni minori del cervo e della gallina possono includere:

  • Fare una beffa del matrimonio per farlo sembrare meno minaccioso.
  • Strappare lo sposo dalla presa della sposa e viceversa.
  • Punire gli sposi per aver abbandonato i loro amici.
  • Salutando i propri amici.
  • Dire addio ai propri amici.
  • Legare nei propri amici.
  • Creare un pretesto per rovinare se stessi o i propri amici.
  • Creare un pretesto per liberazione e dissolutezza socialmente sanzionate, non dissimile da un'orgia.
  • Celebrando la vita dello sposo o della sposa.
  • Celebrando virilità o femminilità.
  • Indurre la conformità sociale.

Nello spazio di una generazione, le galline e soprattutto i cervi si sono evoluti in elaborati affari che coinvolgono vari gradi di ubriachezza e dissolutezza, spesso per diversi giorni in una lontana città del peccato. I raduni hanno dato vita a un'intera industria, con organizzatori di eventi che offrono attività come paintball e tank driving e che forniscono di tutto, dalle liste del coraggio ai giochi da bere, e dalle limousine stretch alle spogliarelliste che sfornano le torte a più livelli.

Perché i cervi e le galline sono diventati così importanti? Dal punto di vista economico, i viaggi sono diventati economici e banali. Le persone si sposano più tardi e guadagnano di più, lasciandole con più reddito disponibile che mai. Da un punto di vista socioculturale, la nostra generazione è più liberata, e forse più autoindulgente, di quella passata. Il cervo in particolare può rappresentare un frenetico tentativo di esprimere idee profondamente radicate ma sempre più minacciate sulla mascolinità – e, in verità, sul matrimonio stesso.

Per la maggior parte della storia umana, il matrimonio era un ineludibile imperativo familiare, sociale ed economico. Ma negli ultimi anni, con la caduta della mortalità infantile, l'aumento dell'aspettativa di vita e l'emancipazione femminile, è diventata sempre più una scelta di vita. Il filosofo Søren Kierkegaard ha scritto: "Se ti sposi, te ne pentirai; se non ti sposi, anche te ne pentirai; se ti sposi o non ti sposi, ti pentirai di entrambi … '

Inevitabilmente, una parte della sposa o dello sposo non è sicura di legare il nodo, e il cervo o la gallina è, a un certo livello, una difesa maniacale contro una perdita di libertà e possibilità; e, per gli altri festaioli, contro la perdita di un amico in un'istituzione sempre più arcana e remota. Lo scopo della difesa maniacale è di impedire che la paura e la tristezza aumentino nella mente cosciente distraggiandola con sentimenti opposti di euforia e attività intenzionale. La signora Dalloway di Virginia Woolf, uno dei tanti modi in cui Clarissa Dalloway si impedisce di pensare alla sua vita pianificando eventi frivoli e poi preoccupandosi dei loro prerequisiti, "dà sempre le feste per coprire il silenzio".

Neel Burton è l'autore di For Better For Worse: Should I Get Married? e altri libri.

Trova Neel su Twitter e Facebook.

Neel Burton
Fonte: Neel Burton

Solutions Collecting From Web of "La psicologia del partito di laurea"