La psicologia del denaro

La psicologia del denaro

Il denaro motiva le persone al lavoro? Perché alcune persone risparmiano e altri passano? Perché il denaro è un argomento tabù?

Il denaro ha potenti associazioni emotive. Chiedete alle persone quali sono le emozioni più frequentemente associate al denaro e la ricerca fornisce il seguente elenco ordinato: ansia, depressione, rabbia, impotenza, felicità, eccitazione, invidia, risentimento.

Il denaro, per molti, può rappresentare la sicurezza. La sicurezza emotiva è rappresentata dalla sicurezza finanziaria e si ritiene che la relazione sia lineare: più soldi, più sicurezza. Il denaro è un giubbotto di salvataggio emotivo, una coperta di sicurezza, un metodo per allontanare l'ansia. La prova di ciò è, come sempre, le relazioni cliniche e la ricerca archivistica nelle biografie dei ricchi. Tuttavia, rivolgersi ai soldi per la sicurezza può alienare la gente perché altri significativi sono considerati una fonte di sicurezza meno potente. Costruire un muro emotivo intorno a sé può portare alla paura e alla paranoia di essere ferito, rifiutato o privato dagli altri. La paura della perdita finanziaria diventa di primaria importanza perché il collezionista di sicurezza dipende presumibilmente più dal denaro per la soddisfazione dell'ego. Il denaro rafforza i sentimenti di sicurezza e autostima e così è accaparrato.

Il denaro, naturalmente, rappresenta anche il potere. Poiché il denaro può acquistare beni, servizi e lealtà, può essere utilizzato per acquisire importanza, dominio e controllo. Puoi usare i soldi per sfruttare la vanità o l'avidità degli altri. Con un sacco di soldi si può corrompere e controllare e sentirsi così potenti. Il denaro può essere usato per riscattare o compromettere i nemici e chiarire il percorso per se stessi. Il denaro e il potere che esso porta possono essere visti come una ricerca per regredire a fantasie infantili di onnipotenza … o almeno così dicono i freudiani.

Il denaro è amore Per alcuni soldi è dato come sostituto per emozione e affetto. Coloro che visitano le prostitute, ostentatamente danno in beneficenza; rovinare i loro figli stanno comprando l'amore. Altri lo vendono: promettono affetto, devozione, tenerezza e lealtà in cambio della sicurezza finanziaria. Il denaro è usato per comprare lealtà e autostima. Inoltre, a causa del principio di reciprocità inerente al dono, molti ritengono che i doni ricambiati siano un segno di amore e di cura.

Per molte persone, il denaro è libertà. Questo è l'attributo più accettabile e più frequentemente ammesso al denaro. Compra il tempo per perseguire i propri capricci e interessi, e libera uno dalla routine quotidiana e dalle restrizioni di un lavoro retribuito. Il denaro compra la fuga dagli ordini, dai comandi; tutto ciò che limita l'autonomia e la limitata indipendenza.

Denaro e razionalità

Banchieri, economisti e finanzieri ritengono che le persone, come loro, siano razionali rispetto al proprio denaro. I loro modelli e strategie di marketing si basano su homo-economicus: l'essere umano razionale. Non potrebbero essere più sbagliati. Le persone sono ignoranti, irrazionali e a-razionali con quasi tutto ciò che riguarda il loro denaro. La convinzione su ciò che è buono per il denaro; il modo migliore per acquisire, moltiplicare e archiviare; e della felicità che porta sono dimostrabilmente falsi.

Quasi tutti sono in affari per fare soldi. Ma parlare seriamente e onestamente del denaro, almeno in una buona compagnia, è piuttosto raro. Le questioni relative al denaro sono spesso discusse – l'aliquota dell'imposta, il costo della vita, i prezzi degli immobili – ma la finanza personale rimane ancora un argomento tabù. Celebrità e comuni mortali sembrano più felici di parlare delle intime ramificazioni delle loro vite sessuali e della loro salute mentale che del loro stato monetario, salari o transazioni finanziarie.

I segreti su questioni di soldi non si verificano in tutte le culture. Nelle culture apertamente materialistiche del Sud-est asiatico, le indagini sugli altri e la discussione aperta sui propri affari finanziari sembrano abbastanza accettabili. Nella nostra cultura, le questioni monetarie sono spesso negate, ignorate o ignorate nel corteggiamento, discusse costantemente sul matrimonio e al centro di molte procedure di divorzio. Volontà contrariate tra diversi richiedenti può trasformare esseri umani ragionevoli e miti in bigotti irrazionali.

Gli studi dimostrano che i genitori raramente parlano di soldi ai loro figli, ma che i bambini acquisiscono molte delle loro abitudini di denaro dai loro genitori. I genitori dissoluti generano bambini dissoluti; ossessivi accaparratori accaniti sono copiati dai loro figli o nel trionfo dell'opposizione spendono tutto. I sondaggi mostrano che oltre il 90% degli adulti vorrebbe che i propri figli conoscessero meglio la realtà finanziaria della vita di quanto non facciano attualmente, ma che non sono abbastanza sicuri di garantire che i loro figli siano finanziariamente leggibili, sensibili e maturi.

Molti filosofi hanno scritto delle cose irrazionali, immorali e decisamente bizzarre con cui le persone fanno e per i soldi. I media si concentrano spesso su risparmiatori compulsivi e accaparratori (che vivono in povertà ma muoiono con milioni in banca) o spacciatori compulsivi che incautamente corrono attraverso fortune spesso ottenute inaspettatamente. Il caso del defunto Benny Hill ha recentemente dimostrato che ha lasciato oltre 7 milioni di sterline, ma spende molto poco. Gli avari sono costretti a risparmiare denaro con la stessa urgenza che gli spendaccioni sembrano spinti a perderlo. Rapina, contraffazione, appropriazione indebita, rapimento, contrabbando e presa di prodotti spesso sono semplicemente motivati ​​dal denaro.

La nuova disciplina dell'economia comportamentale si basa sul pensiero rapido e non lento: questo sta usando regole empiriche che portano a conclusioni errate. Ora c'è un enorme interesse a spingere le persone con astuzia nel presentare le informazioni in un modo particolare che spesso le incita.

Il denaro come motivatore

Uno dei problemi più dibattuti è il potere motivazionale del denaro sul lavoro. Dove ti trovi sulla questione del denaro come motivatore al lavoro?

1. Per: Il denaro è un motivatore efficace, potente e semplice. Evidentemente, i soldi motivano e denaro extra motiva le persone a lavorare molto duramente. È naturale competere e quando viene premiato con denaro per una migliore produttività lavorativa e gli standard vengono innalzati per tutti. Inoltre, poiché non è sempre saggio o possibile promuovere individui, il denaro può essere usato come un modo equo e molto accettabile per premiare tutti i lavoratori. Ancora più importante, perché il denaro è un "reinforcer generalizzato" è sempre accettabile per tutte le persone, ovunque e in ogni momento. Il denaro parla e parla ad alta voce e chiaramente.

2. Equivoco: i soldi a volte, ma non sempre, motivano. Per coloro che sono ben pagati, anche importi piuttosto grandi hanno un effetto motivazionale minimo. Peggio ancora, i premi in denaro possono e mettono dipendenti l'uno contro l'altro portando a conflitti, disarmonia e ridotto lavoro di squadra. Porta a vincere una filosofia vincente. Inoltre, è molto difficile in molti lavori determinare o misurare le prestazioni lavorative di un individuo in modo accurato ed equo in modo da decidere quanti soldi assegnare.

3. Contro: il denaro non è efficace e ha solo il potere di demotivare. Il denaro in realtà banalizza il lavoro: trasforma chi è intrinsecamente motivato al lavoro in lavoratori estrinsecamente motivati. I premi in denaro (bonus, retribuzione correlata alla performance) possono avere poca relazione con ciò che il lavoratore fa o sente. Se i soldi funzionano e sono così motivanti, forse gli stipendi base sono troppo bassi. Ci sono modi migliori per motivare le persone, oltre al denaro freddo. È un'assurdità ingenua credere che se aumenti il ​​salario di una persona del 20%, genererai un aumento del 20% della loro produttività (o persino del morale).

I dati su questo argomento sono sorprendenti. La correlazione tra soddisfazione lavorativa e salariale è molto bassa (attorno a r = .10). Ha all'incirca le stesse dimensioni tra la quantità di salario e la soddisfazione salariale. La ricerca mostra che i dipendenti nella fascia superiore della fascia salariale hanno lo stesso livello e grado di soddisfazione di quelli al livello inferiore. Quindi la relazione è debole e poco chiara.

Denaro come demotivatore

Ho sostenuto che ci sono almeno quattro ragioni per le quali il denaro è visto dagli psicologi del business come molto più probabile che sia causa di insoddisfazione che soddisfazione. Sostengono che i soldi hanno effetti motivazionali, ma sono quasi tutti negativi.

La prima ragione si riferisce all'idea che gli effetti di un aumento di stipendio svaniscono molto presto quando le persone si adattano alle loro nuove condizioni. È quindi probabile che qualsiasi miglioramento sia temporaneo. Possono essere necessari da due a tre mesi affinché le persone "si sistemino" nella nuova situazione. Il denaro può essere un motivatore molto efficace, ma ne hai bisogno in gran parte per fermare gli effetti di adattamento. Troppo per la maggior parte delle organizzazioni da sopportare.

In secondo luogo, ciò che porta alla soddisfazione delle retribuzioni non è tanto il salario assoluto quanto il salario comparativo. Quindi, se il mio stipendio sale drammaticamente, ma anche quello del mio gruppo di confronto, non c'è alcun cambiamento nel mio comportamento. La domanda, ovviamente, è chi è il mio gruppo di confronto e so davvero cosa ottengono effettivamente. Questo è fondamentale e riguarda l'intero problema della retribuzione correlata alla performance, come vedremo. A prescindere dalle persone pagate, se credono, con o senza prove, che non sono equamente e adeguatamente pagate, diventano demotivate. Il più piccolo differenziale può avere l'effetto maggiore. Ecco perché leggere le pagine degli appuntamenti può generare tanta passione.

In terzo luogo, il denaro non è tutto; infatti può essere molto meno importante della salute o delle vacanze, del tempo con la famiglia e della sicurezza del posto di lavoro. Ecco una scelta: prenderesti £ 1.000 (pagamento immediato) o una settimana di ferie extra? Molti sarebbero felici con più tempo libero o più sicurezza sul lavoro di più soldi. Le persone sono disposte a scambiare altre cose per soldi una volta che ne hanno abbastanza, o si stancano del gioco che non vale la candela. I giovani, i disperati, forse i golosi, sono disposti a fare qualsiasi cosa per soldi. Ma sono le persone sul tuo libro paga, o le persone che vuoi impiegare?

Infine, c'è l'implicazione eterna della tassa e spendi … molto bene per aumentare la paga, ma se le tasse accresciute mangiano pesantemente in essa ci può essere beneficio marginale? Perché guadagnare quando il governo prende troppo. Se il governo prende il 50% e più … difficilmente ne vale la pena.

L'Ipotesi di Easterlin

Il più grande shock sono i dati di quella che viene chiamata l'ipotesi di Easterlin. Questo studio ha esaminato i dati aggregati raccolti in oltre 50 anni in America. Mentre il PIL era cresciuto costantemente nel corso degli anni, i livelli di risposta della felicità personale sono rimasti piuttosto stabili. Questo ha portato gli economisti (sì, gli squallidi scienziati) a tentare di calcolare quanti soldi avete bisogno per massimizzare il vostro benessere. La domanda è: qual è la somma, espressa come stipendio annuale, oltre la quale non si ottiene alcun "botto" in termini di felicità, benessere e soddisfazione? Cosa ne pensi: £ 100K, due volte o tre volte? La risposta è la metà di quella, o due volte lo stipendio annuo medio del Regno Unito: intorno a £ 50K / $ 75K

Alcuni rifiutano questo "fattoide" come un'assurdità incredibile; in particolare quelli che inseguono l'elusivo dollaro per tutto il giorno. Scambiano la ricerca di denaro per la ricerca della felicità. Sono certamente motivati ​​ad accumulare rapidamente e febbrilmente in modo che possano smettere e fare qualcosa che amano davvero.

Conclusione

Il denaro rimane un argomento tabù, più che il sesso e la morte, eppure può suscitare enormi passioni sul posto di lavoro e sulla casa. È proprio perché spesso non viene discusso apertamente che può causare così tante discussioni e stress.

Per il manager sono importanti tre punti. Le persone differiscono ampiamente nel modo in cui pensano ai loro soldi e non presumono che siano come te. Il denaro è uno e una fonte di motivazione e soddisfazione al lavoro piuttosto minori. Concentrati sulla gestione migliore. A meno che tu non sia chiaramente in grado di mostrare una relazione tra stipendio e produttività / anzianità / specialità, è meglio non incoraggiare confronti sociali.

Riferimento

Furnham, A. (2014). La nuova psicologia del denaro. Londra: Routledge

Solutions Collecting From Web of "La psicologia del denaro"