La psicologia dei modelli di ruolo femminista in "The Fall" della BBC

Durante una delle mie interviste in psichiatria, un noto psicoanalista mi ha chiesto: "Chi è il tuo modello di comportamento preferito?" Sentendosi intimidito, sono andato per la sicura risposta di bellezza, "Mia madre". Ma quello che volevo davvero e avrei dovuto dire era "Scully from the X-Files." "

Avevo sempre adorato il suo modo di fare freddo sotto pressione, il suo mix di intelligenza e bellezza, la sua logica e incrollabilità anche di fronte a strani mostri e alieni e alla sua spensierata spiritualità di Mulder. Anche lei era un dottore; Ho anche copiato il suo semplice peso medio come una pettinatura.

Fast-forward di 15 anni, dopo una frustrante immersione nel mondo della carriera, ho faticato a ricordare o anche aderire alla mia vecchia visione di Scullyness. Sono stato annientato da anni di microaggressioni, illuminazione a gas e costante interrogatorio sia esterno che interno della mia autorità e identità di professionista femminile. Era davvero possibile essere sempre così sodi ed emotivi quanto Scully di fronte ai pazienti sofferenti e alle continue richieste e pressioni da molte parti? Era ancora l'ideale?

Entra nella recente collaborazione di BBC-Netflix, "The Fall." Gillian Anderson è tornato in un ruolo di detective sorprendente che riecheggia Scully, ma con sfumature e complessità decisamente maggiori nel personaggio di Stella Gibson. In un certo senso, Gibson è Scully con steroidi e cubetti di ghiaccio, più sfacciato e fiducioso nella sua sessualità nella mezza età ma anche altamente controllato, metodico, in bilico. Il suo aspetto maturo è anche diverso, con chiusure più morbide e blande e un debole per le camicette di seta (anche se i tacchi altissimi per la piccola Anderson rimangono gli stessi).

Lo show sembra come se inizialmente potesse seguire la via stereotipata di glorificare inconsciamente lo sfruttatore serial killer che oggettivizza e svaluta le donne con un orribile sadismo. Ma con il lusso di una miniserie incentrata su un solo assassino, c'è tempo per esplorare anche il suo inseguitore, e le interessanti dinamiche del dipartimento per cui Gibson lavora.

Di conseguenza, ci sono momenti rinfrescanti di onestà condotti in tutta la serie che non ho mai sentito in nessuna esibizione sulle donne sul posto di lavoro, in particolare quella dominata dagli uomini come le forze di polizia. Gibson chiede a qualcuno di non mettere "vittime innocenti" (che sono tutte professioniste) in un comunicato stampa sui crimini dell'assassino, dati i potenziali doppi standard o l'indifferenza se le future vittime sono prostitute. Quando una giovane ufficiale femminile esprime emozione e senso di colpa dopo un errore, Gibson la tratta con compassione fraterna invece di quello che avrebbe potuto essere un ammonimento freddo. Quando Gibson inizia spudoratamente un rapporto di una notte con un poliziotto sexy, è di nuovo ben consapevole dei potenziali doppi standard e del disagio che ne derivano quando il problema diventa pubblico a causa di una conseguente indagine.

Esamina anche acutamente il modo in cui il suo aspetto sarà interpretato quando durante una conferenza uno dei bottoni della camicetta si apre accidentalmente per rivelare il décolleté (disgustoso il killer che la chiama "bi bi $ $") e quando decide un altro incontro chiave decide arrivare in uniforme da polizia della vecchia scuola. Questo risuona così vero in un'epoca in cui la fenditura momentanea di Hillary Clinton durante una conferenza stampa portò a un esame virale, e quando una volta fui rimproverato come psichiatra per aver indossato le scarpe a punta aperta.

Gibson è esperta nei modi in cui proietta l'autorità, ma sfacciata nella sua espressione della sua femminilità allo stesso tempo. È un equilibrio difficile, ma lei riesce sorprendentemente a dispetto di alcuni snafus (come dover sfondare il naso peloso del suo collega dopo aver fatto avanzamenti indesiderati da ubriaco).

È interessante notare che il mio compagno maschio che guardava lo spettacolo temeva che lei fosse "troppo seria" nel suo ruolo; che il suo gelato forse non era realistico o forse esagerato. Ma penso che sia così che funzionano i personaggi seminali di Anderson; sono professionisti intensi e ossessivi che analizzano invece di indulgere in chiacchiere o chiacchiere. Mi viene da chiedermi, è troppo "maschile" concentrarsi sul compito a portata di mano invece di sorridere e soddisfare i bisogni emotivi di tutti? Come il sorriso forzato e costante dei concorrenti di Miss USA? E, soprattutto, Gibson non è privo di emozioni; piange nei momenti chiave dello show e non ha paura di mostrare vulnerabilità a volte, anche se è certamente consapevole che non può permettersi di mostrare tali momenti troppo spesso in questo gioco di scacchi intenzionale.

Quando Gibson porta in ballo la famosa frase di Margaret Atwood sugli uomini che sono più terrorizzati di essere derisi da una donna, e le donne che sono più terrorizzate di essere uccise, lo spettacolo rivela di nuovo un'empatia rinfrescante per il punto di vista femminile in un mondo in cui la narrativa è largamente dominato dagli uomini. L'odio di Gibson per l'assassino rispecchia il mio mentre lo guardo, letteralmente maledicendolo per la sua perversa misoginia. È bello sapere che una persona come lei è dalla nostra parte ed è proprio sulla scia di questo psicopatico.

Ecco gli spettacoli e i film futuri che descrivono in modo aperto e realistico le dinamiche di genere e aiutano tutti gli spettatori ad entrare in empatia con le lotte di donne e minoranze e persone LGBT che devono negoziare strutture che si rivolgono principalmente allo stile di vita etero-cis. E grazie alla brillante interpretazione di Gillian Anderson, che è senza paura e rivoluzionaria nel suo ritratto di ciò che può essere una donna intelligente, forte e sexy.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su Role Reboot il 2 marzo 2015.

Solutions Collecting From Web of "La psicologia dei modelli di ruolo femminista in "The Fall" della BBC"