La psicologia ci informa sui gruppi di odio

used with permission from flicker.com Evert Barnes
Fonte: usato con il permesso di flicker.com Evert Barnes

La drammatica ascesa e il comportamento incoraggiante dei gruppi di odio come i supremacisti bianchi, Alt-Right e neo-nazisti negli ultimi giorni e mesi è certamente profondamente inquietante e turbolento. È anche scioccante e terrificante. La maggior parte delle persone ragionevoli e premurose probabilmente non può dare alcun senso a tali visioni distruttive e al veleno dell'odio nei confronti degli altri.

Tuttavia, decenni di ricerca psicologica hanno molto da offrire per comprendere questi comportamenti e tendenze del gruppo di odio. Imparare da questo ampio corpo di ricerca può aiutare a comprendere meglio ciò che sembra essere un comportamento incomprensibile.

Il classico e ben noto studio del carcere di Philip Zimbardo, condotto alla Stanford University nei primi anni '70, ci istruisce sul potere delle dinamiche di gruppo e sul potere della situazione. Piuttosto che semplicemente demonizzare gli individui per essere "cattivi" o "cattivi", lo studio Zimbardo sottolinea che dovremmo davvero occuparci delle dinamiche di gruppo e dei ruoli particolari in cui le persone si sentono in qualche modo assegnate. In tal modo, possiamo capire meglio come una persona che potrebbe sembrare ragionevole e abbastanza ben adattata possa comportarsi come un mostro in determinate circostanze. Sebbene sia stato scritto molto sullo studio della prigione di Stanford e non sia necessario ripeterlo qui, è utile ricordare che demonizzare le persone per comportamenti cattivi o malvagi non ti porta molto lontano nel sottovalutarle. Osservare il clima sociale di cui l'individuo fa parte e le pressioni e le aspettative di comportarsi in modo particolare ci aiuta ad apprezzare le influenze sottili ma importanti sul comportamento individuale e di gruppo.

La teoria del confronto sociale ci informa che giudichiamo il nostro comportamento in riferimento a coloro che ci circondano. Quindi, se le persone si comportano molto male, spesso possiamo giustificare il comportamento in modo simile poiché "gli altri lo fanno". Violenza e aggressività possono facilmente degenerare quando si verificano in ampi ambienti sociali in cui le persone sono testimoni di comportamenti aggressivi degli altri. Inoltre, vi è una diffusione di responsabilità nei gruppi in quanto le persone si sentono parte di una folla e meno responsabili delle loro azioni individuali. Questo è il motivo per cui una manifestazione pacifica può facilmente degenerare quando i membri di un gruppo diventano aggressivi e violenti.

La ricerca ha chiaramente dimostrato che l'aggressività è molto più probabile che si verifichi quando è preceduta dalla frustrazione in corso. Questo è chiamato il ipotesi di frustrazione-aggressione . Molto è stato scritto sulle frustrazioni dei poveri uomini bianchi negli Stati Uniti a causa di dislocazione e perdita di lavoro, mancanza di opportunità produttive per lavoro e amore, e così via. La frustrazione cronica in corso prende pochissima scintilla per degenerare in un'aggressione esteriore. Ciò è particolarmente vero quando esaminiamo la ricerca su giovani uomini di età compresa tra 15 e 25 anni. Loro, nella maggior parte delle culture, tendono ad essere più suscettibili a questa relazione di frustrazione-aggressività rispetto ad altri gruppi. Guardare le varie cause della frustrazione cronica può aiutarci a comprendere meglio come la violenza possa svolgersi così facilmente, specialmente tra i giovani uomini.

La teoria dell'attribuzione ci informa che è facile generalizzare il comportamento dei gruppi e degli stereotipi degli altri quando si ha poca esperienza con individui di quei gruppi percepiti fuori. Questo è il motivo per cui è così fondamentale per tutti noi conoscere persone appartenenti a una vasta gamma di gruppi diversi. La ricerca nel mio laboratorio, tra gli altri, ha scoperto che conoscere le persone come individui e non solo come membri di gruppi esterni ci aiuta ad essere più empatici e compassionevoli verso di loro e verso gli altri.

Anche se non ci sono soluzioni semplici alla violenza e all'odio inquietanti di cui siamo testimoni negli ultimi giorni e mesi, è importante essere consapevoli di come la ricerca psicologica possa aiutarci a capire meglio da dove potrebbe provenire il comportamento. Se riusciamo a capirlo meglio, possiamo sperare di intervenire per minimizzarlo.

Tristemente e tragicamente, l'odio e la violenza sono diventati più comuni nel nostro ambiente politico e sociale attuale. Si potrebbe pensare che entro il 2017 saremmo al di là di questi problemi inquietanti. Sembra che non abbiamo imparato nulla dagli orrori del passato nella nostra storia. Purtroppo non siamo così avanzati come vorremmo essere e quindi dobbiamo lavorare molto duramente e con attenzione per creare comunità basate sul rispetto reciproco, sulla compassione e persino sull'amore. Abbiamo un sacco di lavoro da fare davanti a noi e avere le mani sul ponte e una buona conoscenza della psicologia può aiutarci a creare un mondo migliore per noi stessi e per tutti gli altri. Alla fine della giornata, le persone vogliono davvero vivere in un mondo e una comunità di amore e non odio e tutti possono contribuire a fare la propria parte per rendere questo desiderio una realtà.

Allora, cosa ne pensate?

Controlla il mio sito Web e seguimi su Twitter.

Copyright 2017, Thomas G. Plante, PhD, ABPP

Solutions Collecting From Web of "La psicologia ci informa sui gruppi di odio"