La psichiatria rifiuta il nuovo disturbo sessuale "Hebephilia"

Per ascoltare gli esperti governativi sul banco dei test di detenzione civile negli ultimi mesi, la nuova diagnosi di "hebephilia" è stata un fait accompli, in attesa della sua formale accettazione nella prossima quinta edizione dell'influente Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM ).

Erano sbagliati.

In un colpo incredibile alla nascente industria dei reati sessuali della psicologia, il Board of Trustee

I membri dell'American Psychiatric Association hanno respinto la diagnosi proposta a titolo definitivo, non l'hanno nemmeno relegata in appendice come meritevole di ulteriori approfondimenti, la posizione di riserva dei suoi sostenitori.

Il rifiuto segue il fallimento di altri due disturbi sessuali proposti dal subworkgroup delle parafilie del DSM-5. Questi erano disordini coattivi parafilici (o una tendenza verso lo stupro) e ipersessualità, un costrutto inerentemente difficile da definire che ha introdotto i giudizi di valore dei membri del comitato su quanto il sesso sia entro limiti accettabili.

Dopo aver abbandonato questi due disordini, il subworkgroup si aggrappò tenacemente a una versione ridotta della sua proposta di espansione della pedofilia per coprire l'attrazione sessuale per i giovani pubescenti (generalmente nella fascia di età compresa tra 11 e 14 anni), ignorando l'opposizione diffusa sia all'interno che all'esterno dell'APA.

Il ronzio è che gli psichiatri anziani dell'APA erano scontenti dell'intransigenza degli psicologi nel sottosistema che comunicavano la convinzione che, se si fossero limitati alle loro pistole, avrebbero potuto forzare la proposta non scientifica e sconsiderata nel nuovo manuale, nonostante la mancanza di supporto scientifico.

Tutte e tre le espansioni proposte dal disturbo sessuale erano ampiamente criticate dai professionisti della salute mentale, specialmente da quelli che lavoravano nei contesti forensi in cui sarebbero stati schierati. Hanno portato a una serie di pubblicazioni critiche peer-reviewed (tra cui una panoramica storica di hebephilia dal sottoscritto, pubblicato su Behavioral Sciences and the Law ) e una lettera aperta ai leader dell'APA da più di 100 professionisti, tra cui eminenti psicologi forensi e psichiatri negli Stati Uniti ea livello internazionale.

Il rigetto inequivocabile invia un forte segnale della continua riluttanza della American Psychiatric Association ad essere trascinata nel pantano dell'impegno civile, dove le diagnosi pretestuose vengono invocate come scuse per confinare indefinitamente i trasgressori sessuali che non hanno veri e propri disturbi mentali. In netto contrasto con il campo della psicologia, i leader della psichiatria hanno espresso serie preoccupazioni sull'uso delle etichette psichiatriche per giustificare schemi di detenzione civile.

Backpalling sul cambio di paradigma

Come sanno i lettori del mio blog professionale, le grandi ambizioni degli sviluppatori del DSM-5 di portare avanti un rivoluzionario "cambio di paradigma" hanno prodotto allarme tra i professionisti della salute mentale e gruppi di difesa dei consumatori sia negli Stati Uniti che a livello internazionale. La British Psychological Society, l'ente professionale di 50.000 membri del Regno Unito, ha emesso una critica formulata con forza, e una coalizione di associazioni psicologiche ha raccolto oltre 14.000 firme per una petizione che si opponeva all'abbassamento totale delle soglie diagnostiche per il disordine.

Il comunicato stampa di ieri ha segnato un dietrofront, con l'APA ora sottolineando che i cambiamenti diagnostici nel DSM-5 erano intesi per essere "molto conservativi".

"Il nostro lavoro è stato finalizzato a definire con maggiore precisione i disturbi mentali che hanno un impatto reale sulla vita delle persone, non espandendo la portata della psichiatria", ha detto David J. Kupfer, MD, presidente della Task Force DSM-5.

Coerentemente con questo, molte delle modifiche proposte che hanno generato l'allarme più diffuso sono state respinte. Il Board of Trustees ha respinto la controversa "sindrome da psicosi attenuata" che avrebbe potuto creare un'epidemia di falsi positivi, stigmatizzare i giovani eccentrici e abbassare la soglia per prescrivere farmaci antipsicotici potenzialmente dannosi. Si è anche allontanato da un altrettanto controverso, e complesso, revamping dei disturbi della personalità. Queste condizioni, così come una controversa discordia sui giochi su Internet, saranno tutte collocate nella "sezione 3" del nuovo manuale come condizioni che meritano ulteriori studi.

Allen Frances, la sedia Task Force DSM-IV e critico di alto profilo del progetto DSM-5, ha definito lo spin che il DSM-5 avrà un impatto minimo sulla diagnosi psichiatrica e sul trattamento "fuorviante":

"Si tratta di un'affermazione insostenibile che DSM 5 non è in grado di supportare perché, per ragioni completamente insondabili, non ha mai preso il semplice ed economico passo di studiare effettivamente l'impatto del DSM sui tassi nelle impostazioni del mondo reale …. Tranne che per l'autismo, tutti i cambiamenti del DSM 5 allentano la diagnosi e minacciano di trasformare l'attuale inflazione diagnostica in iperinflazione diagnostica. L'esperienza dolorosa con i precedenti DSM insegna che se qualcosa nel sistema diagnostico può essere usato impropriamente e trasformato in una moda passeggera, lo sarà. Molti milioni di persone con dolore, ingordigia, distraibilità, preoccupazioni, reazioni allo stress, collera d'ira, dimenticanza della vecchiaia e "dipendenze comportamentali" saranno presto etichettati come psichiatrici malati e trattati in modo inappropriato ".

Tra i controversi cambiamenti diagnostici che andranno avanti nel DSM-5, che sarà pubblicato a metà 2013:

  • La sindrome di Asperger viene eliminata come una malattia separata (sarà piegata in un disturbo dello spettro autistico)
  • La depressione si sta espandendo per includere alcune reazioni di dolore
  • Un nuovo "disordine disgregativo dell'umore dell'umore" ha critici che temono l'etichettatura psichiatrica di bambini che hanno i brividi di rabbia

Altre due serie di modifiche hanno una particolare rilevanza per quelle in campo giuridico. I disturbi da abuso di sostanze sono stati riformulati come "dipendenze comportamentali", che Frances avverte potrebbe essere una "scivolosa inclinazione" che porta a "trascurata sovradiagnosi di internet e dipendenza dal sesso e allo sviluppo di programmi di trattamento lucrativi per sfruttare questi nuovi mercati".

Il disturbo post traumatico da stress (PTSD) sarà incluso in un nuovo capitolo sui traumi e disturbi legati allo stress, con quattro distinti cluster diagnostici invece dei tre attuali e "maggiore attenzione ai sintomi comportamentali che accompagnano il DPTS". Alcuni si preoccupano che il riconfigurato PTSD può prestarsi a un uso improprio della diagnosi hot-button in casi forensi.

Il comunicato stampa dell'APA di ieri che illustra i cambiamenti può essere trovato QUI. La mia pagina delle risorse di hebephilia è QUI.

Solutions Collecting From Web of "La psichiatria rifiuta il nuovo disturbo sessuale "Hebephilia""