La protesta di "Io prima di te"

Una cosa interessante è accaduta quando sono andato a vedere "Me Before You", un romanzo-dramma sul rapporto tra un amorevole custode (Lou) e un ricco giovane adulto (Will) che soffre di paralisi quadriplegica dopo un incidente stradale.

Il film è stato contestato con passione da un gruppo di difesa per le persone con disabilità. Stavano distribuendo opuscoli.

Nota a margine: se sei un gruppo di difesa che protesta per un film, ti preghiamo di non distribuire opuscoli per i film che rovinano la fine del film …

In questo senso, se stai leggendo questa palude e hai in programma di vedere "Io prima di te", allora ti preghiamo di sentirti libero di tenere il post per goderti il ​​colpo di scena emozionalmente avvincente del film in modo incontaminato.

** avviso spoiler **

"Me Before You" parla di come Will si deprima suicidamente in seguito all'evento traumatico, e non si adegua mai completamente alla sua nuova vita intrinsecamente limitata nei successivi due anni e mezzo. All'inizio di questo processo di post-regolazione, Will si impegna in un piano per uccidersi. Promette ai suoi genitori amorevoli altri sei mesi di vita prima di proseguire. Durante questo periodo, Lou entra nella sua vita come guardiano formalmente assunto e intraprende passi meravigliosamente amorevoli per coinvolgerlo nuovamente con una vita che potrebbe ritenere degna di essere vissuta.

Lei fallisce.

Alla fine, Will seguirà il suo piano di suicidio con l'aiuto di Dignitas, un'organizzazione di suicidio assistito con sede in Svizzera.

Il mio primo punto è che questo film non ha fatto ciò che il gruppo di protesta sembrava rivendicare preoccupato; cioè, "Io prima di te" non ha trasmesso il messaggio che le persone con disabilità sono un peso per le loro famiglie; né ha promosso il punto di vista secondo cui i disabili sono meglio morti o stereotipati / travisano la disabilità (quadriplegia, in questo caso).

Se questo film prende una posizione politica, lo fa sulla questione del suicidio assistito dal paziente.

Il suicidio assistito dal paziente riguarda due cose: si tratta della decisione intenzionale di uccidersi; e se la qualità della vita di qualcuno sia veramente o definitivamente precipitata a un punto così basso che la decisione sul suicidio sembra giusta e obiettiva.

Anche se non sono del tutto d'accordo con alcune altre lamentele dei gruppi di protesta – che il film sostiene il suicidio e promuove un'opinione secondo cui le persone sono meglio morti dei disabili – penso che il film abbia borbottato un'esplorazione competente del suicidio assistito dal paziente e abbia mostrato Sarà un individuo in preda a una decisione malsana.

Will, come personaggio, ha vissuto una traiettoria di vita di altissima qualità, per iniziare. Aveva tutto; fascino, buona fortuna, intelligenza e innumerevoli altri tratti positivi della personalità. Ed è stato amato e supportato da una famiglia di spicco con una ricchezza apparentemente senza fondo. Dopo la sua paralisi, la vita di Will non era altrettanto ricca e ricca di risorse come una vita paralizzata, ma aveva anche la mente completamente intatta; e accesso a tecnologie all'avanguardia e assistenza 24 ore su 24. In breve, era una buona qualità della vita considerando le circostanze.

Ma Will non l'ha mai visto così; lasciò la sua carriera, si ritirò dalla sua cerchia sociale, mantenne a malapena una sana routine e si difese da un amore nascente con Lou.

La sua visione e il suo comportamento, post-incidente, mostravano tutti i segni della depressione maggiore (tristezza, disperazione, ritiro sociale, perdita di piacere nella vita, stanchezza, scarso appetito / sonno, suicidio).

Will diventò clinicamente depresso, come risultato e risultato delle sue difficoltà, soffrendo e affrontando la perdita della sua precedente (notoriamente fantastica) vita, e il futuro relativamente più limitato che era prevedibilmente in serbo per lui.

Ciò che è confuso e alquanto fastidioso in questo film è che non esiste una conversazione diretta o utile sui temi del suicidio assistito dal paziente o della depressione. Il personaggio principale ha chiaramente la depressione, ma non lo sapresti mai guardando il film.

Parla di un buco nella trama.

Per quanto riguarda la questione politica, Will dichiara il suo desiderio di morire, e mentre tutti i suoi cari lavorano per esprimere la loro costernazione angosciata e convalidare i suoi desideri espressi, c'è pochissimo esame e messa in discussione della qualità del pensiero e del processo decisionale di Will (con l'eccezione dei tentativi frenetici e non corrisposti di Lou di discutere verso la fine).

Will non stava facendo le cose basilari necessarie per costruire una vita degna di essere vissuta. E si è suicidato non perché vivesse una vita disabile, ma perché vedeva la sua vita disabile attraverso un filtro percettivo depressivo.

Devo cavillare la decisione irragionevolmente depressa di Will di suicidarsi con il fatto che la sua qualità della vita sembrava significativamente danneggiata dalle continue difficoltà mediche. Will sembrerà soffrire di attacchi quotidiani di dolore e frequenti ospedalizzazioni a causa di una facile suscettibilità alle infezioni. Tuttavia, il film è stato vago, se non melodrammaticamente evitante di questo problema, quindi non è chiaro quanta forza fisica ha avuto. Indipendentemente da ciò, la mia sensazione è stata che le difficoltà mediche hanno interrotto sporadicamente e minimamente la qualità della vita di Will – non abbastanza da giustificare il suicidio essere una conclusione ben motivata e giustificata.

Come la maggior parte dei problemi, questa questione dovrebbe essere considerata su uno spettro. Da un lato, la decisione di facilitare il suicidio di un individuo altamente sofferente è oggettiva, compassionevole e comprensibile; dall'altra parte, la decisione è irrazionale, impulsiva e fuorviata.

Penso che la decisione di Will cada a disagio vicino alla cattiva fine di questo spettro, e il film fa un pessimo lavoro spiegando perché.

Non si sarebbe dovuto permettere a Will di continuare a rinunciare, perché la sua qualità della vita non era diminuita sufficientemente; aveva troppe forze personali, supporti ambientali e opportunità di crescita. Non c'era abbastanza dolore, angoscia e limitazione pratica.

Come psicologo Direi che Will non è stato sopraffatto da un dolore mentale e fisico inevitabile, inevitabile e perpetuo, così come non è riuscito ad adattarsi all'evento traumatico e alla principale transizione di vita insita nella sua disabilità quadriplegica.

Questo contesto rende il finale non solo triste, ma angosciante … ed è un commento sulla depressione non controllata più che sul valore di una vita disabile.

Solutions Collecting From Web of "La protesta di "Io prima di te""