La prossima pandemia di Lyme Demenza

Daniel Cederberg/Flickr Common
Fonte: Daniel Cederberg / Flickr Common

Ci sono molte cause conosciute di demenza. Una di queste cause sono i batteri. I batteri sono generalmente ignorati nonostante il loro significato storico e attuale nella ricerca sulla demenza. Cento anni fa era noto che la sifilide – un batterio – era l'unica causa nota di demenza. I batteri interferiscono con i nervi fino a raggiungere il cervello dove distrugge il cervello dall'interno. Alla fine, l'espressione della sifilide a lungo termine è la demenza-neurosifilide. Alois Alzheimer ha scritto la sua tesi post-dottorato (Habilitationsschrift) intitolata "Studi istologici sulla diagnosi differenziale della paralisi progressiva" sulla neurosifilide prima che il suo supervisore Emil Kraepelin lo spingesse nei libri di storia definendo il morbo di Alzheimer come una nuova malattia nel 1911. [1] ]

La neurosifilide era molto comune nel 1900. Tra una persona su quattro e una su dieci in strutture mentali erano presenti a causa della neurosifilide. Alla fine la sifilide uccide le sue vittime. Prima dell'introduzione della penicillina nel 1943, la sifilide era un killer comune. Nel 1929, tra gli uomini, il tasso di mortalità da sifilide era 28,3 per 100.000 per i bianchi e 97,9 per 100.000 per i neri [2]. Le somiglianze tra sifilide e demenza sono state trattate ripetutamente nella letteratura iniziale nella malattia di Alzheimer [1]. Poiché la sifilide ora può essere trattata facilmente ed economicamente, è stata quasi debellata. Ma c'è una nuova minaccia al batterio emergente, che può anche causare demenza.

Oggi, la principale minaccia batterica per l'acquisizione della demenza deriva dalla malattia di Lyme, un batterio borrelia burgdorferi. La malattia di Lyme viene trasmessa all'uomo principalmente attraverso il morso di zecche infette. Queste zecche sono esse stesse infettate nutrendosi principalmente di uccelli malati, che portano l'infezione da tutto il mondo. In tutto il mondo ci sono 23 diverse specie di zecche che possono trasportare la malattia di Lyme o malattie similari alla malattia di Lyme (es. Borrelia bissettii.)

La malattia di Lyme è la malattia più comune trasportata dagli animali nell'emisfero nord e sta diventando un problema sempre più di salute pubblica [3]. Non solo perché la malattia di Lyme è una malattia debilitante, ma perché alla fine la malattia di Lyme ha dimostrato di causare la demenza demenza-Lyme [4]. La scienza non ha identificato il meccanismo per lo sviluppo della demenza di Lyme, ma Judith Miklossy ha alcuni indizi interessanti. [5] Lo psichiatra americano Robert Bransfield ha documentato alcune delle sue espressioni neurologiche, ma finora c'è stata una mancanza di enfasi nella comunità di ricerca sull'esplorazione di queste caratteristiche cliniche.

Ernie Murakami, un medico in pensione, ha monitorato la diffusione della malattia di Lyme in tutto il mondo. Con più di 65 paesi che hanno le zecche nere che trasmettono la malattia di Lyme, questa è una pandemia mondiale. La prevalenza della segnalazione di malattia di Lyme varia notevolmente. Il Canada riporta i casi più bassi al mondo, con 1 caso per milione, mentre la Slovenia riporta 13 casi su 10.000. Negli Stati Uniti i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie riportano che più di 329.000 persone saranno infettate ogni anno solo negli Stati Uniti. Solo un caso su dieci viene segnalato dal momento che i medici non stanno cercando la malattia di Lyme. Questo numero stimato di infezioni annuali è maggiore dell'epatite C, dell'HIV, del cancro del colon e del cancro al seno. La malattia di Lyme rappresenta oltre il 90% di tutti i casi segnalati di malattie trasportate da animali (malattia trasmessa da vettori).

Con qualsiasi buona strategia di sanità pubblica ci deve essere una risposta a due punte. Uno è quello di affrontare gli effetti clinici della malattia e l'altro è quello di affrontare la causa sottostante. Negli Stati Uniti, anche se i fondi di ricerca per esaminare ed esplorare le cure per la malattia di Lyme sono minimi, questa strada vedrà probabilmente l'aumento più significativo. Ma sarebbe una follia senza affrontare la causa alla base della malattia. Affrontare queste cause sottostanti sarà comunque impegnativo.

L'Harvard Medical School Center riporta che le aree adatte all'abbandono delle zecche quadruplicheranno entro il 2080. Ma ci sono cambiamenti più pressanti che avverranno nel corso della nostra vita. La deforestazione e il cambiamento dell'habitat climatico-influenzato stanno colpendo gli insetti che trasportano malattie come la malaria e la malattia di Lyme. Cambiamenti climatici lenti, crescita urbana nelle aree prossime alle foreste, rimboschimento a seguito dell'abbandono dell'agricoltura e aumento dei cervi, dei topi e delle popolazioni di scoiattoli (tra molti altri) che ospitano queste zecche.

Si prevede che la malaria e la malattia di Lyme aumentino. Anche prendendo una stima più prudente (tutti gli Stati Uniti, la maggior parte del Canada, tutta l'Europa, il Medio Oriente e la Cina), più della metà delle popolazioni del mondo rischiano di essere esposte alla malattia di Lyme. Una parte di queste popolazioni sarà infettata dalla malattia di Lyme e alla fine alcuni svilupperanno la demenza. La demenza di Lyme pura esiste e reagisce bene agli antibiotici [4]. La salute pubblica è pronta per affrontare questo? [6]

© USA Copyrighted 2017 Mario D. Garrett

Solutions Collecting From Web of "La prossima pandemia di Lyme Demenza"