La prossima battaglia sulla serotonina e la depressione

Sin dagli anni '70, i clinici hanno spiegato ai pazienti depressi che i loro problemi erano dovuti alla "bassa serotonina", ma che Prozac o Zoloft, famosi come inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI), avrebbero rapidamente risolto le cose. La serotonina divenne nota come "neurotrasmettitore della felicità" e le droghe che presumibilmente aumentarono la sua disponibilità fecero miliardi di dollari in profitti farmaceutici. Sì, è con una "b".

Ma questa non è mai stata davvero una storia scientifica; era una storia di marketing. I farmaci in stile Prozac andavano bene perché l'industria era in grado di vendere al pubblico un racconto dal suono scienziato. E gli annunci di droga negli anni '90 mostravano presunte molecole di serotonina mentre venivano recuperate nel Neurone Madre, producendo così i volti felici che si vedevano nella prossima pagina dell'annuncio: Le giovani donne che erano state precedentemente colpite dal dolore erano ora arm-wrestling con la banda nel bar. La storia della serotonina abbassata ha messo radici nel pubblico dominio piuttosto che nella psicofarmacologia e divenne un mito urbano piuttosto che una scienza solida. (Io stesso ho scritto su questo in How Everyone Became Depressed: The Rise and Fall of the Nervous Breakdown . Oxford UP, 2013).

Non c'è mai stata alcuna prova scientifica valida che dimostri che la depressione clinica fosse associata a livelli bassi di serotonina: era tutto fumo e specchi. Ma questo è il potere di Big Pharma – e questo è il potere di una buona storia – che molti accademici hanno acquistato in esso, e le carriere sono state costruite sul concetto di abbassamento della serotonina causando depressione.

Le foglie avevano frugato per decenni tra gli addetti ai lavori degli incontri di psicofarmaci e in oscure conferenze, si registravano espressioni di dubbie. Un'importante denuncia basata sui dati del mito della serotonina si è svolta nel 2005 (Lacasse JR, Leo J. Serotonin e depressione: una disconnessione tra la pubblicità e la letteratura scientifica .PoS Med 2005; 2: e392 DOI: 10.1371 / journal.pmed. 0020392. Ma non attirò molta attenzione: tutti sapevano che la bassa serotonina causava depressione, nessuno aveva tempo per i valori anomali.

Ma poi il fruscio si fece più forte, e un mese fa lo psichiatra irlandese David Healy pubblicò sul prestigioso British Medical Journal un attacco frontale al mito della serotonina così pungente nella sua sdegnosità che molte teste si voltarono. Healy ha detto: "Questa serotonina pubblica era come la nozione freudiana di libido – vaga, amorfa e incapace di esplorare – un pezzo di biobabble." (Pubblicato il 21 aprile 2015 BMJ2015; 350: h1771)

Ora, un grande scienziato di Donnybrook sta incombendo su questo mito del marketing. Gli inglesi hanno sempre avuto la tendenza a essere scettici riguardo alle nuove idee sensazionali che emergono dal radar medico, solo per non superare la prova del tempo. La diagnosi di "isteria" trovò meno favore nella Gran Bretagna del diciannovesimo secolo che altrove. La psicoanalisi di Freud fu largamente accolta con incredulità dagli psichiatri britannici. E anche se i britannici non erano resistenti al concetto di psicofarmacologia in generale, al primo istituto di formazione inglese, il Maudsley Hospital di Londra, la psichiatria sociale era aggrappata alla sua data di scadenza. (Il rovescio della medaglia di questo sano scetticismo è quello di gettare il bambino con l'acqua del bagno: trattamenti indiscutibilmente vantaggiosi come il litio sono stati derisi, e la psichiatria britannica nel complesso sembra ancora in attesa della terapia elettroconvulsiva, ECT.)

Quindi non sorprende che parte della serietà del collegamento tra la serotonina e la depressione provenga da figure come Healy (che, sebbene abbia un appuntamento irlandese nel Galles del Nord). Le grandi cupole della psichiatria statunitense, al contrario – molte delle quali hanno ricevuto fortune dall'industria farmaceutica – continuano ad assicurarci che gli SSRI sono i farmaci di scelta per la "depressione" (come se la depressione fosse una singola entità).

Il mito della serotonina morirà duro, proprio come il mito che le donne erano "isteriche" ha stretto anche la psichiatria nella sua stretta mortale fino alla pubblicazione del DSM-3 nel 1980. Ma il mito della serotonina è in via di estinzione, e le foglie in la Foresta Oscura sta già frusciando che troppa attenzione è stata prestata ai neurotrasmettitori – il cervello ha, in fin dei conti, molti modi diversi di gestire la sua comunicazione interna – e che altre storie scientifiche dovrebbero essere garantite per alcuni dei miliardi che il governo federale degli Stati Uniti sta ora concedendo la ricerca in quella che viene chiamata "salute mentale".

Solutions Collecting From Web of "La prossima battaglia sulla serotonina e la depressione"