La prospettiva non-hollywoodiana della prigione

I film e gli spettacoli televisivi prigione-centrico possono essere affascinanti e divertenti. Emulano le biografie o creano personaggi e situazioni fittizi sul mondo oscuro e misterioso delle correzioni. Tuttavia, c'è una parte della prigione che non sembra mai essere catturata sul grande schermo; come se il personale di correzione e gli ex detenuti non fossero invitati a collaborare alla tavola rotonda di sceneggiatura.

Se riesci a vivere attraverso la prigione, puoi veramente vivere qualsiasi cosa. I detenuti, i funzionari delle correzioni, i "civili" (personale carcerario non correttivo) hanno tutti le proprie esperienze su come hanno vissuto. La prigione è un luogo triste pieno di persone con eccessive quantità di tempo per pensare di sopravvivere e battere il sistema. È essenziale sopravvivere al sistema. Se non sopravvivi, la tua vita non finisce; diventa insondabilmente miserabile in ogni modo.

Ho avuto la fortuna di iniziare la mia carriera come consigliere carcerario. Nonostante abbia lasciato il mondo delle correzioni, la prigione era l'ultimo campo di addestramento del mondo reale che servì da base per la mia carriera. Ecco nove lezioni apprese che nessun reality show potrà mai catturare.

1. Le persone devono essere amate

Cinque secondi di contatto visivo possono dirti se una persona ha amore nella propria vita. Vedete il vuoto, la tenerezza, la durezza o la tenerezza nascoste dietro la durezza? La mancanza di amore porta a scelte sbagliate, relazioni tossiche e abitudini autodistruttive. Un piccolo amore incondizionato va molto lontano, che può ancorarli alle conseguenze a lungo termine.

2. Non dire mai "Non succederà mai a me"

Ci sono volute solo poche assunzioni del lunedì mattina per sapere che la maggior parte dei detenuti è sorpresa e scioccata di essere lì. Non avevano intenzione di svegliarsi il lunedì mattina ritirandosi, disintossicandoli o picchiati in una cella senza alcun ricordo di come fossero arrivati ​​lì. Nessuno mette "servire una condanna a una pena detentiva" nella lista dei risultati previsti. Quindi, tutto può succedere a chiunque.

3. Niente urla disperazione come, "Sai chi sono?"

La mia risposta standard era "un detenuto". Se devi chiedere, la risposta è ovviamente "no", non sappiamo né ci importa della tua vera identità; soprattutto dal momento che hai provato a tirare quella carta. Nessuno vuole aiutare qualcuno che pensa di essere più superiore a coloro che li circondano. Inoltre, se non ti conoscono, certamente non vogliono ascoltare il tuo dramma.

4. Prendi un timeout

La prigione è la terra dell'auto-riflessione forzata. Senza tempo per l'auto-riflessione, una cattiva decisione può avere un effetto domino. C'è una differenza tra un errore e l'inizio di un viaggio veloce in una spirale discendente. Un errore potrebbe derivare da una cattiva decisione che avrebbe potuto essere risolta guardando dentro per imparare a fare scelte migliori. L'apatia prende da una cattiva decisione in una brutta vita.

5. Accetta ciò che puoi e non puoi controllare

I detenuti di successo creano vite per se stessi dietro le sbarre. Fanno amicizia, trovano modi per riempire il loro tempo e capiscono come sopravvivere al sistema. Trovano tasche di gioia mentre sono rinchiusi. Sì, c'è molta angoscia, tristezza, rabbia e tristezza in prigione, ma c'è anche un sacco di umorismo e accettazione perché sanno che non stanno andando da nessuna parte e cercano di trarre il meglio da una brutta situazione.

6. Poni le domande giuste

I migliori insegnanti sull'arte di porre domande sono i detenuti stagionati che sanno usare le parole per distrarre e condividere la verità. Una domanda ben formulata otterrà le informazioni desiderate. Domande vaghe potrebbero avere una storia drammatica, ma non necessariamente informazioni chiare. "Perché sei qui?" E "Quali sono le tue accuse?" Sono due domande con lo stesso obiettivo. La prima domanda ti porterà una storia sconclusionata dell'incidente e la seconda domanda otterrà l'elenco specifico delle accuse, che è l'informazione desiderata.

7. Guarda in alto, in basso, a sinistra e a destra

Il mondo contiene persone che cercano intenzionalmente di ferire gli altri. Non si sa mai se qualcuno è in agguato dietro l'angolo; se è in una prigione o altrove. Quando sei la prima persona che entra in una nuova situazione, la linea guida è di guardare in alto, in basso, a sinistra e a destra. Perché? Potresti anche andare in giro a occhi bendati se non comprendi completamente il tuo ambiente fisico.

8. Sii il tuo salvatore

Diciamo che hai guardato in alto, in basso, a sinistra ea destra e sei entrato in una situazione in cui c'era una folla di persone che tentavano di assalirti. Cosa faresti? Come ti faresti uscire dalla situazione? Grazie all'abbondanza di ostaggi e classi antisommossa, ho una strategia personale che ho usato per incidenti fuori dal carcere.

9. "Se non lo prendo, qualcun altro lo farà"

Questo è venuto direttamente dalla bocca di un ladro condannato. Non dimenticherò mai il giorno in cui ho intervistato qualcuno nell'area di prenotazione che è stato sorpreso a rubare la bicicletta sbloccata di un bambino. Nel suo stupore da ubriaco, ha volontariamente offerto che dal momento che la moto era incustodita, se non l'avesse rubato, lo avrebbe fatto qualcun altro. È stato detto abbastanza.

Sono benedetto per l'esperienza della realtà carceraria di livello mondiale che è servita come base per la mia carriera. Apprezzo che queste lezioni siano rimaste con me per 20 anni. Spero che Hollywood imparerà a catturare questo in qualche modo, così le persone non sentiranno di aver bisogno della piena esperienza.

Joanne Broder Sumerson
Fonte: Joanne Broder Sumerson

Solutions Collecting From Web of "La prospettiva non-hollywoodiana della prigione"