La prospettiva maschile

unsplash.com
Fonte: unsplash.com

Posso parlare con la terapia come professionista (e lo faccio spesso, visto che i miei amici, la mia famiglia e il mio compagno probabilmente alzeranno gli occhi e lo diranno), ma a volte la prospettiva più interessante sul processo può essere offerta dai clienti. La terapia può davvero essere uno sforzo intimidatorio. Molti clienti hanno espresso che il solo pensiero di aprirsi a qualcuno non familiare impedisce loro di arrivare prima. Ho deciso di approfondire questa prospettiva, ed ero particolarmente curioso di sapere cosa provano i clienti maschi. Dopotutto, viviamo in una società di genere in cui ci si aspetta che i maschi siano non emotivi, quindi come fa la terapia a sfidare questo concetto? Un amico intimo ha iniziato a vedere un terapeuta per la prima volta, così l'ho intervistato sul suo viaggio.

Cosa ti ha portato alla terapia individuale?

Problemi di autostima e come stavano influenzando i vari aspetti della mia vita.

Quali erano le tue aspettative di terapia e cosa pensi abbia influenzato queste aspettative?

Onestamente, penso che mi aspettavo che la terapia fosse troppo "soft". Immaginai che i terapeuti fossero come Toby dall'ufficio – nel migliore dei casi inefficaci, e solo un po 'tristi!

Ciò che rende difficile per la maggior parte delle persone, e specialmente i maschi, chiedere aiuto?

Penso che molte altre persone, e forse anche gli uomini in particolare, condividano questo preconcetto. La terapia può probabilmente sembrare emascolare e hoaxy. Oltre a questo, io, come molti altri uomini, immagino, mi sentivo come se dovessi essere il rock per la mia famiglia, che si tratti di bambini, di un partner e così via. Le persone dipendono da me e temevo che andare da un terapeuta mi avrebbe reso meno sicuro o affidabile.

Come è stata la prima sessione per te? Era quello che vi aspettavate?

Come puoi vedere, non ho avuto le migliori aspettative per la mia prima sessione. Avevo comunque voglia di andare, quindi non è come se pensassi che sarebbe stata una completa perdita di tempo. Si scopre che non lo era neanche. La prima sessione è stata piacevole; Ho conosciuto il mio terapeuta. Mi hanno fatto molte domande per capire meglio perché ero lì. Non mi aspettavo grandi rivelazioni, ma certamente ho lasciato l'ufficio un po 'più leggero. Ha aiutato a parlare solo per una volta.

Cosa ti è passato per la testa durante il processo? Cosa ti senti?

Ero molto ansioso, in realtà. Sono una persona privata, e qui stavo raccontando a un estraneo della mia vita personale. Tuttavia, mentre quella prima visita andava avanti, cominciai a sentirmi più a mio agio quando fu chiaro che non ero stato giudicato.

In che modo la terapia ti ha colpito?

La terapia mi ha aiutato a prendere tempo per identificare e riconoscere i miei sentimenti nel momento – per essere più consapevole di me stesso. Ora ho degli strumenti utili da implementare per aiutarmi a superare pensieri e sentimenti difficili.

Cosa diresti a qualcuno che è preoccupato di andare in terapia?

Dagli Un colpo. Dagli uno sforzo onesto. La terapia può essere molto utile e spesso produce rendimenti maggiori, più energia viene investita in essa. Per lo meno, non sottovalutare mai il valore di poter parlare di qualcosa e toglierlo dal petto.

unsplash.com
Fonte: unsplash.com

Chiedere aiuto è difficile, e molti di noi si associano cercando aiuto con debolezza. Gli uomini si trovano in particolare limitati dagli standard obsoleti della nostra società per la mascolinità. In realtà, quanto spesso incoraggiamo gli uomini ad essere emotivamente vulnerabili?

Gli uomini rappresentano oggi circa 8 suicidi su 10 negli Stati Uniti, anche quando le donne sono diagnosticate con depressione molto più spesso. Dobbiamo chiederci perché questo è il caso, e sono convinto che sia l'ambiente e la socializzazione piuttosto che la biologia al centro di questo problema. Gli uomini hanno meno probabilità di cercare aiuto per problemi gravi come ansia e depressione, e questa norma sociale ha conseguenze deleterie. Incoraggiamo i nostri amici, partner e figli ad essere emotivamente vulnerabili senza punirli per questo. Combattiamo lo stigma e sfidiamo le percezioni della terapia. Dopo tutto, tutti noi beneficiamo della connessione, della sicurezza e del supporto.

Solutions Collecting From Web of "La prospettiva maschile"