La promessa dell'Ecomodernism of A Good (Great!) Future? Troppo roseo

Più di una volta in Cina, sotto un'ondata di aria velenosamente inquinata, ho visto oceani di persone invadere le strade e le botteghe di Pechino o Chengdu o Guangzhou acquisendo i beni materiali che sperano possano migliorare le loro vite, e ho pensato a me stesso: " Siamo fottuti. La terra non può gestire questo. "

E più di una volta sono stato nella mia Costco locale e ho guardato il magazzino pieno di montagne di cibo, vestiti e articoli per la casa, e ho pensato tra me e me "E questo è solo un negozio! Quanti altri Costcos e Sam's Clubs e BJ's e Home Depots e WalMart Superstores ci sono … e questo è solo in America … e quanta roba può produrre il mondo … e quanto spreco genereranno tutte queste cose? "E più di una volta a momenti come questi, con un nodo nello stomaco, ho pensato a me stesso: "Siamo fottuti. La terra non può gestire questo. "

Le oscure implicazioni di tale consumo vorace e tutto lo spreco e l'inquinamento dannoso che genera – le chiameremo la bomba del consumo e la bomba dell'inquinamento – sono frequentemente inquadrate in termini di "globalità" globale, con analisi della popolazione globale e clima globale e l'economia globale, e da quella prospettiva il futuro può sembrare piuttosto desolante. Ma il quadro più oscuro, la prova più inconfutabile che senza grandi cambiamenti della vita, come sappiamo che è davvero fottuto, è giù al livello "localmente" dove tu ed io e i nostri colleghi 7,3 miliardi di esseri umani viviamo la nostra vita quotidiana, tutti noi guidati da istinti profondi per acquisire cibo e riparo e comfort materiale nel perseguimento dell'obiettivo finale per tutti gli animali, l'obiettivo della sopravvivenza.

Questi istinti sono fondamentalmente incorporati nella nostra biologia di base. Coinvolgono inconsciamente gran parte del nostro comportamento. E la massiccia ricerca sul giudizio umano e sul processo decisionale ha dimostrato che questi istinti sono quasi insensibili alla ragione. Quella ricerca ci ha insegnato che non importa cosa dicono le prove sul disastro che stiamo facendo su scala globale, a noi non interessa il "sistema" tanto quanto ci interessa ciò che sta accadendo alla scala locale in cui noi vivere. Non importa quali siano le prove che ci raccontano del futuro terribile che un giorno potremmo affrontare, non ci interessa tanto sopravvivere domani quanto fare oggi per ottenere sicurezza. E a prescindere da ciò che dicono le prove sulle minacce che stiamo proponendo agli altri, ora o alle generazioni successive, non ci importa degli altri quanto ci preoccupiamo di noi stessi, specialmente quando si tratta di avere abbastanza cibo, riparo e conforto e sicurezza. Niente di tutto ciò è intelligente o stupido, razionale o irrazionale, morale o immorale. È solo la verità biologica. Ma è una verità che rende deprimamente difficile credere che possiamo fare i grandi cambiamenti necessari per evitare il disastro ferroviario verso il quale stiamo correndo.

 Breakthrough Institute
Fonte: cortesia: Breakthrough Institute

Ci sono quelli che tengono solo quella speranza. Nel Manifesto Ecomodernista, un gruppo di studiosi, scienziati, intellettuali pubblici e sostenitori dell'ambiente suggerisce che l'intelligenza e la tecnologia umane possono cambiare le cose. Scrivono che potremmo entrare in quella che qualche etichetta minacciosa dell'Antropocene, un'epoca definita dall'indelebile – e per molti versi dannosa – che gli umani stanno lasciando il lavoro geologico e biochimico del pianeta stesso, sebbene "conoscenza e tecnologia, applicate con saggezza, potrebbe consentire ad un Antropocene buono o addirittura grande. "

Gli ecomodernisti citano con saggezza e correttezza una vasta gamma di tendenze e tecnologie che possono aiutare a migliorare la condizione umana ea evitare i danni che, senza alcuni grandi cambiamenti, promettono di fare attività umane per il futuro della vita sulla terra. Sfortunatamente, non riescono a riconoscere in modo dettagliato le travolgenti minacce già introdotte nella biosfera; l'innalzamento del livello del mare, solo per uno, sta inevitabilmente andando a costringere la ritirata dalle coste di centinaia di milioni di persone e danni difficili da comprendere a molte delle più grandi città del mondo. Difficile pensarlo come un futuro buono o addirittura fantastico.

Inoltre, non riconoscono la mancanza di sistemi giuridici ed economici e di governance in molti dei luoghi in cui la popolazione aumenterà di più (Africa, Asia), i sistemi necessari per istituire molte delle scelte e delle idee tecnologiche che raccomandano. In questo senso, gli ecomodernisti si presentano più che un po 'occidentali / benestanti / comodi / intellettualmente ingenui.

Ma il vero problema con la loro tesi, speranzosa com'è e corretta sotto molti aspetti, è evidente nelle strade di Pechino, Chengdu e Guangzhou e nei Costcos e nei superstores dell'America … e nell'aumento del consumo di Cina…

 USDA
Fonte: fonte: USDA

… e la crescente domanda di condizionatori d'aria in India …

 Times of India
Fonte: Cortesia: Times of India

Questi sono solo alcuni pezzi di così tante prove che sfidano il suggerimento che possiamo usare la nostra saggezza per superare i nostri istinti di consumo, o sistemi di progettazione che possono prevenire i danni della Bomba del Consumo e della Bomba di Inquinamento, e costruire una buona o addirittura grande Antropocene. Il futuro può essere migliore per gli umani e la madre natura di quanto possiamo prevedere? Assolutamente. Ma la promessa Ecomodernista di un futuro buono o addirittura grande per la vita sulla terra, comunque sulla scala temporale umana, è eccessivamente rosea come i tristi e gli oscuri sono eccessivamente desolati. Ecco perché.

È vero e incoraggiante che, se applicato con saggezza, una serie di incredibili strumenti tecnologici può aiutarci a vivere in modi più sostenibili; energia pulita (nucleare e fonti rinnovabili), biotecnologia per aumentare la produzione di cibo in modi che utilizzano meno terra e fanno meno danni ambientali, tutti i tipi di tecnologie che consentono a ciascuna unità di produzione economica di provocare sempre meno danni ambientali.

Ma il caso Ecomodernist poggia sulla convinzione traballante che possiamo agire "con saggezza". Questo presume che possiamo usare il nostro cervello cosciente per superare gli istinti animali subconsci molto più potenti che costringono il consumo in nome del comfort e della sicurezza. Presume che possiamo usare la ragione cosciente per dare la priorità al maggior bene globale a lungo termine rispetto all'istinto profondamente radicato per preoccuparci di più dell'ora, del locale e di noi stessi.

E il caso Ecomodernista presume che la saggezza possa anche permetterci di superare un'altra profonda credenza istintiva, che l'unica vera 'natura' sia la natura incontaminata dagli umani. Dobbiamo accettare, sostengono giustamente, che gli esseri umani e tutte le nostre tecnologie hanno cambiato irreversibilmente il mondo naturale, quindi non c'è ritorno al giardino dell'Eden. Dobbiamo ammettere che le tecnologie e i processi moderni, sebbene possano aver causato gravi danni alla biosfera, possono, se applicati con saggezza, aiutarci a raggiungere un antropocene buono o addirittura grande.

Ma quella parte della logica Ecomodernista vola anche di fronte alle potenti prove delle religioni e della letteratura e della filosofia del mondo, attraverso la storia e le culture, e da molti campi di ricerca, che la nostra santificazione della natura e la denigrazione di comportamenti umani che danneggiano la natura, è anche un istinto potente e profondamente radicato.

Non possiamo semplicemente augurarli con un appello alla ragione. La ragione non è così potente come i pensatori come gli Ecomodernisti amano crederci. La verità è più vicina al modo in cui lo ha definito il filosofo illuminista scozzese David Hume:

"La ragione è, e dovrebbe essere solo schiava delle passioni, e non può mai fingere in nessun altro ufficio che servire e obbedire a loro"

L'approccio Ecomodernista per salvare il futuro è sfortunatamente ingenuo ottimista, dato che la visione negativa e negativa del futuro è eccessivamente desolante. La sua prescrizione non riconosce che non siamo le creature di ragionamento razionale che ci piace pensare di essere. L'evidenza è schiacciante che i nostri istinti biologici, in particolare il più profondo istinto di tutti, per sopravvivere – sono ancora in gran parte incaricati di come ci comportiamo.

Il Manifesto dell'Ecomodernista offre un saggio argomento secondo cui la tecnologia può aiutarci a vivere in modo più sostenibile e in molti modi migliorare il benessere umano e ambientale. Ma dati i limiti intrinseci alla capacità dell'animale umano di "agire con saggezza", la migliore vita sulla terra in generale può probabilmente sperare che in futuro sia un Antropocene meno cattivo, piuttosto che un'Epoca che gli storici guarderanno indietro e chiameranno buono, o grande.

Solutions Collecting From Web of "La promessa dell'Ecomodernism of A Good (Great!) Future? Troppo roseo"