La privacy è ancora possibile?

Sulla scia delle rivelazioni secondo cui la NSA ha hackerato i nostri telefoni e raccolto enormi quantità di dati personali, possiamo ancora pensare che la privacy sia possibile nel nostro mondo? Sempre più le nostre vite sono libri aperti.

Per la maggior parte, sembra che ci piaccia in questo modo, offrendo costantemente informazioni su noi stessi attraverso i siti di social media. Ci registriamo per reti professionali. Le informazioni sui nostri acquisti vengono comunicate immediatamente a chiunque sia disposto a pagarle. Google sa tutto ciò che abbiamo fatto. Vogliamo essere trovati.

La sicurezza dell'aeroporto esegue regolarmente i raggi X dei nostri bagagli e delle nostre persone. Le telecamere per strada fotografano ogni nostra mossa. Potremmo non sempre intendere "Invia a tutti", ma lo facciamo. Ed è solo perché non ci siamo presi la briga di imparare come hackerare, supponendo che tu non l'abbia fatto, non siamo ancora "Ricevi Tutto".

Quindi è interessante avere i pensieri di una porno star che vive senza scudo, costantemente "fuori". Ha citato da una linea guida per Adult Performers: "Non puoi aspettarti che il tuo nome legale rimanga un segreto, e un nome d'arte non gente stupida che ti riconosce. "

Prende atto di un paradosso apparente: "Mi dedico volentieri a un lavoro che mi riduce a qualche aspetto sessuale di me stesso, ma mi aspetto di essere visto come una persona sfaccettata al di fuori di quel lavoro. . . . Ma questa stessa mancanza di contesto è qualcosa che ognuno di noi può sperimentare. È quello che succede quando un tweet sconsigliato o un'immagine imbarazzante di Facebook diventa virale. "Per conoscere qualcuno, quindi, hai bisogno di più incontri. "Dieci anni fa, avrei giudicato le persone nel corso di diverse conversazioni. Ora li valuto basandomi su alcuni frammenti della loro presenza sui social media. "

La sua soluzione, in altre parole, è di abbracciare la transitorietà e la molteplicità. Nessuno sa chi sei veramente, incluso te, quindi cerca di accettare che tu sia più di una qualsiasi versione di te stesso. Qualunque cosa venga scoperta o scoperta è solo una parte della verità. (Vedi i suoi commenti su The New York Times, "Possiamo informarci sulla privacy dalle pornostar?")

Anni fa, un amico chiese: "Perché hai bisogno di privacy se non hai niente da nascondere?" È una domanda che vale la pena di riflettere. Potresti voler avere il controllo delle rivelazioni intime. Potresti volerti risparmiare imbarazzo. Potresti voler essere in grado di ingannare gli altri, o semplicemente progettare la tua immagine. Tutti i personaggi famosi – non solo le pornostar – affrontano questi compromessi. Ottengono fama e denaro in cambio di essere spiati e inseguiti da sciami di paparazzi. Cosa otteniamo?

Ovviamente non vogliamo che altri possano accedere ai nostri codici bancari, rubare i nostri soldi e le nostre identità. Quelli sono crimini, non insulti o fatti imbarazzanti. Se un amico riporta informazioni imbarazzanti a un altro amico, è un errore etico, una ragione per diffidare del tuo "amico". Ma, in tal caso, non vuoi sapere che è successo?

La privacy non è ancora completamente morta, ma pensaci! Mentre ci avviciniamo inesorabilmente a un mondo in cui non ci sono segreti, vale la pena riflettere su come ti senti su questa sorveglianza implacabile e sul fatto che non c'è molto che puoi fare al riguardo.

Solutions Collecting From Web of "La privacy è ancora possibile?"